Solo il papa s’indigna per la strage dei profughi sciiti in Siria

Solo il papa s’indigna per la strage dei profughi sciiti in Siria

Nel silenzio internazionale continua a salire il numero delle vittime dell’attentato di sabato a Rashidin, area a ovest di Aleppo: un’autobomba (un pick up imbottito di esplosivo che si fingeva parte del convoglio di aiuti) è esplosa vicino ai 70 autobus e le 20 ambulanze che stavano evacuando i villaggi sciiti di Fua e Kefraya dopo un accordo tra governo e opposizioni. A tre giorni dalla strage solo il papa ha pianto e ricordato le 120 vittime nel giorno di Pasqua.

Interviene anche l’Unicef che ieri ha dato il bilancio dei bambini uccisi (le vittime sono per lo più donne, minori e anziani, i primi ad essere evacuati): sono oltre 60 i bimbi morti nell’attacco dei gruppi armati ma ancora senza firma, fa sapere il direttore esecutivo Anthony Lake. Un attacco odioso ignorato da quelle cancellerie che il 4 aprile si sono sdegnate per il presunto attacco con il gas a Khan Sheikun, per poi applaudire all’intervento armato del presidente Usa di Trump.

Per evitare, però, altri atti unilaterali ieri la Russia ha annunciato un incontro, previsto per il 24 aprile a Ginevra, tra Mosca, Washington e Nazioni unite per rilanciare il processo di pace. La Russia, che dopo i 59 missili Tomahawk sula base aerea siriana lanciati dal Pentagono il 7 aprile ha optato per una strategia di basso livello, non vuole l’estromissione del presidente Assad dal processo di transizione. E insiste sulla via del dialogo, tornando a coinvolgere gli Stati Uniti, assenti da mesi dal tavolo del negoziato.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

IL RISCHIO DI UNA FINE CATASTROFICA

    È giunta l’undicesima ora per Gheddafi? Gli insorti libici annunciano di aver dato il via all’operazione “Alba della sposa del mare”, ovvero la conquista di Tripoli, la battaglia finale per la caduta del Colonnello.

Mogli di Bin Laden, contesa Usa-Pakistan

La Cia: vogliamo interrogarle. Gli 007 di Islamabad: non se ne parla

Dopo la strage di Gaza, un appello: «Tacciano le armi in Medio Oriente»

L’appello urgente contro la violenza in Palestina di un gruppo di personalità della cultura italiana

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment