Roma, in piazza i movimenti per l’acqua: «Ripubblicizzare Acea Ato 2»

Roma, in piazza i movimenti per l’acqua: «Ripubblicizzare Acea Ato 2»

ROMA. Sono due i messaggi che la «Coalizione civica per Roma», una rete che raccoglie movimenti e sindacati, partiti e comuni del Lago di Bracciano e delle città metropolitana, ha inviato ieri alla Giunta capitolina di Virginia Raggi e a quella Zingaretti della Regione Lazio.

A Raggi si chiede la ripubblicizzazione immediata della società che gestisce l’acqua a Roma, Acea Ato 2 (Ambito Territoriale Ottimale Lazio centrale – Roma), in coerenza con i principi del Movimento Cinque Stelle (l’acqua è la prima stella).

A Zingaretti si chiede l’approvazione a settembre della legge sui bacini idrografici per attuare la legge regionale del 2014 sull’acqua pubblica e coinvolgere le comunità locali nella gestione dell’acqua. Interventi seri per sgombrare il campo dal gioco allo scaricabarile tra Pd, Cinque Stelle e il management di Acea, il tutto ai danni di una cittadinanza traumatizzata dalla minaccia del razionamento dell’acqua, del prosciugamento del lago di Bracciano e di un diffuso senso di panico e impotenza che tiene in ostaggio una città che si sente sotto assedio.
Il senso di urgenza, e di indignazione, ieri era così evidente da avere spinto in una delle giornate più calde e afose dell’anno duecento persone a manifestare sotto la sede centrale di Acea in piazzale Ostiese a Roma. Al centro di tutte le polemiche, la gestione privatistica da parte di Acea, più attenta alla distribuzione dei dividendi che agli interventi sulle reti che perdono in media il 44% dell’acqua trasportata.

La tesi della Coalizione civica, che rivendica il risultato del referendum sull’acqua bene comune del 2011, è che gli interessi privati della multinazionale che vede la partecipazione di Caltagirone e Suez-Gdf in una società partecipata al 51% da Roma Capitale, impediscano l’investimento dei profitti nella ristrutturazione di una rete-groviera. «Acea, tramite Ato2, gestisce la risorsa acqua per circa 4 milioni di abitanti e 112 comuni, fornisce un servizio indecente, aumentando i costi in bolletta per gli utenti e senza investire in misura sufficiente nel rinnovamento della rete idrica» sostiene la Coalizione. La legge è sempre la stessa: privatizzazione dei profitti, socializzazione delle perdite.

Se l’Acea è definita «teppista» per avere contribuito a prosciugare il lago di Bracciano, la polemica con i Cinque Stelle è altrettanto forte: «Dov’era Virginia Raggi, sindaca della città metropolitana, sindaca di Roma e azionista di maggioranza di Acea, quando in azienda si aumentava la remunerazione dei soci del 25% rispetto al 2015 sottraendo risorse agli investimenti per riqualificare quella rete-colabrodo?» domandano gli attivisti della coalizione.

La crisi idrica, già denunciata da mesi, non è occasionale, ma «è strutturale ed è il prodotto del sistema di gestione Acea». Quanto al lago di Bracciano il comitato che intende proteggerlo chiede la fine delle «captazioni» dell’acqua a partire dal primo giugno 2018 e l’installazione di un contatore online per «dimostrare ai cittadini la fine dei prelievi».

FONTE: Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO



Related Articles

MULTINAZIONALI. Un film sulla Wal-Mart

NULL (da Il manifesto 12 febbraio 2006) Wal-Mart globale, quando il profitto non ha prezzo Documentari all`assalto Il film del

Il dogma della proprietà  intellettuale diventa norma

Una firma che non piace ai mediattivisti. Anonymous subito all’attacco dei siti dell’Unione europea 

Il gruppo RCS “in cura” per deforestazione

  Foto: Gazzettadelsud.it

Cosa ci facevano il 6 novembre finte tigri e improvvisati paramedici nella sede milanese di RCS? Venticinque attivisti di Greenpeace, arrivati di fronte alla sede dell’azienda in autoambulanza, si sono mascherati per poter somministrare ai dipendenti delle case editrici Rizzoli e Fabbri una “pillola anti-deforestazione”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment