Minniti minaccia le Ong: polizia a bordo o chiudo i porti

Minniti minaccia le Ong: polizia a bordo o chiudo i porti

«Medici senza frontiere non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dalla procura di Trapani né da altre procure in merito alla presunta inchiesta sulla nostra attività di soccorso in mare». Con un comunicato ieri mattina la Ong, che non ha voluto firmare il codice di comportamento voluto dal Viminale, ha smentito le indiscrezioni apparse su alcuni quotidiani, secondo i quali ci sarebbe anche Msf nel mirino dei pm per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, dopo i tedeschi di Jugend Rettet. Nel testo si fa riferimento a un «clima cupo» calato sui volontari impegnati nel Mediterraneo, del resto anche per gli attivisti tedeschi fermati sulla Iuventa le accusa vanno ancora provate: «Non c’è stato nessun contatto con i trafficanti – ha insistito ieri il portavoce, Julian Phalke, al quotidiano Bild -. Il nostro unico obiettivo è tornare in mare».


IL FASCICOLO
 poggia sul lavoro di un ufficiale dello Sco sotto copertura sulla Vos Hestia e su i due dipendenti della Imi, imbarcati sulla stessa nave. Ieri Famiglia cristiana ha rivelato però i forti contatti tra la società di sicurezza e il gruppo di destra Generazione identitaria, imbarcato sulla C-Star per operazioni di contrasto alle Ong. Ieri la C-Star si è messa in scia alla Aquarius, gestita da Sos Méditerranée con l’aiuto di Mdf. «Il contatto della Imi di Cristian Ricci è con l’ex ufficiale della Marina militare Gian Marco Concas, uno dei portavoce di Generazione identitaria – scrive il settimanale -. Esperto di navigazione, Concas è stato definito come il direttore tecnico dell’operazione navale della rete europea antimigranti, che in queste ora sta muovendo la C-Star nella zona Search and rescue davanti alle acque libiche».IL MINISTRO degli Interni, Marco Minniti, ieri sul Fatto ha confermato la linea dura: «La polizia a bordo è necessaria oppure bloccheremo le navi. Chi non ha firmato non potrà far parte del sistema di salvataggio che risponde all’Italia, fermo restando il rispetto della legge del mare e dei trattati internazionali». E ancora: «Auspico una piena assunzione di responsabilità da parte di tutti, compresa Msf: nessuno può far finta di non vedere quanto è emerso dalla procura di Trapani». Il Corsera, ieri, era tra i quotidiani che citavano Medici senza frontiere tra le Ong nel mirino degli inquirenti. La prova sarebbe l’interrogatorio del 27 febbraio di Cristian Ricci, titolare della Imi Security Service, la società che si occupava della sicurezza sulla Vos Hestia di Save the Children. Proprio due suoi dipendenti avrebbero dato avvio alle indagini con dichiarazioni spontanee alla procura. Ricci mette a verbale: «La nave Iuventa fungeva da piattaforma e quindi si limitava a soccorrere i migranti per poi trasbordarli. Era sempre necessario l’intervento di una nave più grande». Tra le imbarcazioni più grandi ci sarebbe anche la Prudence di Msf che avrebbe effettuato i trasbordi senza essere stata allertata dalla Guardia costiera. Sarebbero anche accusati di «sconfinamenti ripetuti» nelle acque libiche.

IL NOME DI CONCAS, spiega ancora Famiglia Cristiana, è inserito nel gruppo social ufficiale dell’Imi che, nell’ottobre dello scorso anno, «inviò prima all’Aise (Servizio segreto che si occupa di estero ndr) e poi alla squadra mobile di Trapani la segnalazione sui movimenti “sospetti” della nave dell’Ong tedesca, sequestrata dal gip di Trapani. L’elenco degli iscritti al gruppo è consultabile ed è composto da diversi contractor, molti dei quali con esperienze militari attive nel curriculum. In sostanza si tratta dello stesso contesto di provenienza della società di mercenari inglese che ha fornito a Generazione identitaria la nave C-Star».

LA PROCURA di Trapani mette nel mirino la Iuventa, scrive il gip: «In particolare, Montanino Lucio e Gallo Pietro, operatori a bordo della motonave Vos Hestia assunti temporaneamente dall’agenzia Imi Security Service, hanno dato origine al presente procedimento penale». Sottolinea il settimanale: «Quello che sorprende è la convergenza tra quella prima denuncia e il piano di azione di Generazione identitaria. Su Facebook il gruppo il 3 agosto scrive: «Il lavoro di intelligence di Gian Marco Concas, capitano di Defend Europe, comincia a dare i suoi frutti. La C-Star deve ancora arrivare alla meta, ma abbiamo già colto la Open Arms e la Golfo Azzurro con le mani nel sacco mentre operano nelle acque territoriali libiche”». Il post è correlato dal tracciato delle navi ma, secondo Famiglia cristiana, «il trasponder della nave Open Arms era stato manipolato, hanno confermato i tecnici, da ignoti hacker. Gli stessi esperti hanno spiegato come attraverso software sia fattibile un attacco più sofisticato, in grado di sabotare i sistemi di navigazione a distanza».

FONTE: Adriana Pollice, IL MANIFESTO



Related Articles

Tempi duri per i Nobel alternativi

   Dom Erwin Krà¤utler tra gli indiani dell’Amazzonia brasiliana – Foto: Die-rote-fahne

Oggi è la giornata internazionale dei diritti umani, Sakineh Mohammadi Ashtiani è stata liberata, ma… Sono tempi duri per i vincitori dei Nobel. C’è chi sta scontando una condanna ad 11 anni per “istigazione alla sovversione”, in Cina sinonimo di democrazia, come Liu Xiaobo e chi come dom Erwin Krà¤utler dal 2006 vive sotto scorta a causa delle numerose minacce di morte ricevute da latifondisti e sfruttatori dell’Amazzonia, in Brasile sinonimo di difesa dei diritti umani e ambientali dei popoli indigeni. Mentre il primo è a molti noto, ed in attesa di ricevere il Nobel tra boicottaggi e arresti domiciliari questo venerdì, il secondo è stato insignito lunedì di fronte al parlamento svedese del premio “Right Livelihood Award”, il cosiddetto Nobel Alternativo.

Clandestini uguale criminali: Israele come la Lega di Bossi

Umberto Bossi fa proseliti in Israele dove le sue idee su come fermare e punire i migranti riscuotono, evidentemente, non pochi consensi. Due giorni fa la Knesset, il parlamento israeliano, ha varato nuove norme anti-«infiltrazione» che inaspriscono le pene nei confronti dei clandestini e prevedono la possibilità  di detenzioni preventive, senza processo, fino a tre anni.

Mediterranea ha reso pubbliche registrazioni con i libici «che incastrano l’Italia»

Rese pubbliche le conversazioni tra il centro di coordinamento del soccorso marittimo di Roma e i referenti libici. Intervista ad Alessandra Sciurba, coordinatrice del team legale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment