Stati uniti. Impiegato apre il fuoco in municipio, 13 morti a Virginia Beach

Stati uniti. Impiegato apre il fuoco in municipio, 13 morti a Virginia Beach

NEW YORK. Un impiegato pubblico armato di fucile e di pistola semiautomatica calibro 45, ha aperto il fuoco in un ufficio municipale di una cittadina di 450.000 abitanti, Virginia Beach, provocando 13 morti e 3 feriti in quella che è l’ennesima strage americana, la terza solo nell’ultimo mese.

In conferenza stampa il capo della polizia locale, James Cervera, ha definito «una scena di guerra» l’immagine che gli si è presentata entrando nell’edificio del complesso municipale, dove l’uomo «ha iniziato a sparare indiscriminatamente su tutte le vittime». Una persona è stata uccisa fuori, nella sua macchina, mentre le altre sono state trovate morte su tutti e tre i piani dell’edificio.

«Grazie al rumore degli spari – ha spiegato Cervera – i quattro poliziotti intervenuti sono stati in grado di localizzare il punto in cui si stava consumando la strage e posso dirvi che è stata una lunga battaglia».

Nessuna ipotesi sul movente è stata formulata. L’uomo che ha compiuto la strage è morto nello scontro a fuoco con la polizia; di lui si sa che era un ingegnere 40enne, DeWayne Craddock, funzionario del dipartimento dei lavori pubblici e che aveva servito nelle Guardie Nazionali.
«È un giorno tragico» ha commentato il governatore democratico della Virginia, Ralph Nortman. Trump ha mandato via Twitter condoglianze e preghiere alle famiglie delle vittime; ben diversa la reazione dei candidati democratici che hanno detto di non credere più all’invio di preghiere e condoglianze come mezzo per fermare la violenza armata. «Non possiamo accettarlo come un avvenimento consueto – ha scritto il candidato John Delaney – dobbiamo intervenire sulla sicurezza delle armi».

«11 persone morte in un altro insensato atto di violenza armata – ha dichiarato il senatore del New Jersey in corsa per la Casa bianca, Cory Booker – Abbiamo il potere di fermare tutto questo con leggi sulla sicurezza che mettano fine a queste tragedie».

«Stavolta è Virginia Beach. È inaccettabile che l’America rimanga l’unico paese sviluppato dove questo è routine» ha detto Pete Buttigieg e sullo stesso tono sono state anche le dichiarazioni di Elizabeth Warren, Kamala Harris, Joe Biden.

Ma l’affondo più duro è arrivato da Bernie Sanders, che solo negli ultimi anni ha abbracciato il movimento contro le armi: «I giorni della National Rifle Association (Nra) al controllo del Congresso, dove scrive le nostre leggi sulle armi, devono finire – ha twittato Sanders -. Il Congresso deve ascoltare il popolo americano e questa violenza armata deve finire».

I candidati democratici si riferiscono a norme di basico buon senso, come vietare le vendite di armi automatiche o semiautomatiche, ma già questo suona come una perversione alle orecchie della lobby delle armi. Che tramite il suo portavoce ha ripetuto ciò che afferma a ogni mass shooting: «La Nra non è responsabile per il crimine commesso da quest’uomo».

* Fonte: Marina Catucci, IL MANIFESTO

photo: By TheNoxid [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons



Related Articles

Iran, primo passo per abolire la pena di morte per i reati di droga

IL PARLAMENTO iraniano fa un primo passo per abolire la pena di morte per reati legati al commercio di droga, prima causa di condanne a morte nel Paese

Germania. Scandalo consulenze per la Difesa, Von der Leyen chiamata a rispondere

Interrogatorio imbarazzante al Bundestag della presidente della commissione Ue, sulla stratosferica cifra di 155 milioni di euro in «consulenze esterne» spese dalle forze armate quando era ministra.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment