La Grecia spinge i rifugiati in Albania

La Grecia spinge i rifugiati in Albania

Per ora sono 162 ma nei prossimi giorni potrebbero arrivarne duemila: sono i profughi siriani che il governo greco ha fatto trasferire in autobus a Konitsa, sempre più vicini all’Italia.

Il paese in cui è stato realizzato un campo di accoglienza è a pochi chilometri dalla frontiera albanese e a un centinaio dalla costa settentrionale ellenica, che poche miglia nautiche separano dalla Puglia, dove l’ora x della ripresa degli sbarchi sembra sempre più vicina. Tanto che a Lecce si prepara il piano preventivo di protezione civile mentre Guardia costiera e Guardia di finanza controllano incessantemente il mare. La Grecia vive situazioni al limite della crisi umanitaria con i 14.000 disperati che si affollano a Idomeni senza speranza di entrare in Macedonia, e i 4.500 costretti nel camping dell’orrore del porto del Pireo. Per questo il piano del governo di Atene ha previsto lo smistamento dei migranti in diversi punti del territorio nazionale. Il vice ministro della Difesa greco Dimitris Vitsas ha spiegato che ai rifugiati rimasti bloccati dopo la chiusura della rotta dei Balcani il governo di Atene ha iniziato a distribuire dei volantini in arabo, farsi e pashtu, per invitarli a trovare rifugio in altri centri. Ma l’avvicinamento al confine albanese e all’Adriatico sembra la cronaca annunciata di nuovi viaggi della speranza verso la Puglia. Il rischio, paventato dagli investigatori, è che piccoli natanti offrano il trasporto profughi dalla costa ellenica, visto che il mare dista poco più di cento chilometri da Konitsa e nemmeno quaranta da Filippiada, dove è stato allestito un altro campo, e che i migranti sono ospiti e non reclusi. Liberi di allontanarsi e di cercare di attraversare il mare oppure la frontiera montuosa con l’Albania, che la polizia (con il supporto anche di venti agenti arrivati dall’Italia) controlla ai varchi ma non può certo pattugliare palmo a palmo. Intanto tensioni continuano a registrarsi a Calais, in Francia, dove procede lo sgombero dell’accampamento detto Giungla e 14 persone sono state arrestate durante una manifestazione xenofoba di attivisti dell’estrema destra.


Related Articles

Scarcerata in Cina Liu Xia, ora è in Germania

La moglie di Liu Xiabo, il Nobel per la pace cinese deceduto un anno fa nell’ospedale del carcere in cui era rinchiuso, è arrivata in Germania

Impeachment per Dilma, tensioni in Brasile

Nella notte il voto del Congresso, in vantaggio i contrari alla presidente. Città paralizzate dai cortei

«Ho 800 uomini pronti a sacrificarsi», nelle banlieue la rappresaglia di Ben Ali

RADIO KALIMA Pescando tra poliziotti, guardie personali e militanti del partito, ma anche nella malavita i «corpi scelti» terrorizzano la periferia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment