Il tribunale tedesco libera Carles Puigdemont con cauzione

Il tribunale tedesco libera Carles Puigdemont con cauzione

Il tribunale dello Schleswig-Holstein, il Land dove è stato arrestato e rinchiuso in carcere Carles Puigdemont, respinge l’accusa di «ribellione», imputata dal giudice spagnolo nella richiesta di estradizione, e rilascia il leader indipendentista catalano in libertà condizionata, dietro il pagamento di una cauzione di 75mila euro, fino al termine della procedura.

Il reato di «ribellione» è stato giudicato «inammissibile», equiparabile in Germania a quello di «alto tradimento» che però implica il requisito della violenza. Per i reati di corruzione e malversazione di denaro pubblico per il finanziamento del referendum di indipendenza del 1 ottobre, invece, il processo di estradizione andrà avanti per il suo corso. Il verdetto finale spetta ai tre giudici dell’Alta corte del Land.

«La giustizia tedesca ha visto chiaramente la sproporzione e la irrazionalità dei reati contestati ai politici catalani» ha reagito la segretaria del partito Pdecat di Puigdemont Marta Pascal.

Secondo l’avvocato catalano dell’ex president, Jaume Alonso Cuevillas, i tribunali dei paesi europei, Belgio, Scozia e Svizzera, che devono pronunciarsi sulle altre richieste di estradizione dovrebbero seguire i giudici dello Schleswig Holstein.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Tutto il mondo sta esplodendo, ma noi guardiamo il nostro ombelico

Dall’Ecuador alla Bolivia, dalla Colombia al Brasile, dal Cile ad Haiti, dall’Iraq all’Iran, dal Libano all’Arabia Saudita, dalla Turchia alla Francia, ovunque stanno crescendo le proteste sociali, ma anche la repressione e la tortura

L’ira di Ségolène “Basta Valérie Parlo di politica non di gossip”

“Elle” interpella uno psicologo sulle due rivali La Royal: “A un uomo non lo farebbero mai” Il settimanale ha sceneggiato un confronto fra gli amori del capo di Stato Hollande 

L’imprevedibile Irlanda va al voto, la Francia ha cambiato direzione

Schieramenti quasi italiani: per il «sì» riformisti e centristi, «no» da destra e Sinn Fein

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment