Con Alex Zanotelli, la chiesa che dissente in marcia di solidarietà con i migranti

Con Alex Zanotelli, la chiesa che dissente in marcia di solidarietà con i migranti

Mentre trenta professori della Pontificia facoltà teologica dell’Italia meridionale di Napoli scrivono a Mattarella e si autodenunciano, con la comandante Rackete

È trascorso un anno da quando, il 10 luglio 2018, il missionario Alex Zanotelli, insieme all’ex vescovo di Caserta Raffaele Nogaro, a don Alessandro Santoro della Comunità delle Piagge di Firenze, ai religiosi Giorgio Ghezzi e Rita Giaretta che lavorano con i migranti e con le donne vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lanciarono il «Digiuno di giustizia in solidarietà con i migranti»: migliaia di adesioni in tutta Italia e un presidio fisso a piazza Montecitorio, ogni primo mercoledì del mese.

«Un anno dopo, la strage dei migranti per le politiche restrittive della “Fortezza Europa” continua, è un crimine contro l’umanità», spiega Zanotelli, che oggi sarà di nuovo in piazza: alle 13.30 a San Pietro e di lì in marcia fino a Montecitorio, in presidio davanti alla Camera dei deputati.

«Il governo italiano ha inasprito le politiche dell’accoglienza e alimentato un clima di intolleranza con la propaganda della paura e dell’esclusione che nulla hanno a che vedere con la nostra cultura giuridica e con la nostra identità europea, civile e cristiana» (nonostante i rosari di Salvini), prosegue Zanotelli, «ma si sono moltiplicate le voci di coraggiosa opposizione e di pacifica condanna, nonché le testimonianze di disobbedienza civile per le quali e con le quali torniamo a digiunare».

Non è l’unica voce di dissenso. Trenta professori della Pontificia facoltà teologica dell’Italia meridionale di Napoli scrivono a Mattarella e si autodenunciano, con la comandante Carola: «Signor presidente – scrivono -, se la solidarietà sta divenendo un reato, allora le comunichiamo che vogliamo compiere ogni reato di umana solidarietà, desideriamo essere processati per apologia di reato e ci offriamo di ricevere la pena prevista». E papa Francesco lunedì prossimo, anniversario del primo viaggio del suo pontificato a Lampedusa, celebra a San Pietro una messa con 250 migranti sopravvissuti alla traversata del Mediterraneo e gli operatori delle Ong che li hanno salvati.

* Fonte: Luca Kocci, IL MANIFESTO



Related Articles

Serrata dei migranti contro Trump

Ieri il primo di una serie di scioperi annunciati contro le politiche di Trump. Che sul nuovo scandalo «russo» attacca i media e la Cia

Lauree, i Punti del Contrasto

Il valore del voto nei concorsi Brevi e magistrali equiparate

Dilemma tortura, storia americana

SCHERMI DEL POTERE
Una difesa del film di Kathryn Bigelow «Zero Dark Thirty», dopo l’attacco di Slavoj Zizek. Un’opera di radicale realismo che segue la strada aperta da Friedkin: non «ricostruire», ma «mostrare» Per il filosofo, la regista sdogana l’uso della violenza negli interrogatori e lo «normalizza»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment