Governo in Spagna: negoziati incerti con Podemos, si torna al voto

Governo in Spagna: negoziati incerti con Podemos, si torna al voto

C’è tempo fino all’una e mezza di oggi, dopodiché Pedro Sánchez dovrà tornare davanti al Congresso per un secondo voto di investitura. Stavolta avrà solo 20 minuti per parlare e anche i tempi dei deputati saranno contingentati, per poter votare stasera. Ma le trattative, ieri sera, erano ancora in alto mare. Ufficialmente tutta la mattina la vicepremier Carmen Calvo e la ministra delle Finanze María Jesús Montero (che guidano la delegazione socialista) si è riunita con Pablo Echenique (che invece guida i viola).

I socialisti sostengono di aver fatto nuove proposte a Unidas Podemos, i viola le ritengono insufficienti. «Non vogliamo entrare nel Governo a qualsiasi costo», dicono, e vogliono «competenze per sviluppare politiche sociali sull’uguaglianza, il lavoro, le finanze e la transizione ecologica, per aumentare il salario minimo, approvare una tassa alla banca, ridurre le bollette o estendere l’educazione da zero a tre anni e i permessi di maternità e paternità». Ricordano al Psoe di aver già ceduto abbastanza, di non aver chiesto nessuno dei ministeri “delicati” e di aver accettato il veto su Pablo Iglesias. Nel pomeriggio si sono sentiti al telefono, ma l’incertezza resta.

* Fonte: Luca Tancredi Barone, IL MANIFESTO

 

Photo: European Parliament from EU [CC BY 2.0]



Related Articles

Schengen. Un fatale passo indietro

  Shrank (The Economist)

Sotto la pressione di Francia e Italia, Bruxelles sembra disposta a reintrodurre i controlli alle frontiere interne dello spazio Schengen. La decisione, che dovrebbe essere ratificata dai Ventisette il 12 maggio, sarebbe l’inizio della fine per l’UE.

Guerre del Golfo. L’Europa al servizio della bomba-Trump

Le minacce militari e quelle commerciali del presidente Usa vanno di pari passo. Gli europei non vogliono la guerra all’Iran, ma non fanno nulla per aggirare le sanzioni

Guerriglia nelle strade di Atene, un morto

 “Con i tagli l’Europa ci sta strangolando” Nella capitale paralizzata dallo sciopero generale, molotov contro la polizia 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment