Vertice euro-arabo di Sharm el Sheik: Italexit dalla Libia, vince al-Sisi

Vertice euro-arabo di Sharm el Sheik: Italexit dalla Libia, vince al-Sisi

Possiamo cominciare a fare «ciaone» alla Libia, nonostante gli intensi sforzi di dialogo con il generale Khalifa Haftar del nostro ambasciatore Giuseppe Grimaldi Buccino. Dal vertice euro-arabo di Sharm el Sheik è emerso che: 1) al generale al-Sisi è stato assegnato il ruolo di «guardiano» del sud e della Libia, un po’ come a Erdogan per i rifugiati dalla Siria. 2) l’Eliseo ha in programma due vertici con Haftar e Sarraj negli Emirati e a Parigi. A questo aggiungiamo il punto 3) Haftar, alleato della Francia, della Russia e dell’Egitto, vanta il controllo del giacimento Eni di El Feel. In Libia, in poche parole, non tocchiamo palla.

Sepolte le primavere arabe – ma non le ragioni profonde dell’insurrezione sunnita – il generale egiziano golpista Abdel Fattah al-Sisi, braccio armato dell’Arabia saudita, alleato di Israele in Sinai e in Libia sponsor del generale Haftar, è stato il vincitore di questo vertice e anche dell’incontro con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha dovuto prendere atto del ruolo preminente di al-Sisi sulla questione libica ed è stato preso in giro ancora una volta sul caso di Giulio Regeni: giustizia – lo avevamo capito sin dall’inizio della vicenda, quando Conte era ancora un perfetto sconosciuto – non sarà mai fatta. Almeno se questi sono i rapporti di forza e persiste la totale assenza da parte europea e americana di ogni solidarietà sul caso Regeni.

Ma l’Italia la lezione non l’impara mai: i nostri alleati sono anche i nostri più accesi concorrenti. «Regeni per l’Italia è una ferita aperta», ha detto Conte ad al-Sisi, ma lui dal generale non riesce a ottenere neppure un cerotto.

E poi anche per noi gli affari sono affari e non si può irritare troppo al-Sisi, referente del mega-giacimento offshore di gas dell’Eni a Zohr e soprattutto pretoriano dei Saud e del principe assassino Mohammed bin Salman, un cliente della nostra industria bellica già sbilanciata per le forniture di armamenti di Fincantieri e Leonardo, con il Qatar, la monarchia degli Al Thani e di Al Jazeera fortemente invisa e boicottata sia da Riyadh che dal Cairo per il suo appoggio ai Fratelli Musulmani.

Il Qatar era presente a Sharm con una delegazione di basso livello perché l’invito ufficiale al vertice non è arrivato neppure direttamente ma attraverso l’ambasciata greca a Doha. Segnali inequivocabili: sauditi ed egiziani con il generale Haftar vogliono far fuori la Fratellanza anche a Tripoli di Libia, se possibile, e poi forse si tornerà a parlare con i suoi sponsor, il Qatar e la Turchia.

Pur senza dirlo esplicitamente, l’Europa si prepara a riconoscere ad al-Sisi il ruolo di gendarme meridionale e custode dei flussi dei migranti dall’Africa e dal Sudan, dove il presidente Omar al Bashir ha appena proclamato lo stato d’emergenza e dato nuovi poteri alle forze armate per soffocare le manifestazioni dell’opposizione. Come scriveva Chiara Cruciati sul manifesto siamo al trionfo della militarizzazione. E se Erdogan viene pagato dalla Ue per tenersi tre milioni di profughi siriani, al-Sisi verrà ricompensato con l’espansione della sua influenza sulla Libia di Haftar.

La Francia sembra d’accordo. E sta facendo pressioni sull’inviato dell’Onu Ghassam Salamé per organizzare a breve due vertici tra Haftar e Sarraj – il vulnerabile leader tripolino sponsorizzato dall’Italia – prima ad Abu Dhabi e poi a Parigi. Per i francesi Haftar è una sorta di «De Gaulle libico» ma non trascurano neppure i rapporti con il clan di Gheddafi e con il figlio del colonnello, Seif al Islam.

Insomma ci stanno scavalcando da tutti i lati. Haftar ora controlla l’importante giacimento libico El Feel, operato da Eni assieme alla Compagnia petrolifera nazionale libica (Noc), un’operazione avvenuta nell’ambito della campagna di conquista del sud-ovest con cui si era già impadronito dei pozzi di Sharara, i più importanti della Libia. Le recenti avanzate stanno cambiando rapidamente le relazioni di potere in Libia e forse la Francia si prepara a trattare una sorta di resa o di armistizio con il governo Sarraj.

«Haftar per Tripoli è diventato una minaccia esistenziale», sostiene l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza (Swp). Ce ne accorgeremo, forse, anche noi.

* Fonte: Alberto Negri, IL MANIFESTO

 

photo: The White House from Washington, DC [Pubblico dominio], Abdel Fattah el-Sisi, re Salman dell’Arabia Saudita, Melania Trump e Donald Trump, maggio 2017



Related Articles

Su Gerusalemme il Guatemala corre in appoggio a Trump e Netanyahu

Il presidente Jimmy Morales ha annunciato di aver ordinato il trasferimento dell’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Altri due Paesi centroamericani, Panama e Honduras, pronti a seguirlo.

In Malesia ha vinto il Fronte Nazionale

In Malesia ha vinto il Fronte Nazionale

Cioè la coalizione che governa ininterrottamente da 56 anni: ma ha ottenuto pochi seggi rispetto al passato e l’opposizione lamenta brogli

Salta l’intesa sul petrolio Arabia e Iran ai ferri corti

A Doha i Paesi Opec e gli altri produttori avrebbero dovuto accordarsi sul congelamento della produzione. Timori di nuovi crolli per il greggio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment