L’appello: «Basta respingimenti e violenze alle frontiere europee»

L’appello: «Basta respingimenti e violenze alle frontiere europee»

L’Unione europea e gli stati membri devono mettere fine a respingimenti, espulsioni collettive e violenze contro migranti e rifugiati che continuano a ripetersi lungo le frontiere esterne. Lo ha chiesto ieri l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) con un appello che nasce dai tanti casi pratiche illegali e abusi realizzati dalle stesse autorità.

Hanno interessato 12.654 persone quelli documentati nelle 1.500 pagine del «Libro nero dei respingimenti», redatto dall’organizzazione Border Violence Monitoring Network e presentato a dicembre scorso al parlamento europeo dai partiti raccolti nel gruppo The Left.

«La sovranità degli Stati, compresa la competenza a mantenere l’integrità dei loro confini, deve allinearsi agli obblighi indicati dal diritto internazionale e rispettare diritti umani e libertà fondamentali di tutti», afferma Eugenio Ambrosi, capo di gabinetto Oim a Ginevra. L’Oim accoglie con favore le recenti indagini su respingimenti e violenze e si augura che il Patto europeo su immigrazione e asilo istituisca un meccanismo indipendente di monitoraggio delle frontiere. Tra le righe si legge una critica a Frontex, l’agenzia europea finita sotto accusa per i respingimenti nell’Egeo.

A gennaio, in seguito all’audizione a Bruxelles del direttore Fabrice Leggeri, The Left ha creato un gruppo di lavoro per controllarne l’operato. «Leggeri ha mentito due volte in Parlamento e se ne deve andare – afferma l’eurodeputata Sira Rego (Izquierda Unida), membro del «Frontex Scrutiny Working Group» – Ma le dimissioni di Leggeri non bastano. Il problema è Frontex stesso e le sue continue violazioni dei diritti umani nei confini dell’Europa. Il problema sono le politiche dell’Europa Fortezza».

* Fonte: Giansandro Merli, il manifesto



Related Articles

Dal caos della Libia ai mancati soccorsi tutte le falle di Triton

Ecco perché la missione europea che ha sostituito Mare Nostrum, due mesi dopo il suo inizio è già un fallimento

Operazione “maglie larghe” nessun controllo nei Cie così si aiuta la fuga all’estero

È la leva con cui Roma conta di trascinare i cugini d’Oltralpe al centro della crisi. Nel 2008 la dispersione era del 5 per cento, oggi l’esodo verso il confine è del 20 Descritta da una parola: «dispersione». E documentata da un numero: i circa 3 mila e 500 tunisini sbarcati negli ultimi 40 giorni a Lampedusa, trasferiti sulla terra ferma, lasciati allontanare dai centri di prima accoglienza, e ora in marcia verso la frontiera di Ventimiglia e il confine francese.

L’Organizzazione marittima affida ampia zona Sar alla Guardia costiera libica

Caos Libia. A Ghat nel Fezzan proteste contro l’arrivo della task force miltare italiana per il controllo della frontiera Sud

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment