La comunità internazionale tace sui crimini di Erdogan e Trump

La comunità internazionale tace sui crimini di Erdogan e Trump

Entrambi i personaggi sono conosciuti e temuti per la loro violenza e il loro carattere dittatoriale. Sono divisori all’interno del loro Paese (a livello di relazioni razziali e sociali, Trump; a livello etnico e religioso, Erdogan) e internazionale (Trump è visceralmente anti-cinese e anti-russo, oltre che antieuropeo e contro tutto ciò che non è filo-americano; Erdogan è anche contro tutto ciò che non è filo-turco, specialmente contro i greci, i curdi, gli iraniani, gli ebrei, i cristiani).

Usano la menzogna come pratica politica della verità. Parlano di pace quando fanno la guerra. Invocano il loro Dio quando sono blasfemi. Essi esaltano la loro “nazione” e il loro “popolo” quando agiscono solo per il loro potere personale e la loro “missione storica”. Ma, soprattutto, hanno commesso crimini contro l’umanità.
Secondo l’articolo 6c dello Statuto del Tribunale Militare Internazionale di Norimberga (1945) un “crimine contro l’umanità” è definito come “omicidio, sterminio, schiavitù, deportazione e qualsiasi altro atto disumano ispirato da motivi politici, filosofici, razziali o religiosi….. ». Il crimine contro l’umanità può essere commesso in tempo di pace o in tempo di guerra.
Più vicino a noi, lo Statuto della Corte penale internazionale del 17 luglio 1998 specifica il significato da dare a “sterminio” nell’articolo 7, 2 (b), secondo il quale “lo sterminio include l’imposizione intenzionale di condizioni di vita, come la privazione dell’accesso al cibo e alle medicine, calcolate per portare alla distruzione di parte della popolazione”.
Il 2 luglio, Trump ha fatto acquistare al suo governo il 92% delle scorte disponibili del farmaco Remdesivir, il primo farmaco riconosciuto come utile ed efficace nel trattamento di Covid-19 (anche se non mancano studi che dimostrano invece la sua inefficacia, ndr). Facilita il recupero rapido. È prodotto da una società americana, Gilead, una delle società attive nello sviluppo del vaccino contro il coronavirus. L’argomento utilizzato è stato quello di garantire ai cittadini statunitensi l’accesso al farmaco, sapendo espressamente che così facendo si sarebbe impedito ad altre popolazioni di farne so, almeno non prima di ottobre, quando le dosi disponibili del Remdesivir saranno nuovamente rinnovate.
Al di là delle disquisizioni tecnico-giuridiche in materia, l’atto di Trump rientra nella categoria dei crimini contro l’umanità perché è stato commesso con il deliberato intento di impedire di fatto ad altre popolazioni civili al di fuori degli Stati Uniti di avere il diritto e la libertà di utilizzare un farmaco importante per la lotta contro una pandemia particolarmente mortale (oltre 780.000 mila morti il 20 agosto 2020).
Per quanto riguarda Erdogan, “l’uomo forte della regione” ha deciso di porre fine ai curdi della Siria lanciando nell’ottobre 2019 l’invasione e l’occupazione manu militari (operazione battezzata “Fonte della pace”!) dei territori della regione nord-orientale della Siria, abitata principalmente dai curdi.
E questo con il beneplacito, per caso (?), di Donald Trump. Da allora, ha più volte autorizzato il taglio dell’acqua a una popolazione di mezzo milione di persone già ferita, in un Paese da anni in guerra, da distruzioni, massacri, crisi alimentari e idriche. L’ultima interruzione è arrivata all’inizio di questo mese, in un momento in cui la pandemia di Covid-19 è in piena espansione. Anche la gestione dei campi profughi da parte dell’Onu non riesce a garantire un accesso minimo all’acqua potabile sicura e adatta all’uso umano.
Non si dice forse che il regolare lavaggio delle mani è uno strumento indispensabile per prevenire e limitare la diffusione dell’epidemia? Ebbene, proprio per questo la Turchia di Erdogan sta usando l’acqua come arma per raggiungere il suo obiettivo di porre fine alla presenza dei curdi in Siria e quindi alla “Repubblica di Rojava”. Questa Repubblica, che i curdi sono riusciti a creare e far funzionare dal 2012, era diventata un esperimento politico e socio-economico unico nel suo genere, altamente innovativo per l’intera regione.
Ha dimostrato che si può costruire un’altra società più giusta e democratica, basata sul comunalismo federale, sul cooperativismo e sull’abolizione della discriminazione di genere. Una ragione in più per attaccare i curdi e cercare di eliminarli privandoli dell’acqua. Nel caso di Erdogan, l’obiettivo è chiaro: sterminare, almeno politicamente e socio-economicamente, le popolazioni curde.
I crimini di Trump ed Erdogan sono ancora più inaccettabili e crudeli a causa del grande silenzio degli altri leader mondiali. Dov’è la condanna delle azioni di Trump, anche se solo verbalmente (!), da parte dei leader dell’Unione Europea? E pensano di poterla fare franca riguardo i crimini di Erdogan ricordando che avevano chiesto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu di fermare l’invasione o, ora, limitandosi ad operazioni umanitarie d’emergenza (da “buon samaritano”) aprendo pozzi di soccorso per i rifugiati o fornendo alla popolazione di Rojava acqua in bottiglia acquistata da Nestlé, Coca-Cola o Danone?
Lasciare i crimini di Trump ed Erdogan senza reazioni forti ed efficaci significa contribuire alla perdita della capacità immunologica dei popoli della Terra di resistere e combattere i crimini dei potenti. Se pensiamo anche a quello che sta succedendo in Brasile, in India, in Russia…, sogno un movimento universale per la liberazione dell’umanità
* Fonte: Riccardo Petrella, il manifesto


Related Articles

Immigrati, la Consulta boccia l’aggravante della clandestinità 

Niente aumenti di pena. Soddisfatta l’opposizione

Ma la Corte riconosce il reato previsto dal pacchetto sicurezza del governo

Possibile via libera Onu ai raid militari in Libia

Italia-Libia. Nella bozza si autorizzerebbe l’intervento in acque e porti libici. Critiche alle quote europee

Rosarno è cambiata

Quel dubbio lo ricordo molto bene. Mi giro o faccio finta di niente? Camminare a piedi lungo le strade di Rosarno significava farsi identificare come migrante o come uno di fuori. Cioè un potenziale bersaglio. Solo questione di tempo, prima o poi arrivano, in due su un motorino senza casco mentre tu cammini ai bordi della striscia di asfalto senza marciapiede. Quando li senti arrivare, speri che passeranno dritto. Cerchi di fare finta di niente. Loro ti guardano, vogliono capire se sei bianco. I neri camminano con la felpa del cappuccio alzato per evitare l’identificazione e masticando rabbia silenziosa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment