Appello per l’annullamento della condanna a morte di Abdurrahman Er e Mazlum Dağ

Abdurrahman Er e Mazlum Dağ sono stati condannati a morte, l’11 febbraio 2020, dalla Seconda Sala del Tribunale Penale di Erbil nella regione autonoma del Kurdistan Iracheno, governata dal Governo Regionale del Kurdistan (KRG) e confermata dal Tribunale di Appello il 22 settembre 2020, per la uccisione del viceconsole turco Osman Köse nella regione autonoma del Kurdistan iracheno e di altre due persone avvenuta il 17 luglio 2019 a Erbil.

Abdurrahman Er e Mazlum Dağ, hanno negato qualunque responsabilità nell’omicidio e hanno denunciato di aver subito torture durante gli interrogatori e continue violenze in carcere dove sono detenuti in regime di isolamento. I due cittadini kurdi hanno rifiutato di firmare una dichiarazione di colpevolezza presentata loro dalle autorità.

Il processo si è svolto senza avvocati difensori e non sono state presentate prove.

L’Unione Europea aveva già chiesto nel 2015 al Governo Regionale del Kurdistan (KRG) di ristabilire la moratoria sulla pena di morte, dopo l’esecuzione di tre persone nell’agosto di quell’anno.

In questi 5 anni, le relazioni anche economiche tra l’Unione Europea e il KGR si sono intensificate. L’Unione Europea e il Consiglio d’Europa hanno ribadito, il 10 ottobre 2020, Giornata Mondiale contro la pena di morte la loro “opposizione all’utilizzo della pena capitale in qualunque circostanza” e hanno rinnovato il loro “appello per l’abolizione universale della pena di morte”.

Nel contesto delle profonde relazioni politiche economiche e culturali e nella condivisione dei valori della pace, giustizia e diritti umani tra le istituzioni e i cittadini e cittadine dell’Unione Europea e del KRG e considerando la pena di morte come la più flagrante violazione istituzionalizzata dei diritti umani

Chiediamo l’annullamento della condanna a morte nei confronti di Abdurrahman Er e Mazlum Dağ e l’applicazione di misure alternative al carcere.

per aderire:

campaigndager@outlook.ie

 



Related Articles

Avvocati confermano incontro con Abdullah Ocalan

Dopo 8 anni di permessi di visita negati, gli avvocati del leader kurdo Abdullah Ocalan hanno potuto incontrarsi con lui nel carcere di massima sicurezza di Imrali lo scorso 2 maggio

“We have work to do”. ‘Only in Rojava’, for the people of Rojava

Irish poet Séamas Carraher once more puts into words, the feelings and emotions difficult to express with the articulated sound

WAR ON AFRIN: THE Fourth WEEK

We are now well over four weeks into the Turkish military assault on Afrin, Rojava (Western Kurdistan), one more week of massive airstrikes and use of heavy weaponry

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment