Uccisa da un’autobomba Daphne Caruana Galizia, la reporter dei MaltaFiles

Uccisa da un’autobomba  Daphne Caruana Galizia, la reporter dei MaltaFiles

La giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, 53 ani, è rimasta uccisa nel pomeriggio di ieri dall’esplosione della Peugeot 108 che aveva preso in affitto e su cui si trovava a bordo al momento dell’esplosione. Era uscita da poco di casa, a Bidnija, nella parte centro-settentrionale dell’isola di Malta, dove viveva con la sua famiglia. È morta sul colpo. Il premier laburista Joseph Muscat ha condannato l’episodio parlando di attacco «barbaro»: «Tutti sanno quanto Galizia fosse critica nei miei confronti, ma nessun può giustificare questo atto barbaro». La reporter, 15 giorni fa, aveva depositato una denuncia dopo aver ricevuto minacce di morte. Per l’ordine dei giornalisti maltesi «è un attacco diretto alla libertà di espressione».

Galizia, seguitissima per il blog Running Commentary, in cui svelava scandali di corruzione e mafia, nel 2016 aveva indagato sui MaltaFiles, la parte dell’inchiesta internazionale Panama Papers dedicata al malaffare locale. Da quelle carte era uscito fuori il coinvolgimento della moglie del premier Muscat, che ha sempre respinto ogni accusa. La donna avrebbe avuto delle proprietà nei paradisi off-shore sui quali sarebbero stati versati diversi bonifici dalla figlia del dittatore dell’Azerbaijan Ilham Aliyev per assicurarsi ricchi appalti energetici. La vicenda portò a elezioni anticipate sull’isola, vinte da Muscat lo scorso giugno.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Parmalat-Ciappazzi, cinque anni a Geronzi

“Bancarotta e usura”. Matteo Arpe condannato a tre anni e sette mesi    Per i legali del banchiere romano “verdetto ingiusto”. L’accusa chiedeva sette anni 

«Una truffa per tutti» E la scuola si ribella

Da Palermo a Roma, i precari della scuola portano la protesta contro i tagli davanti al Parlamento. Partita dalla Sicilia il 13 agosto scorso, con l’occupazione del Provveditorato, la mobilitazione si estende. A Roma, presidio permanente davanti al ministero. Ma per il governo si tratta solo di «militanti politici» La protesta degli insegnanti precari arriva in Parlamento Scioperi della fame anche a Benevento e Pordenone

Italia, sentenza Eternit: 16 anni ai dirigenti

La corte d’assise di Torino ha emesso la sentenza Eternit: i due imputati, lo svizzero Stephan Schmidheiny e il barone belga Jean Louis de Cartier, sono stati condannati a 16 anni per disastro doloso permanente e omissione dolosa di dispositivi di prevenzione. Si tratta dei due alti quadri della multinazionale svizzera dell’amianto.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment