Portogallo. Il premier Costa non delude, forze di governo oltre il 50%

Portogallo. Il premier Costa non delude, forze di governo oltre il 50%

LISBONA. È una Lisbona sonnacchiosa quella della giornata elettorale, sarà il gran caldo dopo una primavera piovosa e l’oceano lì, a pochi chilometri. Sabato notte sì che c’era movimento, grande festa per la vittoria della Taça de Portugal dello Sporting ma ieri le strade erano deserte. A mezzogiorno poche persone in giro, quelle che uscivano dalla messa, e un po’ di traffico la sera, al rientro dalle spiagge, ma insomma tutto calmo e astensione stabile superiore al 70%.
Dopotutto spunti che favorissero una mobilitazione massiccia non è che ce ne siano stati moltissimi. Lo sfondamento in Portogallo del sistema politico dell’estrema destra xenofoba per il momento non c’è stato, privando questa consultazione di quello che, a livello continentale, è stato il tema principale: un referendum sull’immigrazione.

IL DISINTERESSE È ALTO, ma, paradossalmente, non tutto il male viene per nuocere, perché forse è stato proprio grazie a questa disaffezione che le forze populiste non sono riuscite a fare breccia in un’opinione pubblica a larghi tratti non dissimile da quella degli altri paesi europei.

Quindi quello che resta è un sondaggio sulla tenuta del governo e delle formazioni su cui si basa l’attuale maggioranza parlamentare in vista delle elezioni per il rinnovo dell’Assembleia da República del prossimo ottobre. Com’era prevedibile a trarre i maggiori vantaggi dalla coalizione è stato il Partido Socialista del premier António Costa che, con il 35% dei voti e 8 deputati eletti – supera il 31% delle precedenti europee. Meno bene, e anche qui non ci sono sorprese, il Partido Comunista Português (Pcp –Gue/Ngl), al 5,5%, due deputati eletti (alle europee 2014 aveva preso il 12%). Buona affermazione per il Bloco de Esquerda (Be – Gue/Ngl) che ottiene l’8%, aveva ottenuto il 10% alle legislative del 2015, e due deputati, risultato che tuttavia segna una consistente crescita rispetto alle scorse europee, dove si era fermata al 4%. Due deputati e il 3,73%, vanno al Pan, Pessoas-Animais-Natureza, affiliato al gruppo dei verdi.

LE DESTRE CONSERVATRICI faticano – il Partido Social Democrata (Psd) si ferma al 25% (6 deputati) e il Centro Democrático Social – Partido Popular (Cds/Pp) subisce un sostanziale tracollo: fermo al 6% e un deputato eletto. Psd e Cds/Pp – entrambi affiliati al gruppo dei popolari – alle scorse europee, alleate, avevano ottenuto il 27%, quindi comparativamente ora sono cresciuti (32%). Tuttavia alle politiche del 2015 avevano ottenuto il 39% avvicinandosi di un soffio alla vittoria.

Riassumendo: se oggi si fosse votato per il rinnovo del Parlamento i socialisti non avrebbero conquistato la maggioranza assoluta dei seggi. Insieme però le forze della cosiddetta Geringonça (Ps, Be e Pcp), come viene informalmente chiamato l’esecutivo Costa, hanno superato la soglia del 50%, ipotecando – sempre si decida di continuare su questa strada – un ulteriore quadriennio alla guida del paese.

Insomma, pur tra molte incognite, il risultato di questa tornata elettorale è più positivo che negativo, soprattutto se si tiene in considerazione quanto è successo, ad esempio, in Belgio o in Francia. Molte restano le domande lasciate da questa tornata: cosa succederà a destra? Cosa farà il Pcp per contrastare l’emorragia di voti?

* Fonte: Goffredo Adinolfi, IL MANIFESTO



Related Articles

Qualcosa è già  cambiato

TERRITORI OCCUPATI. Saranno più di 150 gli stati a votare per il riconoscimento, come Stato osservatore non membro della Palestina dei territori occupati nel 1967, compresa  Gerusalemme Est? Lo sapremo, ed anche se non sarà  ancora il 194 stato dell’ Onu, si tratta di un passo avanti, non solo simbolico. Certo i palestinesi si sveglieranno oggi ancora con i soldati israeliani sul loro territorio, i coloni aggrediranno i contadini e spianeranno terra e sradicheranno alberi per farsi «un posto al sole». Ma il sentiero è stato aperto.

Il «padrone» del Kerala che tiene tutti ostaggio

TRIVANDRUM — I marò italiani devono restare in prigione? Lo vuole Chandy. La petroliera Enrica Lexie non può lasciare il porto e anzi va tenuta sotto pressione? È un ordine di Chandy. Le indagini sulla morte dei due pescatori non si concluderanno prima del 17 marzo? Lo ha stabilito Chandy.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment