Addio Lucho, guerrigliero romantico

Addio Lucho, guerrigliero romantico

Nello spazio breve che identifica il respiro di un amico, se n’è andato da questo mondo Luis, Lucho Sepúlveda.
Falciato via da quella che è la peste del nostro secolo.

Ho voluto bene all’uomo, ma non posso fare a meno di piangere l’intellettuale che aveva partecipato alle lotte per il riscatto dell’America Latina con il coraggio e la forza che hanno solo i visionari, i romantici, i pazzi.

Perché Lucho le battaglie non le aveva scansate, le aveva affrontate per davvero. Era un prototipo di scrittore e guerrigliero. Sempre coerente.

Ero stato a casa sua e della sua adorata moglie, la poetessa Carmen Yanez, per due compleanni nei quali aveva riunito i suoi numerosi figli e i suoi amici sparsi in tutto il mondo. Sono state giornate indimenticabili.

Mi sento più solo, ma ho l’ingenua certezza che adesso lui è ritornato a fare la guardia del corpo al suo amato Presidente Allende. Ciao Lucho, mi mancherai, sapendo con certezza che mi è impossibile ogni lenimento

* Fonte: Gianni Minà, il manifesto



Related Articles

L’UOMO DELLA SPERANZA

LEGGO che la tesi teologica di Carlo Maria Martini, nel 1958, ebbe per oggetto il “problema storico della risurrezione”, dove le due parole, storia e risurrezione, sembrano contraddirsi, o almeno succedersi, e che l’una finisca dove l’altra comincia.

Addio a Massimo Bordin, la voce di Radio radicale

Un fior di giornalista, capace di offrire ogni giorno un’accurata indagine politica che si snodava come un racconto sociale e culturale

Ricordando il grande regista kurdo Yilmaz Guney

Oggi, 1 aprile, è il compleanno di Yilmaz Guney, grande regista kurdo, scomparso prematuramente nel 1984, a Parigi, dove si trovava in esilio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment