Al Shabab firma la strage al porto di Mogadiscio

Al Shabab firma la strage al porto di Mogadiscio

Ha provocato 16 morti e una dozzina di feriti l’autobomba che domenica mattina un attentatore suicida ha diretto contro i locali della polizia e della dogana adiacenti al porto di Mogadiscio. La maggior parte delle vittime sono operai e agenti di polizia, ma sono stati coinvolti anche dei venditori ambulanti. A rivendicare l’attacco, con il solito riferimento all’uccisione di «apostati», il gruppo islamista armato Al Shabab, che attraverso la sua radio Al Andalus e via Telegram parla di 30 morti. È il secondo attentato nella capitale somala in due giorni.

Ieri intanto il Consiglio Ue ha deciso di prolungare fino al 31 dicembre 2018 le sue tre missioni in Somalia: quella civile «Eucap», quella per l’addestramento militare «Eutm» e la «Eu Navfor Operazione Atalanta», che mira a contrastare la coiddetta «pirateria» al largo delle coste somale. L’obiettivo di Eucap è quello di rafforzare la capacità della Somalia di assicurare la sicurezza sui mari, mentre la missione militare Eutm dovrebbe addestrare l’esercito somalo (Somali National Army). Ma per come stanno andando le cose sia le tre missioni Ue sia quella militare dell’Unione africana (Amisom) sembrano essere diventate parte del problema e non della soluzione.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

L’Iran blocca i pellegrinaggi alla Mecca I sauditi intensificano la guerra in Yemen

Teheran mostra in tv il nuovo missile «Imad». Anche il Kuwait richiama l’ambasciatore

Armi e aiuti viaggiano sulla stessa rotta

PAKISTAN/USA
Per aiutare il Pakistan devastato dalle alluvioni, gli Stati uniti hanno lanciato «la più grande risposta umanitaria di qualsiasi altro paese». Se ne occupano le forze armate Usa, che fanno affluire nelle aree disastrate gli aiuti di Usaid (Agenzia Usa per lo sviluppo internazionale), compresi pacchi viveri con carne halal. Il materiale, per un valore di 76 milioni di dollari, proviene dai giganteschi depositi di Camp Darby e da quelli nel Dubai, a loro volta riforniti dalla base in Italia.

Geopolitica e diritti umani. L’Italia nella cordata di Erdogan e Al Sisi

Dalla “cabina di regia” in Libia, promessa più volte dagli americani, l’Italia è passata a far parte della filiera bellica e strategica di dittatori e autocrati come Al Sisi ed Erdogan. Loro possono pagarci e ricattarci quando vogliono

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment