In Siria bomba contro i civili in fuga: 100 morti

In Siria bomba contro i civili in fuga: 100 morti

Medio Oriente.  Faida interna alle milizie anti-Assad: già a dicembre altri assalti bloccarono il trasferimento

Avevano quasi raggiunto Aleppo dopo giorni di attese e rinvii quando l’autobomba è saltata in aria. L’esplosione ha investito in pieno la testa del convoglio di 70 autobus e 20 ambulanze nella zona di Rashidin: si parla di morti, decine di feriti.

Una carneficina di donne, bambini e malati, i primi ad essere evacuati sulla base dell’accordo stipulato dal governo di Damasco e i gruppi di opposizione con la mediazione di Iran e Qatar.

AD ESSERE COINVOLTE nell’evacuazione sono quattro cittadine, sotto assedio da maggio-giugno 2015: due dal governo, Madaya e Zabadani, villaggi sunniti al confine con il Libano; e due dalle opposizioni islamiste, Fua e Kefraya, comunità sciite nella provincia di Idlib. Ad unirli lo stesso dramma: assedio, fame, assenza di acqua e medicinali.

FINO ALL’ACCORDO di pochi giorni fa, ribattezzato «delle quattro città»: gli abitanti di Fua e Kefraya dovevano raggiungere Aleppo, quelli di Zabadani e Madaya Idlib. 30mila le persone coinvolte nel trasferimento, da molti criticato perché visto come un modo per modificare la demografia della Siria.

Damasco rassicura i civili: una volta che le aree saranno pacificate (ovvero ripulite dai gruppi armati) potrete tornare a casa. Ma i dubbi restano visti i tempi dilatati (Idlib è quasi del tutto in mano a islamisti e salafiti, con a capo i qaedisti dell’ex al-Nusra) e gli interessi geografici in capo ai due fronti.

LE IMMAGINI CHE IERI arrivavano dal luogo dell’attacco, perpetrato da milizie contrarie all’accordo, mostravano i bus con a bordo le famiglie sciite da Fua e Kefraya completamente distrutti, il fumo che si alzava dai resti accartocciati. Vetri infranti, ma soprattutto decine di corpi massacrati.

Si vedrà se il trasferimento proseguirà: quelli di ieri erano i primi bus dalle città assediate, per un totale previsto di 8mila persone (di cui 2mila miliziani).

Una situazione molto simile a quella del 18 dicembre: gruppi di opposizione diedero fuoco a sei autobus in partenza da Fua e Kefraya, bloccando di fatto l’evacuazione di 1.200 persone, per lo più anziani e malati.

Tali attacchi svelano le faide interne al fronte anti-Assad: a provocare le fratture più serie è stata a fine dicembre la tregua di Aleppo e la decisione di alcuni gruppi, sia laici che salafiti, di aderire al processo di Astana. Decisione che ha aizzato l’ex al-Nusra che in pochi giorni ha completamente cancellato un’intera unità dell’Esercito Libero Siriano, prima di rivolgersi contro gli alleati di Ahrar al-Sham (confronto poi rientrato).

LA GUERRA PROSEGUE, invisibile, eccezion fatta per gli attacchi sfruttabili dagli incendiari (vedi i 59 missili lanciati da Trump) prima di inchieste indipendenti. Un copione conosciuto.

Ieri sull’indagine è tornata la Russia, dopo aver messo il veto alla risoluzione Onu che chiedeva l’intervento dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche: secondo Mosca, la risoluzione era limitata perché non prevedeva la visita alla base colpita dall’aviazione Usa, da dove secondo i pro-Assad sarebbero partiti i raid a base di gas contro Khan Sheikun, il 4 aprile.

Ieri il ministro degli Esteri Lavrov ha annunciato pressioni all’Onu perché invii con urgenza suoi ispettori nella base, richiesta appoggiata stavolta anche dalla Turchia del piede in due staffe: un giorno plaude alle bombe in solitaria di Trump, quello dopo segue la scia russa.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Libia, il regime denuncia: «Uccisi civili»

(Ansa)

 (Ansa)

i miliziani del colonnello prendono il porto di misurata: morti e feriti
Mostrati a Tripoli 18 corpi carbonizzati. Ancora in azione gli aerei della coalizione anti Gheddafi

Costa d’Avorio nel caos. Abidjan, battaglia per i palazzi del potere

Un militante di Ouattara appostato tra le vie di Abidjan

Un militante di Ouattara appostato tra le vie di Abidjan

Scontri sempre più intensi tra i sostenitori di Gbagbo e Ouattara. Uccisa una svedese dipendente dell’Onu

Bosnia Erzegovina: la fossa comune del lago Perucac

  Il lago Perucac – Foto: Osservatorioitaliano

In questi giorni due mondi si scontrano nelle menti di molti cittadine e cittadine della Bosnia Erzegovina . Da un lato l’immenso fiume di propaganda fatto di parole, proclami, eventi, interviste e dibattiti, dall’altra il silenzio “pubblico/politico” intorno alla scoperta della fossa comune del lago Perucac.

Per chi conosce il passato recente dei balcani, le fosse comuni, sono una triste costante di questi ultimi quindici anni ed un elemento radicato nell’immaginario comune.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment