Terra dei fuochi: per gli sversamenti illeciti alta mortalità da tumori

Terra dei fuochi: per gli sversamenti illeciti alta mortalità da tumori

Tumore al seno, asma, leucemie, malformazioni congenite e altre gravissime patologie che colpiscono gli abitanti della Terra dei fuochi, tra Napoli e Caserta, sono legate allo smaltimento illegale dei rifiuti. Una realtà a lungo negata. Ad attestare la relazione causale, o anche di concausa, è il rapporto realizzato grazie all’accordo stipulato nel giugno 2016 tra la procura di Napoli Nord e l’Istituto superiore di Sanità. L’intesa aveva l’obiettivo di raccoglie e condividere dati relativi agli eccessi di mortalità, all’incidenza tumorale e all’ospedalizzazione per diverse patologie che ammettono tra i fattori di rischio accertati o sospetti l’esposizione a inquinanti. Infine produrre una mappa di rischio dell’area dove è alta l’incidenza delle attività ambientali illecite.

Nel 2014 l’allora ministra Beatrice Lorenzin attribuì i dati drammatici sull’incidenza dei tumori nell’area «agli stili di vita». Lo scorso dicembre la commissione d’inchiesta regionale sul fenomeno è stata cancellata. Un anno fa il governatore De Luca spiegava: «I tre tumori per i quali siamo sopra la media nazionale sono quelli del fegato, del polmone e il mesotelioma. Per quello ai polmoni, gli esperti spiegano che deriva dal fatto che la Campania ha il livello più alto di fumatori assieme al Lazio e all’Umbria».

La mappa stilata dall’Iss conta 2.767 siti di smaltimento illegale su 38 comuni che insistono su 426 km quadrati. Più di un cittadino su tre, il 37% dei 354mila residenti, vive ad almeno 100 metri di distanza da uno di questi siti, sorgenti di emissione e di rilascio di composti chimici pericolosi per la salute. I comuni sono divisi in quattro classi con fattori di rischio crescenti. Solo Giugliano e Caivano sono di livello 4; Cardito, Casoria, Melito, Mugnano e Villaricca sono di livello 3. Si tratta di amministrazioni che rientrano tutte nella provincia di Napoli. Undici sono di livello 2, di queste sette del casertano (Aversa, Casal di Principe, Sant’Arpino, Casaluce, Gricignano d’Aversa, Lusciano e Orta di Atella) e quattro nel napoletano (Afragola, Casandrino, Crispano e Qualiano).

La mortalità e l’incidenza del tumore al seno, spiega il report, è «significativamente maggiore tra le donne dei comuni inclusi nella terza e quarta fascia» come per «l’ospedalizzazione per asma», di per sé già alta rispetto al resto del territorio in tutti e 38 i comuni ma che cresce di molto nella terza e quarta fascia. Anche le malformazioni congenite sono maggiori nei comuni del livello 4. L’incidenza delle leucemie e dei ricoverati per asma nella popolazione da 0 a 19 anni «aumenta significativamente passando dai comuni della classe 1 a quelli della classe successiva, con il rischio maggiore nei comuni di classe 4».

I comitati locali si battono da anni per ottenere le bonifiche, la sorveglianza del territorio ma anche delle filiere produttive per fermare gli sversamenti illegali, l’organizzazione di un percorso virtuoso di gestione del ciclo dei rifiuti, la sorveglianza epidemiologica permanente delle popolazioni con prevenzione e screening.

* Fonte: Adriana Pollice, il manifesto



Related Articles

Expo 2015. A che punto siamo?

  Corsa contro il tempo per la Expo 2015 – Foto: ilmondo.it

Qualche giorno fa ho fatto un gioco. Camminando in piazza del Duomo, ho chiesto a una cinquantina di passanti se sapessero qual è il tema di Expo 2015, il senso dell’evento, la ragione ultima per la quale più di 100 paesi e 20 milioni di visitatori si catapulteranno a Milano, tra maggio e ottobre del 2015. Solo in sette sapevano, circa il 15 percento.

Tav Torino-Lione, Lupi balla sui costi. Renzi lo «declassa»

Torino-Lione. Il finanziamento europeo, che Italia e Francia devono chiedere entro fine febbraio, rimane, in realtà, una chimera

Democrazia delle dighe

Sono passati dieci anni da quando la World Commission on Dams (Wcd, commissione internazionale sulle dighe), presentò a Londra i risultati di due anni di intenso lavoro. Alla presenza di autorevoli esponenti del mondo politico globale, tra cui Nelson Mandela, storico leader della lotta contro l’apartheid ed ex presidente del Sud Africa, fu resa pubblica la summa di tutti gli effetti negativi dei mega sbarramenti sparsi per il mondo. Tanto per citare due dati: il 75 per cento dei progetti non aveva raggiunto l’obiettivo di produzione elettrica prefissato e, soprattutto, si calcolavano tra 40 e 80 milioni le persone sfollate a causa di queste opere. La Commissione, di natura indipendente, fu prima di tutto un’esperienza unica di democrazia, visto che ne facevano parte rappresentanti di governi, imprese, organizzazioni non governative e movimenti di base d’opposizione alle dighe: che si sedettero allo stesso tavolo, effettuarono ricerche e analisi, e discussero vis a vis su invito della Banca mondiale – all’epoca sotto pressione per le opposizioni suscitate dal suo sostegno alle centrali idroelettriche.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment