Kurdistan iracheno. Arrestato un curdo di Diyarbakir per l’attacco a Erbil

Kurdistan iracheno. Arrestato un curdo di Diyarbakir per l’attacco a Erbil

Ieri l’antiterrorismo del governo regionale del Kurdistan ha arrestato due dei tre presunti responsabili dell’uccisione mercoledì, in un ristorante di Erbil, HuQQabaz, del vice console turco Osman Kose e due civili iracheni: Mohammed Bisiksiz e Mazlum Dag, 27 anni, curdo di nazionalità turca e residente ad Amed (Diyarbakir).

Dag è fratello della più giovane deputata della storia turca, Dersim Dag, eletta con il partito di sinistra pro-curdo Partito democratico dei popoli, Hdp. L’Hdp – da anni target della repressione del governo di Ankara – ha avvertito: che a nessuno venga in mente di punire Dersim Dag per il crimine (se davvero commesso) del fratello.

Secondo la ricostruzione ufficiale – supportata dalle immagini delle telecamere di sicurezza – tre persone sono arrivate in prossimità del ristorante di Erbil alle 11.30, per poi andarsene e tornare qualche ora dopo. Sono entrati nel ristorante verso le 14. Uno di loro si è seduto al tavolo accanto al diplomatico, gli altri due poco distante. Quando questi si è alzato per pagare, è stato colpito alla testa ed è morto sul colpo. La scorta del diplomatico ha aperto il fuoco e ferito uno dei tre, che sono comunque riusciti a fuggire.

Già da giovedì l’antiterrorismo curdo-iracheno aveva tra i sospetti Dersim, di cui aveva reso pubblica la foto. Secondo le autorità locali, l’indagine è avvenuta in coordinamento con il governo turco.

* Fonte: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO



Related Articles

Aguzzino del raìs, eroe dei ribelli il doppio gioco di Ben Jumaa

 Con lui altri militari-spie riuniti in un’associazione clandestina che ha aiutato gli insorti

L’Aja indaga sui crimini di guerra nei Territori. Ira d’Israele

La Corte penale internazionale (Cpi) ha aperto un’inchiesta preliminare per verificare se siano stati commessi “crimini di guerra” durante il conflitto della scorsa estate tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza

L’esercito onnipotente di Morsi

EGITTO Opposizioni di nuovo in piazza oggi contro il referendum e i poteri speciali dati ai militari
Il presidente per ora non si azzarda a varare gli attesi aumenti per beni di consumo e tasse

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment