Egitto. Il giorno di Natale l’Italia ha inviato la prima nave da guerra per al-Sisi

Egitto. Il giorno di Natale l’Italia ha inviato la prima nave da guerra per al-Sisi

La più contestata delle vendite di equipaggiamento militare si conclude in sordina, così come iniziata: il 5 febbraio scorso su queste pagine avevamo rivelato la vendita di due fregate Fremm Bergamini di Fincantieri al regime egiziano, un affare da 1,2 miliardi di euro per due navi – la Emilio Bianchi F599 e la Spartaco Schergat F598 – inizialmente destinate alla Difesa italiana e poi virate sul Cairo senza comunicazioni ufficiali al parlamento.

Un affare enorme, possibile grazie alla collaborazione di banche europee e agenzie di credito (tra gli altri Cassa Depositi e Prestiti, Sace, Intesa Sanpaolo, Bnp Paribas e Santander) che copriranno parte della spesa egiziana con prestiti da 500 milioni.

All’epoca Fincantieri non aveva voluto rilasciare dichiarazioni, solo dopo montò la polemica che costrinse il governo a metterci una pezza promettendo di rivedere l’accordo e poi (con il premier Conte) affermando che per avere verità dal regime sull’omicidio di Giulio Regeni era meglio fare business e tenerselo amico.

Altrettanto in sordina la prima delle due navi, la Spartaco Schergat, ancorata a Muggiano, vicino La Spezia, è stata ribattezzata dal regime con il nome «Al Galala», riferimento a uno dei mega progetti infrastrutturali voluti dal presidente al-Sisi e realizzati dalle imprese dell’esercito (fulgido esempio di forze armate imprenditrici e di un oligopolio che garantisce potere economico e dunque politico).

Il 23 dicembre, a due giorni da Natale, di nuovo in sordina (come raramente accade) a Muggiano si è svolta la cerimonia di consegna da Fincantieri alla Marina militare egiziana. Lo ha rivelato Rete Disarmo, con a corredo due foto dove sono ben visibili le bandiere egiziane e alti ufficiali che fanno il saluto militare.

«Il tentativo di tenere nascosta la consegna e la successiva partenza alla volta dell’Egitto durante il periodo natalizio – scrive Rete Disarmo – manifesta chiaramente l’imbarazzo da parte del governo italiano: non solo nessun rappresentante dell’esecutivo ha partecipato alla cerimonia, ma non ci risulta alcun comunicato ufficiale da parte dei vari ministeri in qualche modo coinvolti».

La Al-Galala è partita il giorno di Natale, secondo Agenzia Nova arriverà lungo le coste egiziane il 31 dicembre. Seguirà il resto del pacchetto già autorizzato dall’Italia, tra i 9 e gli 11 miliardi di euro (record) per 20 pattugliatori, 24 caccia Eurofighter e 20 aerei addestratori M346.

Intanto continuano ad arrivare munizioni: secondo Giorgio Beretta, analista di Opal, dalla provincia di Cagliari a giugno sono stati esportati 8.121.300 euro di munizionamento pesante all’Egitto. Lo dicono i dati Istat, nella neonata categoria “Altri prodotti in metallo”. Ma con simili numeri, spiega Beretta, quel metallo serve a camuffare armi prodotte dalla Rwm Italia di Domunsnovas (la stessa che parla di crisi aziendale, come spiegavamo lo scorso 15 novembre su queste colonne).

E mentre Al-Galala lasciava le acque italiane, a Tora – la famigerata prigione del Cairo per i detenuti politici – lo studente Patrick Zaki vedeva la famiglia. Il 28 dicembre ha consegnato loro un biglietto scritto in italiano: «Buon natale a tutti i miei colleghi e sostenitori. Fate sapere che sono qui perché sono un difensore dei diritti umani». Durante l’incontro il giovane ha detto ai genitori – riporta la pagina Facebook “Patrick Libero” – di essere certo che questa detenzione altro non sia che una punizione per il suo lavoro.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto

 

ph by: Rama, CC BY-SA 2.0 FR <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/fr/deed.en>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Europeismo o fascismo?

content topEuropeismo o fascismo?

Per un italiano ed europeo cresciuto al motto di Carlo Rosselli “europeismo o fascismo” (era il 1935), la notizia della ripresa dei controlli alle frontiere della Danimarca non è soltanto il segnale di un passo indietro dagli accordi di Schengen, ma un tangibile elemento della crisi dell’Europa come progetto e come sentire.

«Addio Fidel, difenderemo sempre la patria e il socialismo»

Hasta siempre. Nella città «eroica» di Santiago, Raúl ha ricordato il lascito storico e il testamento politico del fratello maggiore. Ora è insieme al poeta, scrittore e politico, ispiratore del Partito rivoluzionario di Cuba, José Martí

Giustizia a Santa Fè

Dopo due movimentati anni di battaglie giudiziarie, processi e appelli, nella provincia argentina di Santa Fè sembra farsi largo un po’ di legalità  ambientale. Da tempo gli abitanti dei quartieri di Urquiza e di San Jorge protestavano contro l’uso di pesticidi agricoli in prossimità  dell’area urbana.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment