Terra dei fuochi: per gli sversamenti illeciti alta mortalità da tumori

Terra dei fuochi: per gli sversamenti illeciti alta mortalità da tumori

Tumore al seno, asma, leucemie, malformazioni congenite e altre gravissime patologie che colpiscono gli abitanti della Terra dei fuochi, tra Napoli e Caserta, sono legate allo smaltimento illegale dei rifiuti. Una realtà a lungo negata. Ad attestare la relazione causale, o anche di concausa, è il rapporto realizzato grazie all’accordo stipulato nel giugno 2016 tra la procura di Napoli Nord e l’Istituto superiore di Sanità. L’intesa aveva l’obiettivo di raccoglie e condividere dati relativi agli eccessi di mortalità, all’incidenza tumorale e all’ospedalizzazione per diverse patologie che ammettono tra i fattori di rischio accertati o sospetti l’esposizione a inquinanti. Infine produrre una mappa di rischio dell’area dove è alta l’incidenza delle attività ambientali illecite.

Nel 2014 l’allora ministra Beatrice Lorenzin attribuì i dati drammatici sull’incidenza dei tumori nell’area «agli stili di vita». Lo scorso dicembre la commissione d’inchiesta regionale sul fenomeno è stata cancellata. Un anno fa il governatore De Luca spiegava: «I tre tumori per i quali siamo sopra la media nazionale sono quelli del fegato, del polmone e il mesotelioma. Per quello ai polmoni, gli esperti spiegano che deriva dal fatto che la Campania ha il livello più alto di fumatori assieme al Lazio e all’Umbria».

La mappa stilata dall’Iss conta 2.767 siti di smaltimento illegale su 38 comuni che insistono su 426 km quadrati. Più di un cittadino su tre, il 37% dei 354mila residenti, vive ad almeno 100 metri di distanza da uno di questi siti, sorgenti di emissione e di rilascio di composti chimici pericolosi per la salute. I comuni sono divisi in quattro classi con fattori di rischio crescenti. Solo Giugliano e Caivano sono di livello 4; Cardito, Casoria, Melito, Mugnano e Villaricca sono di livello 3. Si tratta di amministrazioni che rientrano tutte nella provincia di Napoli. Undici sono di livello 2, di queste sette del casertano (Aversa, Casal di Principe, Sant’Arpino, Casaluce, Gricignano d’Aversa, Lusciano e Orta di Atella) e quattro nel napoletano (Afragola, Casandrino, Crispano e Qualiano).

La mortalità e l’incidenza del tumore al seno, spiega il report, è «significativamente maggiore tra le donne dei comuni inclusi nella terza e quarta fascia» come per «l’ospedalizzazione per asma», di per sé già alta rispetto al resto del territorio in tutti e 38 i comuni ma che cresce di molto nella terza e quarta fascia. Anche le malformazioni congenite sono maggiori nei comuni del livello 4. L’incidenza delle leucemie e dei ricoverati per asma nella popolazione da 0 a 19 anni «aumenta significativamente passando dai comuni della classe 1 a quelli della classe successiva, con il rischio maggiore nei comuni di classe 4».

I comitati locali si battono da anni per ottenere le bonifiche, la sorveglianza del territorio ma anche delle filiere produttive per fermare gli sversamenti illegali, l’organizzazione di un percorso virtuoso di gestione del ciclo dei rifiuti, la sorveglianza epidemiologica permanente delle popolazioni con prevenzione e screening.

* Fonte: Adriana Pollice, il manifesto



Related Articles

Centosette morti alla Mar­lane, ma «il fatto non sussiste»

Calabria. Sette dirigenti della famosa fabbrica tessile di Praia a Mare erano accusati di disastro ambientale, omicidio colposo plurimo e lesioni. Tra gli imputati principali il conte Marzotto. La difesa annuncia il ricorso in appello

I nemici dei selvatici

La foto della «Reuters» è molto triste: morto, a terra, l’ultimo rinoceronte adulto che era sopravvissuto nel parco sudafricano Krugersdorp, 1.500 ettari visitati ogni anno da 200mila persone. Una femmina di nove anni. Un buco insanguinato al posto del corno. Proprio per quello è stata uccisa pochi giorni fa dai bracconieri, come in Sudafrica è successo già  a 129 rinoceronti nel 2009; nel 2010 il conto è già  a quota 136.

Ecco il secondo buco dell’ozono “Nell’Artico come al Polo Sud”

Lo strappo nella coperta che ci protegge dagli ultravioletti si è aperto nella primavera scorsa per quasi un mese. Per Nature si tratta di una “distruzione senza precedenti”: l’eccesso di radiazione ha colpito le regioni settentrionali.  Colpa di un inverno molto rigido nella stratosfera e dei composti di cloro e fluoro 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment