Giustizia climatica e sociale. 15 proposte di Sbilanciamoci!

Giustizia climatica e sociale. 15 proposte di Sbilanciamoci!

La stima è del ministero dell’Ambiente. In un anno si potrebbero ottenere 1,9 miliardi per un «Green New Deal». L’obiettivo è contenuto anche nel decreto clima del ministro dell’ambiente Sergio Costa: Sbilanciamoci avanzata ipotesi concrete

«Sbilanciamoci», la rete che accoglie 42 associazioni, ha pubblicato 15 proposte di politica economica alternativa in vista della presentazione dell’aggiornamento del documento di economia e finanza (Def) lunedì prossimo. Si ipotizza una legge di bilancio di 44,6 miliardi di euro, 23 dei quali per sterilizzare le clausole di salvaguardia, 14,6 per realizzare un piano di investimenti per un «Green New Deal», l’istruzione (2,6 miliardi annui per la scuola, 3,1 per l’università); il welfare, l’accoglienza e l’inclusione dei migranti; 4 miliardi per la riduzione delle tasse ai primi due scaglioni di reddito, oltre a 3 miliardi di spese indifferibili. Le risorse possono arrivare dai risparmi sul «reddito di cittadinanza» e «quota 100» (5 miliardi); 12 miliardi di flessibilità dalla commissione Ue; 115 da una riforma fiscale ispirata alla progressività oltre che dalla tassazione di patrimoni e dalla lotta all’evasione; 5 miliardi dalla riduzione delle spese militari e dalla cancellazione degli F35; 1,9 dal taglio delle grandi opere inutili oltre che dal confermato Tav; 3,8 miliardi dalla legalizzazione della cannabis.

Tra le 15 proposte di politica economica vanno segnalate anche quelle sull’eliminazione dei sussidi ambientalmente dannosi e quella per la messa in sicurezza del territorio. Per Sbilanciamoci dovrebbero essere il cuore del «nuovo patto verde» annunciato dal governo, e in particolare dal «decreto clima» che per il ministro dell’ambiente Costa dovrebbe arrivare finalmente in consiglio dei ministri il prossimo 3 ottobre (si veda articolo a fianco).
Per Sbilanciamoci nel prossimo anno è possibile ottenere 1,9 miliardi di euro da un primo taglio dei sussidi dannosi per l’ambiente. Il calcolo è stato effettuato in base a un catalogo realizzato dal ministero dell’ambiente nel 2017. L’insieme dei sussidi dannosi ammontano a 19,3 miliardi di euro, 11,9 dei quali sono destinati ai combustibili fossili. Il «decreto Clima» di Costa evoca questa enorme partita economica, e politica, ipotizzando l’azzeramento nel 2040. Tuttavia, nella bozza conosciuta attualmente, non sono state individuate le priorità, né identificati i sussidi da tagliare. Sbilanciamoci segnala i sussidi per l’autotrasporto a cui sono destinati 1,3 miliardi di euro come rimborso per l’aumento delle accise sul gasolio, a cui si aggiungono aiuti al settori pari a circa 300 milioni di euro.

L’altra partita importante per un cambio di passo del sistema economico è la cura di un territorio disastrato come quello italiano. Il precedente governo «Conte Uno» ha stanziato a tal fine 315 milioni di euro per 263 progetti esecutivi. Secondo i dati prodotti dalla «Struttura Missione Italia Sicura» nel 2017 il fabbisogno per questa enorme partita vitale per il paese era stimato a 27 miliardi per 9.397 opere su tutto il territorio nazionale. Solo negli ultimi anni, ricorda Sbilanciamoci, i disastri legati ad alluvioni o terremoti sono costati oltre 50 miliardi di euro. Investire in questo campo significa prevenire danni ancora peggiori che si moltiplicheranno con l’emergenza climatica in cui stiamo vivendo. Per realizzare una simile politica sul lungo periodo, ricorda Sbilanciamoci, è necessario scorporare gli investimenti ambientali, sociali e nell’istruzione dai vincoli del patto di stabilità; rivedere tutti i trattati fiscali e monetari dell’Ue; raddoppiare il bilancio comune europeo; armonizzare entro due anni il fisco per le imprese e le società in Europa. Infine c’è la proposta di uno stock iniziale di eurobond per mille miliardi di euro come stimolo alla crescita e agli investimenti

* Fonte: Mario Pierro, il manifesto

 

photo by Becker1999 from Grove City, OH [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)]



Related Articles

Il sindaco di Castel Volturno dopo la rivolta: «Abbandonati nel nostro inferno»

Dimitri Russo (Pd). Negli anni ’70 Castel Volturno era un gioiello turistico. Poi la decadenza: abusivismo, camorra, sfruttamento dei migranti. Due comunità in rivolta e un comune in dissesto economico: «Qui lo Stato non c’è, l’integrazione, senza soldi, è impossile»

Conferenza Onu sui cambiamenti climatici a Doha: “Non è un cambio di stagione”

  Foto: Greenprophet.com

Come ci ricordava ieri il pezzo di Chiara Zanotelli, una delle ragazze trentine che, nel giugno scorso, avevano partecipato a Rio +20 in Brasile, si è aperta lo scorso lunedì a Doha la 18esima Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici(Cop18) che chiude una fase storica dei negoziati sul clima, quella in cui ci si era illusi che per superare la crisi climatica fosse sufficiente l’impegno legalmente vincolante nella riduzione delle emissioni dei soli paesi industrializzati.

Terre sempre più rare

Le azioni dell’impresa mineraria californiana Molycorp sono salite del 4,8%, giorni fa, quando la compagnia ha annunciato di aver ormai clienti per oltre tre quarti del prodotto dei suoi impianti di lavorazione delle terre rare.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment