Portogallo. I comunisti assieme ai cattolici bocciano la legge sull’eutanasia

Portogallo. I comunisti assieme ai cattolici bocciano la legge sull’eutanasia

LISBONA. Eutanasia sì o no? Il parlamento portoghese dice no e boccia di stretta misura (110 a favore 115 contro) tutte e quattro le proposte di depenalizzazione della somministrazione della morte assistita nei confronti di chi sia in una condizione di «sofferenza estrema causata da una malattia incurabile».

A favore si sono espressi Bloco de Esquerda (Be), Partido Socialista (Ps), Partido Ecologistas Verdes (Pev) e Pessoas Animais e Natureza (Pan). Diviso il centro-destra Partido Social Democrata (Psd) e contrari il Centro Democrático e Social (Cds/Pp, di matrice cattolica) e, cosa che ha destato notevoli polemiche, il Partido Comunista Português (Pcp).

Semplificando si potrebbe pensare di essere di fronte a una frattura ideologica molto novecentesca che ha diviso e divide formazioni materialiste e post materialiste. Però forse c’è qualche cosa di più complesso che va al di là sia del credo religioso, nonostante le apparenze il Portogallo è un paese profondamente cattolico, che di quello politico.

I comunisti non sono refrattari in sé e per sé ai diritti civili, in passato hanno votato a favore alla legalizzazione dell’aborto e al matrimonio e all’adozione tra coppie dello stesso sesso.
Una posizione contraria all’eutanasia giustificata dal fatto che, spiega Antonio Filipe deputato del Pcp, «non si possa affrontare la vita umana in funzione della sua utilità, degli interessi economici o di discutibili modelli di dignità sociale» anche se, prosegue FIlipe «continueremo a batterci per il diritto di tutti di rifiutarsi a pratiche mediche che prolunghino artificialmente la vita».

Per Jerónimo de Sousa, segretario generale del Pcp, la questione ha un valore che, all’interno della categoria dei diritti civili, assume una natura molto più delicata e del tutto differente dagli altri temi. Va dopotutto ricordato che oggi in Europa la questione è controversa e dibattuta, lo è certamente in Portogallo dove in queste settimane ci sono state manifestazioni a favore e contro.

FONTE: Goffredo Adinolfi, IL MANIFESTO



Related Articles

Religione: «Nessuna». Cade uno dei pilastri d’Israele

GERUSALEMME — L’uomo «morto almeno due volte», come si definisce Yoram Kaniuk, che fu ferito grave nella battaglia di Gerusalemme e andò in America e ripartì con la morte nel cuore, a 81 anni è rinato a nuova vita. Precisamente la vigilia del Capodanno ebraico, quando un giudice di Tel Aviv gli ha regalato una carta d’identità  nuova di zecca. Stabilendo che il più sionista degli scrittori israeliani può finalmente essere accontentato.

Santiago: scontri studenti-polizia

(Afp)

(Afp)

Gli studenti chiedono al Governo di amministrare l’educazione primaria e secondaria
I giovani cileni in piazza contro la privatizzazione di scuole e università  voluta dal presidente Pià±era

Haiti, brogli e colera svuotano le urne “Annullare le elezioni”

Dodici candidati chiedono all’Onu di dichiarare non valido il voto di ieri.  Per pilotare il risultato i fedelissimi di Jude Celestin, delfino di Préval, impediscono alla gente di votare

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment