In Libia guerra per porti e petrolio, rapito il vicepremier al Majbari

In Libia guerra per porti e petrolio, rapito il vicepremier al Majbari

Il vicepremier di Tripoli, Fathi al Majbari, è misteriosamente sparito per una notte. Rapito da uomini armati che si sono introdotti in casa sua col buio, l’altra sera, sparando e ferendo gravemente una delle sue guardie del corpo. Il rapimento era stato inizialmente smentito dallo stesso governo di «accordo nazionale», riconosciuto internazionalmente, fin quando Majbari non è ricomparso in mattinata a Tunisi, imbarcato dalle milizie di Haitham al Tajuri – le più potenti di Tripoli, probabilmente le stesse che lo hanno rapito – alle otto del mattino dall’aeroporto internazionale Mitiga.

È così che il giovane vicepremier, uno dei cinque esponenti del governo Serraj provenienti dalla Cirenaica, è stato «punito» per le sue ultime dichiarazioni pro-Haftar. Majbari, che in passato aveva osato dare l’altolà alla missione militare italiana nel porto di Tripoli, questa volta si è immischiato nella questione più pericolosa e vischiosa della Libia, che non è il controllo dei flussi di migranti, ma la battaglia per i proventi del petrolio. Una battaglia per il controllo dei terminal delle navi cisterna e dei grandi serbatoi di Ras Lanuf e Sidra che è stata vinta sul campo dal generale Haftar, a caro prezzo (184 soldati morti, 300 vittime in meno di due settimane di combattimenti e 800 milioni di dollari di danni) contro i mercenari del Ciad al comando dell’ex capo delle guardie petrolifere Ibrahim al Jadhran, ma persa dallo stesso Haftar diplomaticamente.

Ieri sera al quartier generale del «generalissimo» a Bengasi è arrivato un messaggio chiaro dai governi occidentali interessati agli affari libici (Italia, Francia, Usa e Gran Bretagna): «Le risorse vitali libiche sono sotto il controllo esclusivo della National Oil Company», la Noc con sede a Tripoli capitanata da Mustafa Sanallah. Tutto il contrario di ciò che aveva disposto lo stesso Haftar lo scorso 25 giugno: i proventi ufficiali del commercio del petrolio nei porti del Golfo della Sirte sarebbero dovuti andare sempre alla Noc ma al suo distaccamento di Baida, guidato da Faraj Mohamed Saied al Hassi, già a capo della Arabian Gulf company.

Haftar ha deciso questo nuova divisione di una delle poche infrastrutture statali ancora esistenti in Libia – la Noc, l’altra è la Banca centrale – riunificate sotto un’unica guida grazie all’accordo di pacificazione di Skhirat tre anni fa, e lo ha decretato significativamente lo stesso giorno della visita del ministro Salvini a Tripoli, ospite del suo omologo nel governo Serraj, senza nessun incontro con Haftar o con il «suo» governo non riconosciuto di Baida. Il vicepremier rapito era stato l’unico del governo Serraj a dargli ragione. Ora la guerra civile sembra più vicina a riesplodere.

FONTE: Rachele Gonnelli, IL MANIFESTO



Related Articles

Se salta Schengen un danno di oltre 100 miliardi l’anno

Bruxelles. Cosa accadrebbe con il ripristino generale delle frontiere all’interno dell’Ue. Dalla commissione l’allarme agli stati per accettare il ricollocamento dei profughi

Assieme allo spread cresce la paura di «ItalExit»

Finanza. Il differenziale tra i nostri Btp e i Bund tedeschi vola a 269 punti. Il governatore Visco e i banchieri preoccupati

Il cyber-nemico nel cuore dell’America

Dalle banche alle istituzioni, nel cuore politico degli Usa i cyber-nemici cinesi sono entrati ovunque. Così Pechino può frugare tra i segreti della Casa Bianca

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment