Istanbul, «doppio attentato» all’areoporto

Istanbul, «doppio attentato» all’areoporto

All’aeroporto Ataturk di Istanbul, il maggior scalo della città e di tutta la Turchia, al momento per noi di andare in stampa è arrivata notizia di due esplosioni e di spari. Si è parlato di  almeno 10 morti e 20 feriti e di un possibile duplice attacco suicida, ma il numero delle vittime era ancora incerto[il numero delle vittime è già arrivato a 36, oltre a 147 feriti, ndr]. Le esplosioni si sono verificate subito dopo le 22 (ora locale) nello scalo internazionale. Secondo diverse testimonianze, riprese dalla Cnn turca, i colpi sarebbero stati esplosi da un’auto. I media locali hanno riferito il racconto di altri testimoni che, dopo le esplosioni, assicurano di aver visto quattro uomini armati fuggire dal terminal internazionale. Sul posto sono subito arrivate squadre speciali antiterrorismo. Per trasferire i feriti in ospedale sono stati impiegati i taxi di stanza all’aeroporto. Attentati e  repressione stanno scandendo il calendario, in Turchia, attribuiti sia alla resistenza kurda che allo Stato islamico. Qualche giorno fa, vi sono stati scontri e fermi dopo l’annullamento del gay pride deciso dalla prefettura. Gli attivisti hanno deciso di disobbedire e sono stati pesantemente attaccati dalle forze dell’ordine.



Related Articles

Libia, la Nato ammette vittime civili “Un missile fuori bersaglio a Tripoli”

Primo errore confermato nei raid. Il regime: “I morti sono nove”. I ribelli mostrano i documenti con gli ordini di Gheddafi: “La prova dei suoi crimini di guerra”. L’ex ambasciatore Onu Shalgam: “Il raìs sta perdendo terreno, fuggirà  all’estero” 

Migranti, un’altra strage in mare sei bimbi morti sulla costa turca

Hanno tutti un’età compresa tra i 2 e i 6 anni i sei bimbi trovati al largo delle coste turche, morti in due diversi naufragi

Irlanda e gay, 6 su 10 per i matrimoni

L’affluenza record (60%) premia il cambiamento: i giovani e le donne si sono mobilitati in massa Decisivi anche i voti dei cattolici progressisti. Padre Brian: «Il referendum è una questione civile»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment