I sommersi e i non salvati

Salvatore “Sasà” Piscitelli poteva e doveva essere salvato? Quale medico ha dato il nulla osta al trasferimento dal carcere di Modena al carcere di Ascoli? Ha controllato in che condizioni era o ha firmato l’ok al viaggio senza dargli nemmeno un’occhiata? E chi è il dottore lo ha visitato all’arrivo nell’istituto marchigiano, sempre che sia stato visitato, spedendolo dritto in cella e non in ospedale? Possibile che nessuno si sia accorto che, come è emerso, da ore stava malissimo e non si reggeva in piedi? È vero che è stato picchiato, lui come altri?

Le lettere denuncia spedite da due detenuti testimoni (pubblicate dall’agenzia AGI e dal blog giustiziami.it) hanno spinto la procura di Modena ad aprire una inchiesta bis sulla fine tragica (ed evitabile?) del quarantenne saronnese, uno dei 13 reclusi morti durante e dopo le rivolte di inizio marzo.

La pm Lucia De Santis ha affidato le indagini supplementari alla Squadra Mobile della cittadina emiliana, a oltre sette mesi dai fatti. La conclusione è che Salvatore Piscitelli sia morto per overdose di metadone e di psicofarmaci, razziati nell’infermeria della casa di reclusione messa a ferro e fuoco durante a sommossa. Ma i risultati dell’autopsia non rispondono a tutti i quesiti aperti dall’inizio e agli interrogativi via via formulati.

Gli investigatori hanno cominciato ad approfondire i contenuti delle due missive, concordi sui punti cardine, convocando e sentendo le due giornaliste che hanno raccolto e divulgato i drammatici racconti di chi ha incrociato Sasà nelle ultime ore di vita. Poi cercheranno riscontri (o smentite). «Lui stava malissimo – scrive un detenuto, con errori di grammatica e ortografia tolti dalla trascrizione – ed è stato anche picchiato sull’ autobus. Quando siamo arrivati ad Ascoli, non riusciva a camminare». «Quando ci hanno scaricato – incalza l’altro, che teme ritorsioni, per aver parlato – lo hanno trascinato fino alla cella. Lo hanno buttato dentro come un sacco di patate… Hanno picchiato di brutto. A Modena era troppo debole. Non è riuscito a resistere a quelle botte. Forse ha preso qualcosa. Solo Dio lo sa. Medicinali. Lui è morto ad Ascoli Piceno».

Assieme a loro due e a Sasà c’erano altri 38 detenuti (stando all’agenzia ANSA), potenziali testimoni. Alla Mobile in questi giorni decideranno se provare a rintracciarli e interrogarli tutti (qualcuno, nel frattempo, è tornato in libertà) o se cercare solamente i due che si sono esposti con le lettere. Si dovrà recuperare il tempo perso, riempiendo i troppi vuoti, garantendo quello che fino a oggi pare non sia stato fatto da magistratura, forze di polizia, autorità carcerarie: sentire a verbale le persone che sono state a contatto con Sasà e gli altri 12 detenuti deceduti, cioè decine di compagni di galera e di viaggio.

Intanto, gli investigatori stanno raccogliendo la documentazione necessaria per inquadrare l’accaduto anche alla luce di leggi e regolamenti e per accertare se ci siano state omissioni e sottovalutazioni, se non abusi e violenze.

Che cosa prevedono le norme che disciplinano visite mediche e trasferimenti? Quali doveri hanno i medici penitenziari, le direzioni degli istituti, il personale delle scorte? Si sono attenuti agli obblighi, a Modena e Ascoli, o la criticità della situazione ha fatto saltare ogni regola? E come mai non si è capito che Sasà aveva assunto metadone e chissà che altro, sostanze rubate da altri detenuti durante la rivolta? Le botte, sempre che ci siano state, hanno aggravato le condizioni fisiche dell’uomo? Perché non è stato soccorso prima? A chi toccava farlo?

Nelle prossime settimane si capirà se e quanto procura e polizia vogliano andare in profondità, richiamando in causa anche chi è rimasto nelle retrovie sperando che la parola “overdose” bastasse a chiudere il caso (medici di case di reclusione e 118, operatori responsabili della custodia di metadone e psicofarmaci, personale della polpenitenziaria impiegato nelle scorte, funzionari regionali cui fanno capo la sanità penitenziaria e il trattamento delle tossicodipendenze, provveditorati…).

Il fascicolo bis sulla morte di Salvatore Piscitelli – per omicidio colposo, pare di capire – è destinato a confluire in quello che venne aperto ad Ascoli per poter effettuare l’autopsia e poi fu trasmesso a Modena per competenza territoriale. Entrambi al momento sono contro ignoti.

A Modena si indaga pure sul decesso di altri tre detenuti trasferiti dopo saccheggi e devastazioni (a Verona, Alessandria, Parma) e di cinque spirati nel carcere cittadino, per tre si procede a Rieti, per uno a Bologna. La procura del capoluogo emiliano ha chiuso le indagini con una richiesta di archiviazione, generica, priva di dettagli. Non è dato sapere se il garante nazionale dei detenuti, dichiaratosi persona offesa, abbia fatto o meno opposizione. Lui e gli altri referenti istituzionali coinvolti a vario titolo continuano a trincerarsi dietro il segreto istruttorio o il silenzio assoluto, anche sui profili amministrativi, gestionali, politici. Il ministero di Giustizia, dall’inizio avaro di notizie e di trasparenza, non ha ancora risposto a una interrogazione urgente presentata il 9 settembre 2020 da Franco Mirabelli e altri tre senatori del Partito Democratico.

* Giornalista



Related Articles

Antigone “No alla privatizzazione delle carceri, via l’art. 43 del decreto liberalizzazioni”

Associazioni insieme per ribadire un secco “no” al project financing per la realizzazione di infrastrutture carcerarie: “Trattamento penitenziario non può essere affidato a chi ha scopi di lucro”

Woodcock perde l’indagine sulla coop

Il Tribunale di Napoli conferma le accuse. Ma trasferisce gli atti all’Antimafia di Bologna

Covid. Nuova ordinanza rende arancioni altre cinque regioni

Il virus non si ferma. Un’altra ordinanza di Speranza: stretta in Toscana, Umbria, Liguria, Abruzzo e Basilicata

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment