Corte penale internazionale: indagare Israele per crimini di guerra

Corte penale internazionale: indagare Israele per crimini di guerra

La Corte penale internazionale dell’Aia ha approvato ieri la richiesta del procuratore Fatou Bensouda di aprire una indagine formale contro Israele – e contro il movimento islamico Hamas – per crimini di guerra. I palestinesi hanno accolto con grande soddisfazione il riconoscimento, contro il parere di Israele, della giurisdizione della Corte nei loro territori sotto occupazione militare. Bensouda nel 2019 ha scritto che «c’è motivo per credere che crimini di guerra siano stati commessi nel contesto delle ostilità del 2014 a Gaza», riferendosi all’offensiva Margine di Protezione, che le forze israeliane abbiano lanciato «intenzionalmente attacchi sproporzionati» e che le autorità israeliane abbiano commesso crimini «trasferendo civili (i coloni, ndr) in Cisgiordania».

* Fonte: Michele Giorgio, il manifesto

 

ph by International Criminal Court



Related Articles

Nei quartieri arabi la culla della violenza “Abbandonati da tutti così vince l’odio”

Chi vive in questa area è cittadino israeliano ma spesso si sente discriminato La barriera è stata voluta come protezione: però fa crescere la rabbia

Zero fondi, si rischia Rosarno bis

Quando si insediò, del governo Monti si disse: liberista in economia, liberale sui diritti civili, addirittura progressista sul tema delle migrazioni. Cinque mesi dopo invece la musica è un’altra: ultraliberista in economia, pavido e immobile in tema di libertà  civili.

Due Miliardi di Cristiani sulla Terra quelli Europei Contano sempre meno

Un secolo fa, sei cristiani su dieci erano europei. Oggi in Europa vive solo il 26% dei cristiani del mondo, mentre la maggior parte, il 37% contro il 27% del 1910, vive nelle Americhe.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment