Germania. Scandalo consulenze per la Difesa, Von der Leyen chiamata a rispondere

Germania. Scandalo consulenze per la Difesa, Von der Leyen chiamata a rispondere

Germania. È il secondo colpo in una settimana al cerchio di potere della cancelliera Angela Merkel

BERLINO. Giornalisti fuori dalla porta e telecamere spente. Si “processa” così, nella sala riunioni numero 3.101 del Bundestag, la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, chiamata a rispondere del maxi-scandalo che ha travolto il ministero della Difesa da lei guidato fino a pochi mesi fa.

Entrata dall’ingresso posteriore della Marie-Elisabeth Lüders Haus, 48 ore fa ha dovuto spiegare alla Commissione d’inchiesta come è possibile che da gennaio a giugno 2019 il suo dicastero abbia speso la stratosferica cifra di 155 milioni di euro in «consulenze esterne». Ovvero, come mai Katrin Suder, da lei promossa a segretaria di Stato sei anni fa, figurasse tra i dirigenti di Mc Kinsey, una delle società beneficiarie della pioggia di denaro. E per quale motivo sul vecchio cellulare di servizio dell’ex ministra non si trovano più i dati del traffico telefonico proprio di quel semestre.

Interrogatorio politicamente imbarazzante a Berlino come a Bruxelles, ma anche il secondo colpo in una settimana al cerchio di potere della cancelliera Angela Merkel, che dopo avere perso l’erede “Akk” si ritrova con l’altra delfina nel mare di rogne riassunte dal deputato Linke, Mattias Hohn: «Sono saltate tutte le regole sulla selezione e l’impiego dei consulenti nella pubblica amministrazione. Le conoscenze personali hanno influenzato le decisioni del ministero della Difesa» puntualizza il primo firmatario dell’interrogazione che ha scoperchiato lo scandalo costato giovedì l’urgente convocazione della presidente europea al Parlamento di Berlino.

Un caso difficile da giustificare soprattutto ai tedeschi, assai poco inclini a chiudere un occhio sulla distrazione delle tasse, peggio ancora se al di fuori della legalità come dalle reali necessità delle forze armate, che faticano a mantenere lo standard operativo richiesto dalla Nato.

La presidente Von der Leyen ci ha provato così: «Certo abbiamo commesso degli errori e ci sono state anche violazioni nell’aggiudicazione dei contratti» ammette senza indugiare ma solo al plurale. Prima di specificare che fu informata degli «anomali» contratti milionari «solo l’estate di due anni fa, dalla relazione della Corte dei conti».

Parole da confrontare con le 40 testimonianze e i 4mila documenti attualmente agli atti del Bundestag. A cominciare dai dettagli anticipati dallo Spiegel cui risulta che «Katrin Suder ha introdotto i suoi ex colleghi di “McKinsey” al ministero della Difesa, e poi l’azienda ha ricevuto ordini per milioni dall’amministrazione militare». Secondo il settimanale, Von der Leyen non solo era informata già da gennaio 2018 ma aveva pure discusso la questione in una riunione top-confidentia del Comitato di difesa.

Del resto, risulta praticamente impossibile nascondere, per esempio, come il consulente Timo Noetzel, che come Soder aveva lavorato a “McKinsey”, «ha fatto lievitare i contratti tra l’azienda e le forze armate da 459 mila a 20 milioni di euro».

* Fonte: Sebastiano Canetta, il manifesto

 

ph by Olaf Kosinsky [CC BY-SA 3.0 DE (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/de/deed.en)]



Related Articles

Malta. Caso Caruana Galizia. arrestato il braccio destro del premier

Quinto giorno di manifestazioni per chiedere giustizia sull’omicidio della giornalista, trema il governo Muscat

Alture del Golan: l’occupazione intelligente

    Bandiera Drusa – Foto: Michela Perathoner

Niente a che vedere con con la tensione che si respira a Gerusalemme Est o in Cisgiordania: sulle alture del Golan la presenza militare, concentrata lungo le zone di confine con Siria e Libano, a primo impatto non sembra condizionare piຠdi tanto la vita quotidiana della popolazione.

Per raggiungere i villaggi dell’altopiano siriano, occupato durante la guerra dei 6 giorni dallo Stato di Israele, non si passa per checkpoint e i 33 insediamenti costruiti a partire dal 1967 sono aperti e accessibili a chiunque, locali e non. “I rapporti e le relazioni con i coloni non si basano sulla discriminazione o la violenza: sappiamo distinguere tra ebrei e sionisti, e, a meno che si verificono minacce per la nostra esistenza, evitiamo di entrarci in conflitto”, spiega Shefaa Abu Jabal, portavoce dell’organizzazione Golan for development, l’unica ong presente nel territorio, parlando di quella che definisce “occupazione intelligente”.

Tsipras fa votare il piano opposizione pronta al sì rivolta dei radicali di Syriza

Domani il Parlamento greco varerà le prime riforme Possibile un nuovo governo di salvezza nazionale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment