La Società della Cura “dona” 175 miliardi a Governo e Enti Locali

La Società della Cura “dona” 175 miliardi a Governo e Enti Locali

Reddito e aiuti per tutt*, ristori, per attività economiche e attività culturali, poi investimenti nella sanità e nei servizi pubblici: i soldi per queste spese ci sono e possono essere resi disponibili subito con 4 semplici misure, con calcoli accurati quanto intuitivi contenuti in un documento elaborato e condiviso dalla Società della Cura, convergenza tra oltre 350 realtà collettive e da oltre 1200 persone attive in Italia nella solidarietà, l’ambientalismo, il sindacato e la cura delle proprie comunità.

In più di 15 città italiane attiviste e attiviste della Società della Cura domani 22 dicembre consegneranno simbolicamente un “Dono di Natale” da 175 miliardi al Governo nazionale e agli Enti locali per misure di emergenza nella crisi, perché nessun* venga lasciato indietro.

Dopo oltre un mese di approfondimenti tematici locali e nazionali le realtà hanno condiviso un documento in cui denunciano che “non è andato tutto bene. E continua a non andare nella direzione giusta. L’emergenza sanitaria prosegue e la crisi economica, dentro una crisi ecologica globale, rende più profonde le diseguaglianze sociali, culturali e di genere. Le politiche sinora adottate hanno approfondito la disgregazione delle relazioni sociali, hanno reso ancora più odiosa e crudele la gerarchia fra vite degne e vite da scarto, hanno costretto le persone a scegliere fra diritto al reddito e diritto alla salute, hanno discriminato tra chi ha accesso a cure e reddito e chi ne è escluso”.

Che cosa propongono

Innanzitutto di recuperare risorse per 47 miliardi con quattro “misure di emergenza”:

– Una Tassa Patrimoniale da 25 miliardi, tassa straordinaria del 0,5% sulla ricchezza patrimoniale compresa fra i 500mila e 1 milione di euro; del 2% su quella compresa fra 1 milione e 100 milioni di euro; del 3% sulla ricchezza patrimoniale compresa fra 100 milioni e 1 miliardo; del 5% su quella superiore al miliardo di euro.

– una Tassa ‘Paperoniale’ da 10 miliardi, tassa straordinaria del 3% su tutti i portafogli finanziari con valore superiore a 880.000 euro, ovunque detenuti, da persone fisiche o giuridiche aventi cittadinanza italiana al momento dell’entrata in vigore

– una Web Tax da 8 miliardi, un’aliquota del 30% per società con un ammontare complessivo di ricavi annui non inferiore ai 500 milioni di euro e un ammontare di ricavi da servizi digitali non inferiori ai 2,5 milioni di euro

– una tassa sulle Transazioni finanziarie da 4 miliardi, tassa con aliquota differenziata dal 0,1 al 0,8% a seconda della natura più o meno speculativa dello strumento finanziario utilizzato, da applicare a tutte le transazioni finanziarie (scambi di azioni, obbligazioni, scambi valutari e contratti derivati) sia sui mercati regolamentati che over the counter (OTC).

Abrogando i sussidi ambientalmente dannosi (per 23,2 miliardi/anno), cancellando le grandi opere inutili (per 30 miliardi) e la onerosa e crudele esternalizzazione delle frontiere (per 500 milioni), riducendo drasticamente le spese militari (per 10,8 miliardi/anno), utilizzando come ‘cassa’ i fondi dei nostri risparmi presso Cassa Depositi e Prestiti (63,5 miliardi), si potrebbero mobilizzate ben 175 miliardi.

In che cosa li vogliono investire?

Reddito per tutt* (15 miliardi) nella direzione di un reddito universale; Aiuti per tutt* (15 miliardi) con il divieto dei distacchi delle utenze, il blocco degli sfratti e l’estensione dei buoni spesa; Ristori per piccole attività economiche (10 miliardi); Ristori per attività associative, culturali e sportive senza fini di lucro (10 miliardi); Blocco dei licenziamenti a tutto il 2021.

Chiediamo di stanziare 40 miliardi per il solo Servizio Sanitario Nazionale pubblico; 30 miliardi per la scuola pubblica; 30 miliardi per un trasporto pubblico locale in sicurezza e qualità; 25 miliardi per le politiche sociali.

“Da subito, chiediamo l’apertura di un confronto pubblico e trasparente nel Paese, con il coinvolgimento attivo di tutte le persone e le realtà sociali, per avviare, anche in vista dell’arrivo dei fondi europei, un piano di radicale conversione ecologica, sociale, economica e culturale della società le lotte, il mutualismo, la solidarietà e la Costituzione indicano la strada”

 

Il documento integrale del “Dono di Natale” è disponibile qui.

 

Qui l’elenco, gli orari e i/le referenti delle consegne, in continuo aggiornamento.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

Via D’Amelio, l’affondo di Boccassini «L’avevo detto che il pentito mentiva»

 Il magistrato: lo scrissi ai colleghi, ma proseguirono l’indagine sbagliata

La Boccassini spiega di aver chiesto di cercare di chiarire le incongruenze su Scarantino, ma gli accertamenti sarebbero stati rinviati. Così il presunto pentito viene giudicato credibile e le dichiarazioni portano all’ergastolo diverse persone

Italiano morto in carcere in Francia

E’ un trentenne di Viareggio, arrestato per uso carta credito falsa

VIAREGGIO (LUCCA)  – Era stato arrestato, nel marzo scorso, in un Casinò della Costa Azzurra con l’accusa di falsificazione e uso improprio di carta di credito. Cinque mesi dopo, Daniele Franceschi, 31 anni, carpentiere di Viareggio, sposato, separato e padre di un bambino di 9 anni, è morto in una cella del carcere di Grasse, nell’entroterra di Cannes, in circostanze tutte da chiarire.

“I passeggeri dei treni non sono tutelati” Italia deferita dalla Ue

Ferma da 5 anni la direttiva Ue che garantisce i viaggiatori adesso la Corte di Giustizia deciderà le sanzioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment