Argentina «la ribellione dei fiori nativi» contro il «terricidio capitalista»

Argentina «la ribellione dei fiori nativi» contro il «terricidio capitalista»

È stata definita «la ribellione dei fiori nativi», sorta «dal cuore della terra» per dire «basta a questo sistema capitalista, razzista e patriarcale che sta mettendo a repentaglio la vita del pianeta».

A guidarla è un gruppo di donne indigene dell’Argentina che, mercoledì scorso, hanno occupato pacificamente il ministero dell’Interno per far sentire le loro denunce e le loro proposte di «guardiane della vita». Incatenatesi nella hall del ministero, le donne, appartenenti a diverse nazionalità indigene, hanno accusato governi e imprese di «terricidio», denunciando l’assassinio degli ecosistemi e dei popoli che li abitano e, con loro, la distruzione dell’«opportunità di costruire un nuovo modello di civiltà».

«Onorando il suolo che calpestiamo, il frutto della terra che ci alimenta e le distinte forme di vita – hanno dichiarato le donne -, siamo venute con decisione, coraggio e dignità a dirvi basta».

***

Moira Ivana Millán@millan_moira
Visualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su Twitter
Visualizza altri Tweet di Moira Ivana Millán
***

Fiori tenaci e ostinati: di fronte al tentativo di sgombero da parte della polizia, le rappresentanti indigene hanno assicurato che da lì non se ne sarebbero andate finché non fossero riuscite a parlare con il ministro Rogelio Frigerio, per denunciare la contaminazione dei fiumi, la devastazione delle foreste e tutti gli irreversibili danni ai loro territori provocati soprattutto dalle multinazionali straniere.

E per denunciare, anche, la militarizzazione delle comunità autoctone da parte del governo, gli arresti arbitrari, gli sgomberi, i casi di scomparsa forzata e di tortura.

«Nell’Argentina di oggi – ricordano – 8 donne indigene su 10 subiscono stupri, abusi e violenza fisica, in 7 casi su 10 da parte della polizia e delle forze di sicurezza dello Stato. E, per ogni 8 donne violentate e assassinate, 5 sono anziane, nella maggior parte delle volte autorità spirituali».

A mandarle via ci aveva provato anche il segretario degli affari politici e istituzionali del ministero dell’Interno Adrián Pérez, avvisandole che il ministro era fuori città e che pertanto era «impossibile» che le incontrasse.

Ma la risposta della leader indigena mapuche Moira Millán non si era fatta attendere: «Non ce ne andremo finché lo stato non ci darà risposte concrete e definitive riguardo alle nostre rivendicazioni».

Alla fine, pare che abbiano vinto loro, ottenendo dal segretario per le Province e i municipi del ministero dell’Interno, Alejandro Caldarelli, l’assicurazione che verranno ricevute.

* Fonte: Claudia Fanti, il manifesto



Related Articles

La grande scommessa della Merkel Papandreou: «Sforzi sovrumani»

BERLINO — «Vi aiuteremo». Angela Merkel tende la mano al premier greco George Papandreou davanti agli industriali tedeschi e poi in un colloquio a due in Cancelleria: «Faremo tutto il necessario per una Grecia forte». Intanto, però, conta ad uno ad uno i parlamentari dissidenti, tentando di convincerli, in vista del delicato voto di domani sull’ampliamento di dotazione e competenze del Fondo salva Stati.

Fiat scivola ancora in Borsa l’allarme dei sindacati

Cisl: rebus Fabbrica Italia. Lingotto: piano confermato.  L’azienda cerca sbocchi in Asia: si tratta con Maruti Suzuki per fornire motori diesel 

La doppia rivoluzione del Venezuela chavista

Il voto Alle “regionali”, che si sono svolte mentre Chà¡vez si faceva operare a Cuba, la coalizione del presidente ha vinto in 20 stati su 23. Boom delle governatrici e dei candidati militari. Affluenza bassa. Per le opposizioni nel caso in cui venisse a mancare il leader il pericolo di golpe c’è, ma verrebbe dalle correnti dell’esercito legate a Diosdado Cabello

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment