For Abdullah Öcalan! For the Kurdish Freedom Struggle! For Abdullah Öcalan! For the Kurdish Freedom Struggle! 15 Febbraio 2021 Seidik Abba: «La soluzione per il Sahel non può essere solo militare» Seidik Abba: «La soluzione per il Sahel non può essere solo militare» 13 Febbraio 2021 Regno Unito. La Corte suprema contro Shell: «Risarcisca le comunità nel Delta del Niger» Regno Unito. La Corte suprema contro Shell: «Risarcisca le comunità nel Delta del Niger» 13 Febbraio 2021 Torino: bocciata la richiesta di censura per Dana della direttrice del carcere Torino: bocciata la richiesta di censura per Dana della direttrice del carcere 13 Febbraio 2021 La svolta autoritaria nei Paesi del Gruppo di Visegrád La svolta autoritaria nei Paesi del Gruppo di Visegrád 12 Febbraio 2021 Pandemia. Corsa contro il tempo per la diffusione delle varianti Pandemia. Corsa contro il tempo per la diffusione delle varianti 12 Febbraio 2021 Kurdistan. «Ocalan libero, un altro Medio Oriente è possibile» Kurdistan. «Ocalan libero, un altro Medio Oriente è possibile» 12 Febbraio 2021 Ecuador: ancora in campo l’altra sinistra possibile di Yaku Pérez Ecuador: ancora in campo l’altra sinistra possibile di Yaku Pérez 12 Febbraio 2021 Myanmar. Nasce un parlamento clandestino che sfida la giunta golpista Myanmar. Nasce un parlamento clandestino che sfida la giunta golpista 11 Febbraio 2021 L’appello: «Basta respingimenti e violenze alle frontiere europee» L'appello: «Basta respingimenti e violenze alle frontiere europee» 11 Febbraio 2021

GLOBAL RIGHTS MAGAZINE

INTERNATIONAL MAGAZINE

December 2019 ISSUE SPECIAL #07


EDITORIALE

ROJAVA: QUESTO PROGET TO NON S’HA DA FARE

DEMOCRA ZIA RADICALE, CONFEDERALISMO DEMOCRATICO

Che le vittime non siano numeri

Mentre andiamo in stampa giungono dal Til Rifat le immagini strazianti dell’ennesimo attacco della Turchia.

[pdf-embedder url=”https://test.dirittiglobali.it/wp-content/uploads/2020/07/7-GR-NUMERO-ROJAVA7-ITA.pdf”]

Questa volta le vittime sono i più piccoli. Otto bambini tra i 3 e i 15 anni colpiti mentre giocavano nel cortile della loro scuola. Una scuola aperta in esilio. Perché questi bambini erano fuggiti dall’aggressione turca a Afrin, la loro città, nel marzo 2018. A Til Rifat, aiutati dall’Amministrazione Autonoma avevano cominciato a ricostruire faticoasmente una parvenza di “normalità”. La scuola per l’Amministrazione Autonoma era un punto cruciale per restituire quel po’ di vita “normale” a questi bambini.

Ma la “normalità” è durata poco. Il 2 dicembre, le loro vite sono state spazzate via. Il verbo è duro, ma esprime purtroppo drammaticamente bene il disprezzo della vita che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan costantemente ribadisce.

Il 9 ottobre 2019 è iniziata la nuova operazione turca contro la Federeazione del Nord Est della Siria. Complici di questa operazione di sterminio tutti. Gli Stati Uniti, che hanno dato il via libera all’aggressione ritirandosi repentinamente per ordine del presidente Donald Trump. La Russia, che gioca su più tavoli, sempre a scapito delle popolazioni, tutte, che abitano la terra di Siria.

L’Unione Europea che timidamente ha protestato di fronte alla violenza dei mercenari al soldo di Erdogan. L’ONU che ormai è patetica nel suo “esigere” il rispetto dei diritti umani. Come se F-16, droni armati, tank, bombe, fossero qualcosa di intelligente. E soprattutto come se l’obiettivo della guerra non fosse l’annientamento…

Di fronte a questo ennesimo massacro del popolo kurdo e delle popolazioni dai nomi mitici che abitano il nord est della Siria e Rojava, gli assiri, gli armeni… resta solo la voce di quanti gridano giustizia. Questo numero di Global Rights Magazine si unisce al coro di quanti si stanno schierando a fianco del popolo kurdo.

Ci ostiniamo, parafrasando Antonio Gramsci, a rifiutare l’indifferenza. Continuiamo per questo a denunciare i crimini del governo turco contro Rojava e il nord est della Siria ma anche contro la popolazione kurda interna alla Turchia e tutti coloro che si oppongono al governo del “nuovo sultano”.

E denunciamo anche le continue aggressioni di Ankara in nord Iraq, Kurdistan del sud. E denunciamo il Governo Regionale del Kurdistan per le timide (quando le avanza) obiezioni di fronte ai sempre più pesanti attacchi e incursioni in territorio iracheno.

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, il Primo Ministro britannico Boris Johnson, il Presidente francese Emmanuel Macron e la Cancelliera Angela Merkel si sono incontrati a Londra a latere del vertice NATO, il 3 dicembre. L’incontro si è concluso con un nulla di fatto, come esplicitato nelle dichiarazioni spesso contraddittorie dei quattro capi di stato sullo stesso. Se per Erdoğan l’incontro è stato “positivo” per Macron rimangono “le incertezze dell’inizio” e per Merkel “ci sarà bisogno di altri incontri”.

Il prossimo sarà a febbraio e coinvolgerà nuovamente i quattro capi di Stato e di governo. Nel frattempo la solidarietà internazionale debe far sentire la sua voce più che mai. Perché la morte dei piccoli di Til Rifat e di tutti gli altri civili (al 4 dicembre oltre 200) non sia solo e ancora un altro macabro numero. Questo numero è dedicato alla segretaria generale del Partito del Futuro della Siria, Hevrin Xelef, brutalmente assassinata da mercenaria al soldo della Turchia il 12 ottobre 2019 e alle vittime di Til Rifat:

 

Mihmed Ali (11 anni),

Mistefa Mihmed (10 anni),

Mihmed Haci (7 anni),

Arif Cafer (6 anni),

Imad Ehmed (9 anni),

Abdul Fetah (3 anni),

Semir Abdurihman (12 anni),

Mihmed Adulriham (15 anni),

Hisên Abdulha Kildedo (74 anni),

Ali Mehmud Osman (63 anni)


VERSIONI

RIVISTE RECENTI

DIRITTI GLOBALI

a cura dell’Associazione Società INformazione

info@dirittiglobali.it

Questo sito è da considerarsi un blog e non una testata giornalistica. Non persegue alcuno scopo commerciale e l’accesso è totalmente gratuito. Alcune delle immagini pubblicate sono tratte da Internet, così come articoli e notizie; qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi e verranno prontamente rimosse. Di ogni articolo pubblicato in questo sito è indicata chiaramente la fonte e l’autore. Non necessariamente il sito www.dirittiglobali.it condivide i contenuti e le opinioni che pubblica e che provengono da altre fonti e testate, rispetto a cui declina dunque ogni responsabilità . I commenti dei lettori non sono da attribuirsi a www.dirittiglobali.it, ma ai lettori stessi, i quali se ne assumono pienamente la responsabilità.

CATEGORIE

RECORD