Milano, la fame e l’abbondanza

Milano, la fame e l’abbondanza

Uno scandalo che non risparmia anche la città più ricca del Paese, dove 13 mila under 18 vengono nutriti dalle associazioni caritative. Gli indigenti lombardi sono 670 mila (100 mila in più rispetto all’anno precedente)

MILANO Davvero è sempre tutto grasso che cola? Prendiamo in esame la città dove tutto sembra risplendere, il laboratorio dell’innovazione che dovrebbe prendere per mano l’Italia – come dice il presidente del Consiglio. Qui, a Milano, tutti gli indicatori promettono benessere e una certa spensieratezza. I turisti accorrono (7,7 milioni nel 2016, 14esima città del mondo più visitata, un paio di posizioni sopra Roma), la popolazione cresce (172 mila abitanti in più negli ultimi dieci anni), i giovani laureati trovano lavoro e il reddito pro capite continua ad aumentare anche in tempo di crisi (negli altri capoluoghi lombardi è accaduto il contrario). Bene.

Ma non è tutto. Ci sono altri indicatori che raccontano la città, solo che vengono sbandierati con meno insistenza: a Milano, per esempio, 13 mila minorenni non hanno da mangiare e ricevono il cibo da strutture assistenziali. Il dato è stato fornito ieri dal Banco Alimentare che ha dipinto un quadro a dir poco desolante, per l’Italia intera. Secondo l’associazione, gli indigenti lombardi sono 670 mila (100 mila in più rispetto all’anno precedente). Fra questi, circa 60 mila non hanno ancora compiuto 18 anni. A livello nazionale, i minori che patiscono la fame sono un milione e 131 mila. Dal 2008 ad oggi l’incidenza della povertà assoluta sulle famiglie con più figli a carico è aumentata del 250%: “La loro crescente vulnerabilità è legata alla disoccupazione dei genitori”. In tutta Italia (dati Istat) si contano quasi 4 milioni e 600 mila poveri. In totale, i pasti inseriti nei pacchi viveri sono stati 29 milioni e 5 milioni quelli cucinati dalle associazioni: 93.400 pasti distribuiti ogni giorno (lo spreco di cibo in Italia viene quantificato in 5,1 milioni di tonnellate all’anno).

Tocca all’assessore alle politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, approcciarsi in qualche modo con l’altra Milano che non riesce a raccogliere nemmeno le briciole. “Stiamo per partire con un’iniziativa di sostegno per le famiglie impoverite dalla crisi, con buoni spesa che mettiamo a disposizione delle famiglie più bisognose che possono essere spesi presso alcuni negozi accreditati, perché il rischio è che la povertà si abbatta tra i più fragili, cioè i figli piccoli delle famiglie povere”. Per gli ultimi due mesi dell’anno Palazzo Marino mette a disposizione 750 mila euro. Nel 2017 l’intervento di sostegno dovrebbe essere reiterato.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

“I 250mila euro? Ho venduto una casa”. La difesa di De Lise.

Ma si indaga su altre cinque operazioni sospette del genero.  Il presidente del Consiglio di Stato: “Il marito di mia figlia? Solo un bravo avvocato” “L’assegno emesso dal professor Scoca parte del pagamento di una villa all’Argentario”

Il freno autocritico delle «toghe rosse» al protagonismo dei magistrati

Mettere in guardia dal «protagonismo di certi magistrati che si propongono come custodi e tutori del Vero e del Giusto, magari con qualche strappo alle regole processuali e delle garanzie», può sembrare scontato.

Le narco-gang di Kingston danno battaglia per salvare il boss “Dudus” dal carcere Usa

Nelle strade della capitale giamaicana sotto assedio. Uccisi due agenti
Spari, molotov e barricate in strada In serata, l’assalto al quartier generale dei trafficanti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment