Afghanistan. Morto il leader jihadista al-Zawahiri? Al Qaeda non conferma

Afghanistan. Morto il leader jihadista al-Zawahiri? Al Qaeda non conferma

«È morto di complicazioni polmonari a Ghazni», in Afghanistan, nel mese di novembre.  Alcune fonti anonime raccolte in Afghanistan e Pakistan dal giornale saudita in lingua inglese Arabnews sembrano confermare una notizia che circola da una decina di giorni: è morto Ayman al-Zawahiri, il numero uno di al-Qaeda. Veterano del jihad, barba bianca e sguardo stanco, più di 40 anni di logorante militanza alle spalle, il vecchio al-Zawahiri viene dato malato da anni. Anche lui, come molti altri leader jihadisti, è «morto» in più occasioni. Questa volta le voci, iniziate a diffondersi nei circoli jihadisti, si rafforzano tra loro, ma la conferma definitiva potrà arrivare soltanto da al-Qaeda, l’organizzazione che ha contribuito a fondare e che ha traghettato oltre gli ostacoli più difficili.

Nato nel 1951 al Cairo, al-Zawahiri aderisce alla causa islamista già all’età di quindici anni. È il 1966. Sayyid Qutb – ideologo e pedagogista autore di testi cruciali per l’islamismo radicale – viene impiccato. Ayman al-Zawahiri, il cui zio materno era intimo frequentatore di Qutb, dà vita a una cellula clandestina per rovesciare il governo egiziano. Sogna di realizzare quell’«avanguardia dei pionieri» descritta nei testi rivoluzionari di Qutb. Ci riuscirà almeno in parte a Peshawar, in Pakistan, dove arriva come medico e dove negli anni Novanta consolida il connubio con il saudita Osama bin Laden, promotore della guerriglia anti-sovietica.

Dopo che Bin Laden, nel maggio 2011, viene ucciso da un commando di Navy Seal statunitensi nel covo di Abbottabad, in Pakistan, al-Zawahiri diventa il capo dell’organizzazione. All’epoca molti commentatori danno l’organizzazione per morta, vedono in al-Zawahiri un leader senza carisma, spacciato. Il contesto è difficile. Le sfide più importanti sono due, cruciali. La morte di bin Laden e le primavere arabe, che confutano platealmente la retorica jihadista sulla possibilità di cambiare lo stato delle cose in Medio oriente solo attraverso la violenza. Al-Qaeda perde legittimità e consenso. Al-Zawahiri aspetta.

Sa che le rivoluzioni rimangono sempre incompiute, destinate a tradire le aspettative innescate. Poi, nel luglio 2013, il presidente egiziano Morsi, rappresentante dei Fratelli musulmani, viene sostituito dal regime militare di al-Sisi: per i propagandisti di al-Qaeda è la dimostrazione che la democrazia è un’impostura.

I cambiamenti possono avvenire soltanto con le armi. Al-Zawahiri serra le file e fa propaganda. Indica gli obiettivi strategici del gruppo con due scritti di ampio-respiro, il Documento per il sostegno al jihad (novembre 2012) e le Linee guida generali per il jihad (settembre 2013). Il 2013 è anche l’anno della sfida dell’impaziente Abu Bakr al-Baghdadi. Che rompe con i veterani e scalpita per edificare lo Stato islamico. Nel 2014 la rottura. E l’inizio della contesa per l’egemonia della galassia jihadista.

La strategia qaedista è opposta rispetto a quella dello Stato islamico: la legittimità passa per il consenso locale, non per l’imposizione e la violenza settaria. Servono occultamento e pragmatismo, bassa esposizione mediatica, radicamento territoriale. Al-Qaeda punta a rafforzare i legami sociali, con una concezione meno esclusivista e dottrinaria del jihad, più pragmatica. Non si tratta di una scelta morale, ma strategica: da gruppo di avanguardia a movimento popolare. A rischio di eccessiva decentralizzazione, certo, ma con una minora esposizione militare alla controffensiva dei nemici. È l’eredità che lascia ai militanti del gruppo. Sempre che sia morto davvero

* Fonte: Giuliano Battiston, il manifesto

 



Related Articles

Gli Usa: “In Afghanistan la guerra finirà  nel 2014” ma è scontro con Karzai

Kabul: “Stop ai raid aerei”. La Clinton: “Servono” .  Messaggio del mullah Omar che respinge i negoziati e lancia a tutti i musulmani un appello a combattere 

L’Italia sostenga la richiesta dell’Anp

QUATTRO ANNI FA, IN QUEI DRAMMATICI GIORNI CHE seguirono l’assedio di Gaza, lanciammo un appello dal titolo: «La questione morale del nostro tempo». Rappresentava il tentativo non solo di uscire dalla spirale della guerra, ma anche dai rituali dello schierarsi con le parti in conflitto per provare ad indicare una prospettiva diversa, capace di modificare il nostro sguardo su un conflitto che affonda le proprie radici nel cuore di tenebra dell’Europa e del suo Novecento.

La Spd inciampa sulle tasse

GERMANIA Previsto nel programma un aumento delle imposte per i ricchi. Poi il dietrofront. Per il candidato cancelliere Peer Steinbrück la priorità è la lotta all’evasione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment