Strage a Tunisi, uccisi 12 agenti

Strage a Tunisi, uccisi 12 agenti
Anche la Tunisia ripiomba nell’incubo del terrorismo: almeno dodici agenti della polizia presidenziale sono stati uccisi ieri da un’esplosione che ha devastato il pullman in cui viaggiavano in centro a Tunisi. La strage è avvenuta intorno alle 17 davanti alla vecchia sede del partito del presidente deposto Ben Ali, e nell’esplosione sono rimasti feriti altri 19 agenti che si trovavano a bordo. Il presidente Beji Caid Essebsi ha proclamato lo stato di emergenza per 30 giorni, e il coprifuoco a partire da ieri sera: «Siamo in guerra con il terrorismo, ci attrezzeremo». D’ora in poi non si circola più nella capitale e nella sua provincia dalle 21 alle 5 del mattino.
Anche se nelle scorse settimane le autorità avevano annunciato di avere smantellato una cellula terroristica attiva a Sousa «con l’obiettivo di colpire caserme di polizia e hotel turistici», da giorni il livello di attenzione alla sicurezza nella capitale era aumentato proprio per il timore di nuovi attentati, ed era stato rafforzato il presidio a protezione dell’ambasciata francese. Ma l’esplosione ha colpito le guardie presidenziali in Avenue Mohamed V dove e quando pensavano di essere al sicuro: nella grande arteria a tre corsie in centro alla capitale, seduti su un mezzo riservato alla polizia. «Il pullman è esploso nella parte sinistra, quella dell’autista», ha raccontato un testimone descrivendo la carneficina.
A tarda sera, nessuno ancora aveva rivendicato l’attentato, ma la dinamica è inquietante perché secondo fonti degli inquirenti l’esplosione sarebbe avvenuta all’interno del pullman: qualcuno potrebbe essere riuscito a piazzare una bomba tra i sedili, o addirittura uno degli agenti potrebbe essere stato un attentatore suicida. La zona è stata transennata e chiusa al traffico. «È un attentato terroristico», ha accertato il ministero dell’Interno tunisino senza fornire dettagli. «Una scena catastrofica, ho visto cinque corpi per terra», racconta un avvocato difensore dei diritti umani, Bassem Trifi, testimone oculare del disastro.
La strage di ieri è la terza a colpire la Tunisia quest’anno: a marzo un commando assaltò il museo nazionale del Bardo a Tunisi uccidendo 24 persone, tra cui quattro italiani. A giugno un terrorista suicida attaccò i turisti sulla spiaggia di un resort a Sousa, 150 chilometri a sudest di Tunisi, massacrandone 39. Entrambe le stragi furono rivendicate dall’Is.


Related Articles

Ucraina, tocca all’Est In nome di Mosca all’assalto di Donetsk

I militanti pro-Cremlino nei palazzi del potere a Donetsk “Autonomia da Kiev”. Forze speciali al contrattacco

Hamas attacca Gerusalemme due razzi sulla Città  Santa migliaia in fuga nei rifugi

Il conflitto Israele pronto a entrare a Gaza: “Due mesi di guerra”

 

Libia, il governo si dimette, resa verso i ribelli

Libia. Caos e conflitti sui pozzi della Cirenaica. Trovato l’accordo su Zueitina e Hariga

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment