Sabato tutti in piazza, con i migranti contro la barbarie

Sabato tutti in piazza, con i migranti contro la barbarie

Nell’appello per le manifestazioni di sabato 27 ottobre, pubblicato nei giorni scorsi (qui il testo integrale) tra l’altro si scrive: «In Italia soffia un vento furioso di propaganda e, peggio, di violenza. Il limite della intolleranza si traduce in forme di aggressione e regressione sempre più gravi. I migranti diventano ostaggi, nemici, gente pericolosa. Insultati, picchiati, feriti da armi da fuoco, concentrati in centri invivibili. Adulti, minori, donne sole, bambini trovano in Italia un’ostilità crescente. E come se non bastassero il blocco delle navi e il boicottaggio delle Ong, il governo approva un decreto che, se accolto dal Parlamento, metterebbe ancora più a rischio la loro vita.

Un Decreto che punta a demolire il diritto d’asilo, a consegnare ai privati l’accoglienza puntando sui grandi centri che alimentano corruzione e razzismo, scaricando sui territori costi, disagio e tensione sociale. Eppure nonostante le difficoltà politiche, nonostante i dubbi, nonostante le divisioni, tanti italiani sono disposti a fare argine al drammatico dilagare di comportamenti “cattivi”, che non avevamo ancora mai visto prima verso i più indifesi. Ma c’è di peggio, perché chi perseguita i deboli non se ne vergogna. Ostentando e stimolando odio.

A questa vasta area democratica, religiosa e laica, spetta il compito di tenere alta la bandiera della civiltà, della pace, della convivenza tra diversi, della democrazia. La chiesa di Papa Francesco interpreta con lucidità i tempi presenti. Il mondo cattolico, con le sue strutture e i suoi giornali, insieme alle tante associazioni sono già impegnati in aiuto dei migranti e in prima fila contro razzismo e xenofobia. Altrettanto il mondo laico: donne, uomini, giovani e meno giovani, compagne e compagni, preoccupati e convinti della necessità di dare un’ampia e forte risposta alla crescente barbarie.

È il tempo di compiere un primo, grande, passo. Tutti insieme. E possiamo farlo manifestando il 27 ottobre 2018, non in una ma dieci, cento città». ‬

Per adesioni: conimigranticontrolebarbarie@gmail.com

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Padre Frans e i cristiani del Sud uccisi (nel silenzio) in prima linea

Dalla Siria all’India: vittime anonime di una guerra globale. I Cristiani uccisi (e dimenticati)

Occupy, verso il 1° Maggio

Il «mayday» negli Stati uniti è tradizionalmente giorno di saldi e shopping, ma quest’anno il movimento delle tende ha chiamato in piazza lavoratori e precari per lo sciopero generale, sfidando il veto dei sindacati e gli arresti della polizia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment