Per l’Onu, il Burundi è sull’orlo di una guerra civile

Per l’Onu, il Burundi è sull’orlo di una guerra civile

«Il Burundi è sul punto di esplodere, davvero sull’orlo di una guerra civile». A denunciarlo è stato ieri l’Alto Commissario delle Nazioni unite per i diritti umani Zeid Ra’ad al Hussein che ha accusato le autorità del Burundi di responsabilità dirette nel trascinare le popolazioni in un conflitto civile in piena regola.

E ha richiesto l’applicazione di alcune misure quali il divieto di lasciare il paese e il congelamento dei beni contro funzionari governativi responsabili di una vera e propria campagna di repressione politica, oltre a un attento monitoraggio dei confini del Paese — probabilmente attraverso l’uso di droni — per fermare il flusso di armi in entrata. Intervenuto durante una sessione speciale del Consiglio dei diritti umani dell’Onu sulla crisi in Burundi tenutasi a Ginevra, Zeid Ra’ad al Hussein ha condannato gli arresti arbitrari (circa 3.500) e le perquisizioni porta a porta durante i quali sono state giustiziate almeno 400 persone.

Come hanno mostrato una settimana fa le immagini postate sui social da testimoni e residenti che mostrano corpi (circa 90) con le mani legate dietro la schiena abbandonati per le strade della capitale Bujumbura (dopo una sorta di ronda punitiva da parte delle forze dell’ordine seguita ai tre attacchi coordinati da parte di uomini armati non identificati contro tre campi militari). Zeid Ra’ad al Hussein ha invocato l’intervento della Corte penale internazionale (Cpi), come già sostenuto dal consigliere speciale delle Nazioni unite sulla prevenzione del genocidio, Adama Dieng.

La quale ha sollecitato l’istituzione di una commissione d’inchiesta per indagare sulle violazioni dei diritti umani e perseguire i responsabili: «Nessuno dovrebbe sottovalutare il rischio in gioco. Una guerra civile tra il 1993 e il 2005 è costata oltre 300 mila vite e più di un milione di sfollati». Suggerendo la manipolazione — da parte delle classi politiche — nell’attuale crisi di fattori etnici (che durante la guerra civile hanno visto la contrapposizione tra gli Hutu e i Tutsi).



Related Articles

Scajola, l’uomo delle armi

 

L’indagine sulle forniture Finmeccanica in Brasile (nella quale l’ex ministro è indagato) alza il velo sull’incredibile giro d’affari che ha creato dal 2008: aerei per un miliardo, navi per 461 milioni e mezzi terrestri per 404 milioni

Tutti guardano al cielo, ai voli del supercaccia F-35 ma il programma più costoso della Difesa italiana è un altro: si chiama Forza Nec e si prevede che farà  spendere ai cittadini ben 22 miliardi di euro nei prossimi venti anni.

Marmo insanguinato, muore operaio

Omicidi bianchi. Carlo Morelli, precario sessantenne, schiacciato da alcune lastre in segheria, a nemmeno un mese dalla doppia tragedia costata la vita ai cavatori Roberto Ricci e Federico Benedetti. Negli ultimi anni dieci morti e 1.258 infortuni nel comparto, da agosto ben sei le vittime.

Sciopero dei migranti: il primo marzo di nuovo in piazza

 

 Roma – Il primo marzo del 2010 e 2011 in decine di citta’ italiane lavoratori migranti e italiani hanno scioperato assieme contro il razzismo istituzionale della legge Bossi-Fini, mentre in decine di piazze si sono avuti presidi, cortei e iniziative. Lo hanno fatto autonomamente, trovando il supporto di tanti lavoratori e lavoratrici e di tante Rsu.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment