Balcani. Cacciati i rifugiati dal campo di Lipa, l’OIM protesta

Balcani. Cacciati i rifugiati dal campo di Lipa, l’OIM protesta

Il campo profughi di Lipa in Bosnia-Erzegovina è stato definitivamente sgomberato. Nella tarda serata di lunedì è iniziato il trasferimento di un primo gruppo di migranti, circa 350, rimasti nella tendopoli andata a fuoco una settimana fa. Undici autobus hanno portato via gli altri migranti che si trovavano nel campo e nelle foreste circostanti.

I media locali riferiscono che i rifugiati dovrebbero essere portati in alcuni centri di accoglienza vicino Sarajevo e in altre strutture di Bihac, la cittadina vicina al confine con la Croazia, tappa obbligata per il passaggio verso l’Europa.

Al momento dello sgombero era presente il personale della Croce Rossa, di Save the Children, oltre che dell’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (Oim). L’Agenzia dell’Onu, che aveva interrotto le attività sul campo in polemica con le autorità locali per non aver provveduto ad attrezzare la tendopoli per l’inverno, aveva chiesto a più riprese una soluzione immediata per il trasferimento dei migranti e prevenire così una catastrofe umanitaria.

L’Oim aveva criticato inoltre le autorità bosniache per non aver provveduto alla tutela minima dei migranti, affermando che sull’intero territorio del Cantone di Una Sana, la regione più interessata dai flussi migratori, sarebbero tremila i migranti fuori dai centri di accoglienza.

D’altra parte, le autorità cantonali si erano opposte al ricollocamento dei profughi sul proprio territorio. A inizi settembre la città di Bihac aveva ordinato la chiusura del centro di accoglienza allestito nell’ex fabbrica del Bira che ospitava circa tremila migranti, disponendo il divieto di ingresso dei profughi provenienti da altre zone del Paese. Alcuni rifugiati sono stati obbligati a scendere al confine con il cantone, in una terra di nessuno nelle vicinanze di Otoka, altri erano stati trasportati al campo di Lipa.

Secondo quanto riportato da Aljazeera Balkans, il governo starebbe valutando l’ipotesi di trasformare il campo profughi di Lipa, a 30 km da Bihac, in un centro di accoglienza permanente, prima però sono necessari dei lavori per dotare la tendopoli di riscaldamenti, rete elettrica e acqua corrente.

Intanto un gruppo di residenti di Bradina, villaggio di Konjic, in Erzegovina, si è radunato davanti ai capannoni di una struttura militare per protestare contro l’arrivo di alcuni migranti del campo di Lipa. Il ministro delle Finanze Vjekoslav Bevanda ha diramato una nota in cui sottolinea che non esiste alcuna delibera o documento ufficiale dell’esecutivo che dispone il trasferimento dei profughi nel villaggio. Sventata la catastrofe umanitaria, insomma resta l’incubo dell’intolleranza.

* Fonte: Alessandra Briganti, il manifesto



Related Articles

Francia. La polizia comincia a smantellare «la Giungla» di Calais

CALAIS «Siamo tutti stanchi. Noi poliziotti, i migranti, gli abitanti di Calais, i camionisti che cercano di arrivare al porto

Omofobia. Il nuovo muro che divide l’Europa

Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca: una generazione dopo la fine dell’Impero del male, discriminazioni e ostilità  contro le comunità  gay aumentano alimentate da minoranze populiste che attizzano l’odio per ottenere consensi. Nel silenzio delle istituzioni europee e spesso anche della Chiesa.
Il muro dell’omofobia non è ancora caduto, i populisti attizzano l’odio, la Chiesa si rende complice. E gli ultrà  violenti si scatenano

Reportage dal Brasile malato e in bilico verso la rivolta

Un racconto lungo e dettagliato racconto della situazione in Brasile, tra Covid19, povertà e i rigurgiti neo fascisti di Bolsonaro sempre più fuori controllo. Il paese sull’orlo della rivolta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment