Amnesty International: «Governo siriano ha ucciso 13 mila detenuti»

Amnesty International: «Governo siriano ha ucciso 13 mila detenuti»

Un nuovo rapporto di Amnesty International, pubblicato ieri, accusa il governo di Damasco di aver giustiziato per impiccagione oltre 13mila detenuti, dal marzo 2011 alla fine del 2015, nel solo carcere di Saydnaya.

Numeri enormi che l’organizzazione internazionale estrapola da interviste condotte con 31 ex prigionieri e 50 tra esperti e ufficiali: se i dati fossero confermati da documenti o altre prove, significherebbe che ogni giorno in media le autorità carcerarie siriane hanno ucciso almeno sette detenuti.

Amnesty parla chiaramente di 20-50 esecuzioni settimanali, su ordine di personalità vicine al presidente, tra cui il ministro della Difesa e il gran muftì.

L’organizzazione internazionale descrive un contesto di uccisioni sistematiche, torture di massa, «una calcolata campagna di esecuzioni extragiudiziali».

Da Damasco non arrivano commenti, come non ne erano arrivati a novembre 2015 quando Amnesty accusò il governo di Assad di aver fatto sparire 65mila persone in meno di 5 anni.

Anche in questo caso numeri enormi che sollevarono dei dubbi, soprattutto in un contesto di guerra civile e forze armate (già ridotte da diserzioni e scontri) impiegate nei fronti caldi del conflitto. Vorrebbe dire impiegare un buon numero di ufficiali per eliminare migliaia di persone, oppositori presunti o reali.

 



Related Articles

Percorsi di verità  su una tragedia negata

Il 28 marzo 1997 la motovedetta albanese Kater i Rades fu speronata dalla corvetta Sibilla della Marina Italiana. Morirono 81 persone Numeri senza volto, senza storia. Numeri senza giustizia. I migranti morti nel tentativo di raggiungere le coste italiane spesso non hanno volto né storie, ridotti a simulacro mediatico su cui piangere lacrime paternaliste o esercitare la nostra indifferenza.

Hanno ammazzato altri tre profughi eritrei. Nel Sinai l’incubo di un popolo in fuga

Hanno ammazzato altri tre profughi eritrei Nel Sinai l'incubo di un popolo in fuga

Sono sei i profughui eritrei uccisi dai trafficanti che da oltre un mese tengono in ostaggio 80 rifugiati in fuga verso Israele che avevano già  pagato 2.000 dollari a testa per il viaggio. Gli aguzzini avevano rilanciato a 8.000 con il camion fermo nel deserto al confine con Israele. L’appello dell’Onu

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment