LETTERE DAL FRONTE

LETTERE DAL FRONTE

La difesa di Kobanê (settembre 2014 – gennaio 2015) è stata condotta da uomini e donne, giovani volontari delle Unità di Autodifesa che hanno lottato non solo per la città ma anche per la libertà, la loro e quella di tutti noi.

Pubblichiamo alcune delle lettere scritte dal fronte durante i mesi di resistenza.

 

Esma Zagros è  una giovane donna di Kobanê.

E’ entrata nelle YPJ  (Unità  di   Difesa  delle Donne) ad aprile 2013. Ha inviato questo messaggio ad un  giornale kurdo.

 

Sono entrata nelle Unità di Difesa Popolare con mia cugina Awaz. Prima di entrare nelle YPJ non avevo nemmeno idea di cosa fosse una organizzazione politica. Non conoscevo il pensiero di Ocalan. E’ stata mia cugina,

la martire Awaz, ad insegnarmi quello che è un’organizzazione e mi ha spiegato la filosofia del nostro movimento.

Quando siamo entrate nelle YPJ ci hanno inviato in un campo per “nuove militanti” dove ho ricevuto addestramento militare.

Awaz e io siamo rimaste in quel campo 15 giorni, quindi ci hanno inviato all’unità di donne appena creata, la Martire Dicle, a Kobanê. Eravamo 45-50 compagne, la battaglia di  Tel Abyad non era ancora cominciata e ci assegnarono al fronte orientale, a pochi metri dalla frontiera e vicina ad una unità militare della polizia turca.

Sono stata ferita in battaglia e mi ci sono voluti sei mesi per recuperarmi. Una volta ristabilita sono stata destinata nuovamente al fronte occidentale dove ho fatto un nuovo corso di addestramento militare. Durante un attacco mi sono rotta un braccio e dopo la riabilitazione mi hanno separato da mia cugina Awaz.

Lei è andata sul fronte occidentale, io su quello orientale. Io e Awaz abbiamo sempre avuto un rapporto molto stretto e speciale, per questo separarci ci fece soffrire molto, ma in seguito ci siamo ritrovate nel campo Martire Sozdar. Poco dopo quel reincontro Awaz è morta, martire.

Non ho parole per spiegare quanto ho sofferto. Prima che morisse Awaz avevamo già perso nostro cugino Ervan e dopo Awaz morì anche Ruhat. La loro morte mi ha segnato enormemente.

Non riesco ad esprimere questo dolore, quando siamo entrati nel partito ci eravamo fatti una promessa: combattere sempre insieme per la libertà del nostro paese. Non siamo riusciti a mantenere la nostra promessa.

Loro sono morti.

Qui ho molti compagni e compagne, ma con i miei cugini avevo una relazione speciale, molto intima. Adesso mi mancano moltissimo le nostre conversazioni, sono stati loro ad insegnarmi quanto importante è lottare. Parlavamo sempre di unirici alla guerriglia kurda, di andare in montagna, ma quando hanno attaccato Kobanê abbiamo deciso di rimanere qui, perchè qui è dove dovevamo stare.

Adesso loro non ci sono e io sono rimasta sola, ma continuo a lottare perchè Kobanê deve conquistare la sua libertà. E’ per questo

 

QUI L’INTERO NUMERO DEL MAGAZINE GLOBAL RIGHTS #5 2017, SFOGLIABILE O SCARICABILE, IN ITALIANO, INGLESE, SPAGNOLO

 



Related Articles

Genova 16 anni dopo. Le ragioni dimenticate dei movimenti

In quelle giornate genovesi di 16 anni fa si sono confrontate senza mediazioni due visioni del mondo

Il messaggio del regista inglese Ken Loach al Festival del Cinema di Kobane

“Le vostre conquiste politiche sono rispettate in tutto il mondo e sono tante le persone che vi appoggiano nel loro cuore, anche se forse non saprete mai di loro”

Maximum Horror

As a French friend wrote to me, ‘The idea of Charlie Hebdo provoking a “union sacrée” has to be one of the ironies of history that even the most cynical post-’68 libertarian anti-establishmentarian would have choked on in disbelief.’

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment