Immigrazione. I dati di Frontex : nel 2019 in Italia meno sbarchi, il boom in Grecia

Immigrazione. I dati di Frontex : nel 2019 in Italia meno sbarchi, il boom in Grecia

«Aumentano gli sbarchi, aumentano i morti: governo con le mani sporche di sangue» ha tuonato ieri il leader della Lega, Matteo Salvini, deciso a battere sulla propaganda antimigranti per guadagnare terreno sulla maggioranza 5S-Pd. A smentire la tesi del Carroccio la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, che durante il question time alla Camera ha spiegato: «Non si può parlare di escalation degli sbarchi sulla base del dato di settembre: l’incremento numerico c’è stato e c’è anche a ottobre, ma è riconducibile all’aumento degli sbarchi autonomi. Non un fenomeno nuovo: nel 2018 i migranti giunti con piccoli natanti sono stati circa 6mila, mentre dall’inizio del 2019 sono 6.800 con una tendenza di incremento che ha cominciato a manifestarsi già a marzo», cioè quando al Viminale c’era ancora Salvini.

Una seconda sonora smentita alla tesi di Salvini è arrivata ieri dall’agenzia europea Frontex: nei primi nove mesi del 2019 in Italia sono arrivati irregolarmente 9.700 migranti, meno della metà rispetto ai primi nove mesi del 2018 e meno di un quinto del totale delle persone approdate nello stesso periodo in Grecia (50.600), dove si è registrato un aumento del 22% rispetto ai primi nove mesi del 2018. A settembre, lungo la rotta del Mediterraneo Centrale, sono approdati in Italia in modo irregolare 2.280 migranti (soprattutto tunisini e sudanesi), il 16% in più rispetto ad agosto e oltre il doppio rispetto ai 900 dell’agosto 2018, ma comunque molti meno degli 11.500 arrivi registrati in Grecia (più 16% rispetto ad agosto).
Ancora a settembre il numero totale degli arrivi irregolari nell’Ue è salito del 14% rispetto ad agosto, toccando quota 17.200, a causa proprio «di arrivi più elevati nelle isole greche dell’Egeo Orientale», spiega il report. Malgrado la crescita degli arrivi negli ultimi mesi, il totale su tutte le rotte migratorie verso l’Ue nei primi nove mesi del 2019 è stato inferiore del 18% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, fermandosi a 88.200. Lo scorso mese in Europa due arrivi irregolari su tre sono stati registrati sulla rotta del Mediterraneo Orientale; su questa rotta gli arrivi nei primi nove mesi sono stati 50.600 (due su cinque sono afghani), in aumento del 22% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Nel Mediterraneo Occidentale, cioè nel percorso verso la Spagna, il numero degli arrivi via mare è salito a 2.400 in settembre, in crescita del 12% rispetto ad agosto. Il totale da gennaio a settembre è di 17.800, circa la metà rispetto ai primi nove mesi del 2018. Lungo questa rotta, i migranti vengono in grande maggioranza dai paesi dell’Africa subsahariana. Nei Balcani Occidentali, infine, sono stati rilevati in settembre circa 450 arrivi irregolari, con il totale da inizio anno che è di 7.300, in aumento dell’80% rispetto ai primi nove mesi del 2018. In questo caso la metà dei migranti irregolari è afghana.

* Fonte: Adriana Pollice, il manifesto



Related Articles

Egitto: “Basta con i militari, Mubarak deve andarsene”

  Copti in piazza: la protesta anti-Mubarak è di tutti – Foto: ©Rainews24

Il Cairo – È notte fonda e Piazza Tharir prova a riposare. Da un altoparlante qualcuno continua a scandire cori contro “il dittatore”. La protesta va avanti. Perché qui, degli incontri politici che si susseguono in questi giorni nei palazzi del potere del Cairo, non importa a nessuno. “Mubarak deve andarsene”: è questa la prima condizione della piazza. Poi, dopo, vengono le riforme. “Il presidente è un militare, il vicepresidente è un militare e il primo ministro è un militare – mi dice un ragazzo – e questo lo chiamano cambiamento. Non c’è via di uscita da questa situazione, se non le dimissioni di Mubarak”.

Thailandia: pugno duro del Governo dopo la resa delle camicie rosse

Blindato per le vie di Bangkok – Foto: Andrea Bernardi

“Abbiamo perso. Non ho più niente, non so dove andare, non so cosa fare”. Petchra, una signora di 82 anni, è in lacrime, sotto il sole, seduta su un tappeto di stuoia nel recinto del tempio di Wat Pathumwanaram. All’interno di quello che, fino a ieri mattina, era il quartier generale delle camicie rosse. Si dispera, non pensava che finisse così. “Vengo dal Nord, credevo che questa volta potevamo cambiare le cose. Sono povera, non ho una casa, non ho soldi. Qui mi sentivo a casa” – è l’ultima frase che pronuncia, prima che le ragazze della Croce Rossa la carichino su una barella per portarla al riparo.

Parte la lettera per Bruxelles, il governo italiano dice no

Manovra. La legge di bilancio non cambia. La palla alla Ue: certa la procedura d’infrazione. Nessuna modifica delle stime. Unica novità, più investimenti per il risanamento

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment