La Grecia torna sui mercati. Tsipras: «Stiamo uscendo dalla crisi»

La Grecia torna sui mercati. Tsipras: «Stiamo uscendo dalla crisi»

Era nell’aria da giorni. Come anticipato dal manifesto una settimana fa, oggi, dopo più di 3 anni, la Grecia torna sui mercati, collocando obbligazioni a medio termine, con scadenza a 5 anni. Un passaggio fondamentale, che viene dopo una lunga crisi economica, e che è salutato con entusiasmo, sia dal governo Tsipras, sia dal Commissario Ue agli Affari economici e monetari Pierre Moscovici.

L’USCITA SUI MERCATI, è stata possibile grazie ad alcuni sviluppi positivi che hanno caratterizzato l’economia greca negli ultimi mesi. Dalla decisione dell’eurogruppo, quando i ministri delle finanze della Ue hanno garantito ad Atene gli 8,5 miliardi necessari per ripagare i creditori, alla decisione di Moody’s di alzare il proprio giudizio sulla Grecia, da «Caa3» a «Caa2». Ha influito anche l’uscita dalla procedura di infrazione per deficit eccessivo, decisa dalla Commissione Ue, come anche la partecipazione «di massima» del Fmi al programma di aiuti. Una partecipazione condizionata al taglio del debito pubblico greco.

NELLA NOTA DIFFUSA dal governo di Atene si parla di una «scelta fondamentale della Grecia per recuperare un accesso stabile e sostenibile ai mercati internazionali». Il governo punterebbe a collocare titoli di Stato a 5 anni, con un tasso di interesse che dovrebbe aggirarsi intorno al 4,2% o appena sotto la soglia del 4%.
Le banche scelte per collocare le obbligazioni e gestire l’intera operazione, sono cinque: l’inglese Hsbc, la francese Bnp-Paribas, le americane Bank of America Merrill Lynch e Citigroup, e la tedesca Deutsche Bank.

Nell’operazione sono stati coinvolti anche i vecchi possessori di titoli in scadenza nel 2019, a cui sarà consentito un concambio con i nuovi titoli di stato quinquennali. Per il Commissario Ue Moscovici, oggi ad Atene «la Grecia sta vedendo la luce alla fine del tunnel dell’austerità». Riconoscendo la severità delle misure adottate dal paese, attraverso un percorso di riforme che ha giudicato «forse troppo duro, ma necessario», Moscovici ha voluto sottolineare come il paese «è stato alle prese con una tempesta economica e finanziaria incredibile», e come oggi, con l’inizio del ritorno alla crescita, il calo del tasso di disoccupazione e il miglioramento del rating del paese, «le cose sono molto, molto migliori».

MOSCOVICI SPERA anche che questo nuovo clima di fiducia, possa agevolare una «soluzione dell’annoso problema del debito pubblico». Da Washington se ne chiede una ristrutturazione, ma la Germania, in piena campagna elettorale, non ne vuole ancora sentir parlare. «Possiamo dire con certezza che l’economia si sta muovendo verso la crescita», ha commentato con cauto entusiasmo Alexis Tsipras in un’intervista al The Guardian. «Piano piano, una cosa che nessuno pensava potesse succedere, avverrà. Faremo uscire il paese dalla crisi» è la promessa del leader di Syriza, che conclude affermando che «la priorità adesso è riconquistare la sovranità economica».

ALEXIS TSIPRAS starebbe pensando di far pesare la posizione geopolitica del paese, trasformando la Grecia in un hub internazionale dell’energia, dei trasporti e delle telecomunicazioni.
Tsipras, infine, riconosce di aver commesso degli errori, il più grande, aver scelto alcune persone per posizioni chiave. Il pensiero va all’ex Ministro Janis Varoufakis che non avrebbe perso occasione di attaccare Tsipras, definendo Syriza «l’altra faccia del centrodestra di Nuova Democrazia».

FONTE: T. A. Synghellakis, Fabio Veronica Forcella, IL MANIFESTO



Related Articles

Per il titolo Mediaset crollo senza fine: meno 12%

L’agonia del governo Berlusconi deprime le azioni del gruppo milanese che brucia quasi 400 milioni in una giornata 

DUE COSE A MARCHIONNE

Il comunicato con cui la Fiat ha annunciato da una parte che si adeguerà alla sentenza della Corte Costituzionale, consentendo alla Fiom di formare le Rsa con piena funzione dei diritti sindacali e dall’altra che auspica l’approvazione di una legge per la rappresentanza e rappresentatività sindacale può essere considerato una pietra miliare: punto di arrivo, dunque, ma anche di partenza.

Pakistan. Quella foto simbolo dell’orrore dimenticato

Lo scatto che ritrae due fratellini coperti di mosche ha risvegliato le coscienze sull’emergenza delle alluvioni. Sembra un quadro, ma è la drammatica realtà : quella di una crisi di fronte a cui il mondo ha chiuso gli occhi.  Il Guardian ha rintracciato i piccoli: costretti in una tenda, non hanno da mangiare. La famiglia arriva dall’Afghanistan: questo è solo l’ultimo dramma che vive  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment