Sindacati della scuola: «È folle fare il concorso per i precari in una pandemia»

Sindacati della scuola: «È folle fare il concorso per i precari in una pandemia»

Nel 2017 un concorso per i dirigenti scolastici è stato sospeso a causa del maltempo. Da oggi fino al 9 novembre, nel corso della pandemia più grave dall’ultimo secolo, 65 mila docenti precari in servizio da più di tre anni si muoveranno nelle e tra le regioni per assicurarsi 32 mila posti «stabili» nella scuola a partire dal prossimo anno scolastico. Mentre si moltiplicano coprifuochi, zone rosse e contagi, nel corso delle prossime due settimane, questi docenti si muoveranno da Campania, Basilicata, Calabria, Puglia o Molise anche verso Gela, Caltanissetta, Mussumeli, San Cataldo o Mazzarino in Sicilia.. Nelle Marche su 1814 candidati 953 svolgeranno nel Lazio o in Toscana una prova «computer based» di 150 minuti con cinque quesiti a risposta aperta e risponderanno a un quesito in lingua inglese con cinque domande a risposta aperta. In Sardegna si muoveranno in tremila nelle diverse città. Nel Lazio ci sono 9.600 candidati distribuiti su 70 scuole, con un massimo di 14 concorrenti per ciascun laboratorio o aula. Ad Arzano, in provincia di Napoli, dove scatterà a breve la zona rossa, e che era sede d’esame, l’Ufficio scolastico regionale della Campania ha disposto che i candidati andranno a Napoli.

IL CONCORSO è uno dei casi simbolo dell’attuale gestione dell’emergenza: mette a rischio la salute di 65 mila persone, mentre il presidente del Consiglio Conte ieri in parlamento avvertiva milioni di altre a limitare i contatti all’essenziale. Questo essenziale non riguarda i precari che dovranno rischiare di contagiarsi e contagiare, a meno che non siano già in quarantena. In quel caso dovranno rinunciare a una prova attesa per anni perché, come ha ribadito la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, non è prevista una prova suppletiva. «Chi si prende la responsabilità di voler fare a tutti i costi questo concorso per la scuola, ne pagherà le conseguenze fino alla fine. Questo concorso è una follia fatto in questo momento di pandemia e il rischio è che ci siano enormi contenziosi» hanno scandito ieri in una conferenza stampa i sindacati della scuola Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda. Oggi, su tutto il territorio nazionale, sono attesi 1645 candidati. Il Miur ha assicurato che le prove si svolgeranno osservando i protocolli di sicurezza: mascherina, nessun assembramento, distanza di sicurezza, dieci candidati per aula.

LA DETERMINAZIONE della ministra Azzolina ha provocato un nuovo scontro nella maggioranza tra Pd e Cinque Stelle. «Il concorso è un rischio che sarebbe meglio non correre, è intollerabile che non sia stata prevista una prova suppletiva» sostengono il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci e il vicepresidente della commissione istruzione Francesco Verducci. «Alcune regioni e diversi comuni preparano il coprifuoco serale e individuano zone da interdire. Però a più di 65 mila insegnanti precari è chiesto di spostarsi, spesso anche di regione, per svolgere un concorso che avrà effetti concreti tra un anno» ha affermato Matteo Orfini(Pd). A quest’ultimo ha risposto Bianca Laura Granato (M5S) secondo la quale la Lega -come il Pd e le associazioni dei docenti precari ha fatto appello a Conte per rinviare il concorso – «fa polemiche strumentali a fini elettorali», ma è «intollerabile» che «si continui a fare polemiche da dentro la maggioranza, come ha fatto Orfini». Non la pensano così i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle in regione Lombardia che ieri hanno firmato una mozione proposta dalla Lega e chiedono il rinvio delle prove. La mozione auspica anche un «processo di stabilizzazione dei decenti precari». Per evitare tutto questo bastava far entrare in servizio i docenti dopo un anno di prova e un esame finale, in osservanza di una direttiva europea che parla di stabilizzazione di tutti i precari nella P.A.

ARRIVANO nel frattempo, i primi numeri del fallimento del governo sui precari. Per Flc Cgil, Cisl e Uil scuola, Gilda e Snals in Toscana, dall’infanzia alle superiori, ci sono 4832 le cattedre scoperte. Su 6462 stabilizzazioni sono state coperte solo 1630, 32 per il sostegno

* Fonte: Roberto Ciccarelli, il manifesto



Related Articles

Libertà  di licenziare la Fiat corre da sola

L’addio «C’è chi cerca di trovare significati politici. Siamo lontanissimi da tutto ciò, siamo di una semplicità  e innocenza eccezionali», commenta l’ad del Lingotto

«È definitivo, usciamo dalla Confindustria», dal 1 gennaio 2012. Marchionne scrive a Marcegaglia: «L’intesa del 21 settembre depotenzia l’articolo 8». La presidente: «Motivo che non regge»

 

La Guerra Santa per il crocifisso

C’ è la versione dei vertici dello Stato e della Chiesa cattolica: il crocifisso è obbligatorio nelle scuole statali, e in altri uffici pubblici, per due motivi: in quanto simbolo culturale, perché rappresenta la tradizione, l’identità  e i valori del Paese; in quanto simbolo religioso, perché è maggioritario e passivo, piace ai più e non mira a convertire i meno, che dunque possono e devono tollerarlo.

La marcia dei (più) giovani

La riforma Gelmini è solo la scintilla che ha accesso il risentimento. Perché, spiegano i dati Demos-Coop, i giovani si sentono senza futuro. Contro una scuola e un’università  che funzionano sempre peggio. E che li fa sentire derubati del futuro. Per l’Osservatorio sul Capitale Sociale il 70% degli italiani dice che la scuola è peggiorata. Le proteste hanno avuto un consenso maggioritario tra i cittadini.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment