Lo stato d’eccezione e le immotivate misure di emergenza

Lo stato d’eccezione e le immotivate misure di emergenza

Di fronte alle frenetiche, irrazionali e del tutto immotivate misure di emergenza per una supposta epidemia dovuta al virus corona, occorre partire dalle dichiarazioni del Cnr, secondo le quali “non c’è un’epidemia di Sars-CoV2 in Italia”.

Non solo. Comunque “l’infezione, dai dati epidemiologici oggi disponibili su decine di migliaia di casi, causa sintomi lievi/moderati (una specie di influenza) nell’80-90% dei casi. Nel 10-15% può svilupparsi una polmonite, il cui decorso è però benigno in assoluta maggioranza. Si calcola che solo il 4% dei pazienti richieda ricovero in terapia intensiva”.

Se questa è la situazione reale, perché i media e le autorità si adoperano per diffondere un clima di panico, provocando un vero e proprio stato di eccezione, con gravi limitazione dei movimenti e una sospensione del normale funzionamento delle condizioni di vita e di lavoro in intere regioni?

Due fattori possono concorrere a spiegare un comportamento così sproporzionato . Innanzitutto si manifesta ancora una volta la tendenza crescente a usare lo stato di eccezione come paradigma normale di governo. Il decreto-legge subito approvato dal governo “per ragioni di igiene e di sicurezza pubblica” si risolve infatti in una vera e propria militarizzazione “dei comuni e delle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio di virus”.

Una formula cosi vaga e indeterminata permetterà di estendere rapidamente lo stato di eccezione in tutte le regioni, poiché è quasi impossibile che degli altri casi non si verifichino altrove. Si considerino le gravi limitazioni della libertà previste dal decreto: a) divieto di allontanamento dal comune o dall’area interessata da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell’area; b) divieto di accesso al comune o all’area interessata; c) sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in un luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico; d) sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, salvo le attività formative svolte a distanza; e) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonché l’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero e gratuito a tali istituti e luoghi; f) sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia estero; g) sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; h) applicazione della misura della quarantena con sorveglianza attiva fra gli individui che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusa.

La sproporzione di fronte a quella che secondo il Cnr è una normale influenza, non molto dissimile da quelle ogni anno ricorrenti, salta agli occhi. Si direbbe che esaurito il terrorismo come causa di provvedimenti d’eccezione, l’invenzione di un’epidemia possa offrire il pretesto ideale per ampliarli oltre ogni limite.

L’altro fattore, non meno inquietante, è lo stato di paura che in questi anni si è evidentemente diffuso nelle coscienze degli individui e che si traduce in un vero e proprio bisogno di stati di panico collettivo, al quale l’epidemia offre ancora una volta il pretesto ideale. Così, in un perverso circolo vizioso, la limitazione della libertà imposta dai governi viene accettata in nome di un desiderio di sicurezza che è stato indotto dagli stessi governi che ora intervengono per soddisfarlo.

* Fonte: Giorgio Agamben, il manifesto



Related Articles

Dove finisce il tesoro di mafia

  Una proprietà  agricola confiscata alla mafia a Polizzi Generosa Foto di Massimo MastrolilloUna proprietà  agricola confiscata alla mafia a Polizzi Generosa
Sono quasi 1.400 aziende e diecimila immobili. Hotel, fabbriche, tenute e latifondi. Confiscati alla malavita organizzata grazie alle indagini della magistratura. Ma che poi lo Stato non sa riutilizzare per il bene comunePalermo, viale Strasburgo. Per misurare con uno sguardo la potenza economica della mafia e le potenzialità  dell’antimafia, basta venire qui, tra le vetrine luccicanti di una lunga fila di negozi, e cercare la casa super presidiata di uno dei più bravi e dunque più minacciati magistrati italiani. Dall’altro lato della strada, tutti i palazzi sono “beni confiscati”, ma proprio tutti, fino all’incrocio con via Belgio.

“Mokbel era in contatto con i servizi”

Di Girolamo: mi chiese di aiutare Mancini. Un ex dirigente Fastweb: Scaglia sapeva.  Il maxi riciclaggio di 2 miliardi. Caso Digint: “Una quota per i vertici di Finmeccanica”

Che cosa può fermare le mafie al Nord

Un invito a un impegno diffuso contro la criminalità  mafiosa al Nord. È il significato degli arresti di ieri a Brescia nell’ambito di un’indagine della Direzione antimafia sul narcotraffico dal Sudamerica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment