Dopo otto anni la Germania lo rimpatria, afgano di 23 anni si suicida

Dopo otto anni la Germania lo rimpatria, afgano di 23 anni si suicida

Lo hanno trovato appeso al soffitto della sua stanza nel “rifugio temporaneo” dentro l’hotel «Spinsar» di Kabul. Era stato rimpatriato dalla Germania dopo che la sua domanda di asilo era stata respinta in via definitiva dal Tribunale di Amburgo, dove viveva da 8 anni.
Così un afgano di 23 anni, ha scelto di sfuggire al destino scritto da chi ha scelto di farlo ritornare nel suo «Paese sicuro».

Per il ministro dell’Interno Seehofer «si tratta di un incidente profondamente deplorevole», mentre la stampa conservatrice evoca «il passato criminale» del giovane. In ogni caso, si tratta della prima vittima certificata delle deportazioni iniziate con l’insediamento del leader Csu agli Interni.

Sul volo che ha espulso il giovane suicida risultavano 69 afgani. Numero sintomatico per Seehofer, che ieri ha voluto sottolineare così l’inquietante parallelismo: «Proprio nel mio sessantanovesimo compleanno sono stati rimpatriate 69 persone…».

FONTE: Sebastiano Canetta, IL MANIFESTO



Related Articles

La campagna giudiziaria contro le ONG e l’umanitarismo

Gli accordi che Minniti ha stipulato che delegano alla Libia il respingimento e l’internamento dei migranti, in cambio di denaro, armi e sostegno politico hanno valore di legge?

Alarm Phone: «Dodici migranti morti per colpa dell’Europa»

Un dossier di Alarm Phone. I 146 migranti della Alan Kurdi trasferiti oggi su una nave per la quarantena. Vari paesi tra cui l’Italia accusati di aver lasciato naufragare un’imbarcazione con persone a bordo.

Droghe, l’Onu è ancora in mezzo al guado

Sulle droghe si sono consolidate posizioni che pongono al centro il rispetto dei diritti umani e le ripercussioni negative dell’aver affidato al diritto penale il governo del fenomeno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment