Arabia saudita. Oltre 5 anni di carcere per l’attivista Loujain Al Hathloul

Arabia saudita. Oltre 5 anni di carcere per l’attivista Loujain Al Hathloul

La buona notizia è che Loujain Al Hathloul sarà scarcerata nel giro di due-tre mesi, forse già a marzo, grazie alla sospensione della pena decisa dai giudici. La brutta è che comunque l’attivista saudita per i diritti delle donne è stata condannata a cinque anni e otto mesi di prigione – per cinque anni non potrà uscire dal paese – da un tribunale speciale per l’antiterrorismo. I media sauditi, megafoni della monarchia, spiegavano ieri che Al Hathloul è stata giudicata colpevole di «varie attività proibite dalla legge antiterrorismo» e perché avrebbe favorito una «agenda straniera». Il ministro degli esteri Faisal ben Farhan Al-Saud ha aggiunto che la donna sarebbe stata in contatto con Stati «ostili» ai quali avrebbe fornito «informazioni riservate». Ma durante le indagini e nel processo non è stata mostrata alcuna prova o testimonianza a sostegno di questi reati. «Loujain ha pianto al termine della lettura della sentenza. Dopo quasi tre anni di detenzione arbitraria, tortura e isolamento, ora la condannano e la etichettano come terrorista. Loujain farà appello contro la sentenza», ha scritto Lina Al Hathloul, sorella dell’attivista. Le accuse sono giudicate assurde da più parti poiché Al Hathloul è solo stata protagonista della battaglia per il diritto alla guida per le donne e ha invocato in qualche tweet il rispetto dei diritti umani.

La sospensione della pena di due anni e dieci mesi sarà applicata solo a condizione che l’attivista non commetta «un nuovo crimine entro tre anni». Avendo già trascorso due anni e mezzo in prigione in custodia cautelare, Al Hathloul dovrebbe tornare a casa tra poche settimane. Da un lato è positivo – la decisione dei giudici con ogni probabilità è frutto delle pressioni internazionali –, dall’altro la sospensione della pena imbavaglia l’attivista che per i prossimi tre anni dovrà restare in silenzio assoluto per non rischiare di finire di nuovo dietro le sbarre. La custodia cautelare è stata molto dura. Al Hathloul ha denunciato, attraverso i rari contatti avuti con la famiglia, di aver subito torture e abusi sessuali durante gli interrogatori seguiti al suo arresto. Ma la procura non ha mai avviato un’indagine su questo sostenendo che i filmati delle telecamere di sorveglianza all’interno del carcere vengono cancellati ogni 40 giorni. Che il fine del procedimento fosse quello di punire a ogni costo Al Hathoul è stato evidente quando il caso è stato trasferito il mese scorso a una delle corti speciali che si occupano di terrorismo e che in realtà prendono di mira gli oppositori della monarchia. A quel punto sono scattate le accuse di aver contattato non meglio precisate organizzazioni di Stati esteri. L’attivista ha anche fatto ad ottobre uno sciopero della fame che è stata costretta ad interrompere per le minacce delle autorità.

Ora si attende di conoscere la sorte di Nassima Al Sadah, Samar Badawi e Nouf Abdelaziz che il 15 maggio del 2018 furono arrestate assieme ad Hathloul per il loro attivismo a sostegno del diritto delle donne di poter guidare l’auto. Diritto che appena qualche settimana dopo sarebbe stato riconosciuto dal potente e brutale principe ereditario Mohammed bin Salman. Secondo alcuni le quattro donne furono incarcerate per far apparire l’erede al trono come un leader forte che prende le sue decisioni da solo e non sotto le pressioni della società civile

* Fonte: Michele Giorgio, il manifesto

 

photo: Loujain Alhathloul via OTRS system, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

La giustizia europea rivoluziona il diritto d’asilo

In futuro gli immigrati che hanno inoltrato richiesta d’asilo non potranno essere trasferiti in uno stato dell’Ue dove “rischiano di essere sottoposti a trattamenti disumani e degradanti”, scrive la Tageszeitung. La Corte di giustizia europea ha infatti dato ragione a 6 rifugiati afgani, iracheni e algerini, che dopo essere entrati nell’Unione passando per la Grecia hanno successivamente inoltrato una richiesta d’asilo nel Regno Unito e in Irlanda. Conformemente al regolamento “Dublin II“, che stabilisce che le domande d’asilo devono essere esaminate dal primo stato europeo che ha accolto i rifugiati, i 6 erano stati trasferiti nuovamente in Grecia, dove però le condizioni di accoglienza sono pessime.

DONNE CHE SALVANO LE DONNE “LAVORO E CULTURA, IL MODELLO INGLESE CONTRO LA VIOLENZA”

Parla Patricia Scotland che in Gran Bretagna ha ottenuto risultati straordinari nella lotta agli abusi domestici e che propone di esportare il suo metodo

In Italia è strage di donne

Oggi è la giornata internazionale contro la violenza di genere. I dati dell’Osservatorio Casa dolce Casa e della Casa delle donne di Bologna

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment