Cata­lo­gna, elezioni il 27 settembre. Prove di alleanza per Podemos

Cata­lo­gna, elezioni il 27 settembre. Prove di alleanza per Podemos

Spagna. Per le elezioni catalane Podemos (anzi, Podem, in catalano) e i rosso-verdi di Icv (associati da sempre in questa comunità autonoma a Izquierda Unida) hanno deciso, in controtendenza rispetto al panorama politico nazionale, di ripetere l’esperimento di fusione: in questo caso il mix si chiama “Catalunya, sí que es pot” (Catalogna, sì che si può, che riprende il motto del 15-M “sí se puede”)

Il tanto atteso decreto di scio­gli­mento anti­ci­pato del Par­la­ment cata­lano è stato fir­mato lunedì sera dal pre­si­dente Artur Mas. Le ele­zioni, come deciso già molti mesi fa, si ter­ranno il 27 set­tem­bre. Il che farà oppor­tu­na­mente coin­ci­dere il primo giorno for­male di cam­pa­gna elet­to­rale con il giorno della festa nazio­nale cata­lana, la Diada dell’11 settembre.

Ma la realtà è che la cam­pa­gna elet­to­rale è ini­ziata molti mesi fa, anzi il giorno dopo le ultime ele­zioni (anche quelle anti­ci­pate), il 25 novem­bre del 2012. In que­sta legi­sla­tura, Mas espo­nente di una coa­li­zione di due par­titi cata­la­ni­sti di destra, Con­vèr­gen­cia i Unió (CiU), è riu­scito a bar­ca­me­narsi con una esi­gua mag­gio­ranza rela­tiva di seggi (50 su 135) con l’appoggio esterno di Esquerra Repu­bli­cana de Cata­lu­nya (Erc), un par­tito for­mal­mente social­de­mo­cra­tico ma fon­da­men­tal­mente con­cen­trato sul tema dell’indipendenza cata­lana, secondo par­tito nel 2012 (21 seggi).

Con una poli­tica sostan­zial­mente di destra di tagli allo stato sociale, con qual­che pic­colo ritocco, come la deci­sione di non lasciare fuori gli immi­grati dal ser­vi­zio sani­ta­rio come chie­deva Madrid, e forti dosi di nazio­na­li­smo a buon mer­cato, Mas è riu­scito in que­sti anni in un risul­tato al quale non era mai arri­vato nes­sun pre­si­dente cata­lano dai tempi della Repub­blica: ripor­tare al cen­tro del dibat­tito poli­tico il tema dell’indipendenza cata­lana, e con­tem­po­ra­nea­mente can­cel­lare total­mente dall’agenda poli­tica i temi sociali su cui invece l’accordo con il governo cen­trale è pieno. Per fare que­sto Mas ha tra­sci­nato il suo par­tito, Con­vèr­gen­cia Demo­crà­tica de Cata­lu­nya, e la stessa CiU in un ter­reno molto sci­vo­loso: tra­di­zio­nal­mente nes­suno dei due par­titi, uniti in fede­ra­zione dalle prime ele­zioni demo­cra­ti­che del 1978, è mai stato indi­pen­den­ti­sta. E infatti pro­prio poche set­ti­mane fa il socio più pic­colo e più a destra della coa­li­zione, la demo­cri­stiana Unió, ha deciso di rom­pere e si pre­sen­terà per la prima volta sola.

D’altra parte Erc ha abban­do­nato da tempo ogni ambi­zione sociale ipo­te­cando la soprav­vi­venza del fra­gile ese­cu­tivo Mas a ini­zia­tive di governo volte a pre­pa­rare una futura dichia­ra­zione uni­la­te­rale di indi­pen­denza. Di fatto, dopo il refe­ren­dum di auto­de­ter­mi­na­zione cata­lano reso ille­gale dal Tri­bu­nale Costi­tu­zio­nale e cele­brato “infor­mal­mente” il 9 novem­bre scorso, il governo di Mas aveva i giorni con­tati. Gra­zie a Erc è rima­sto in sella fino a que­ste ele­zioni per sei lun­ghi mesi di ini­zia­tive pre-elettorali di stampo (pseudo)indipendentista e scon­tri ver­bali con il governo di Mariano Rajoy, che non vedeva l’ora di par­lare di “minacce seces­sio­ni­ste” invece di occu­parsi dei pro­blemi sociali sem­pre più pro­fondi del paese.

Tutto il pro­cesso è cul­mi­nato in un’operazione poli­tica di Grosse Koa­li­tion in salsa cata­lana: CiU, Erc e una serie di entità cata­la­ni­ste dopo mesi di dibat­titi sull’opportunità che fos­sero pre­senti nomi poli­tici in una lista uni­ta­ria hanno creato “Junts per il Sí” (Assieme per il Sì), il cui numero uno è un ex euro­de­pu­tato ros­so­verde che da tempo ha spo­sato la causa indi­pen­den­ti­sta (che dà la coper­tura a sini­stra, così la lista può essere defi­nita tra­sver­sale), il numero 2 e 3 sono due donne che pre­sie­dono le due prin­ci­pali asso­cia­zioni indi­pen­den­ti­ste, Asam­blea Nacio­nal Cata­lana e Òmnium Cul­tu­ral (così la lista sarà anche spec­chio della “società civile” e egua­li­ta­ria), e final­mente Mas sarà numero 4 (così può nascon­dersi senza dover ven­dere la marca del suo par­tito, che oltre ai tagli è asso­ciato a vari casi di cor­ru­zione, con quasi tutte le sedi sotto embargo giu­di­zia­rio) e Oriol Jun­que­ras, lea­der di Erc, numero 5.

L’accordo è che in caso di vit­to­ria Mas sarà comun­que pre­si­dente e Jun­que­ras il vice. Un capo­la­voro poli­tico che potrebbe riu­scire a man­te­nere al potere i due par­titi sto­rici cata­lani minac­ciati da ope­ra­zioni di suc­cesso come quella che ha por­tato Ada Colau a diven­tare sin­daco di Barcellona.

In effetti, anche per le ele­zioni cata­lane Pode­mos (anzi, Podem, in cata­lano) e i rosso-verdi di Icv (asso­ciati da sem­pre in que­sta comu­nità auto­noma a Izquierda Unida) hanno deciso, in con­tro­ten­denza rispetto al pano­rama poli­tico nazio­nale, di ripe­tere l’esperimento di fusione: in que­sto caso il mix si chiama “Cata­lu­nya, sí que es pot” ( Cata­lo­gna, sì che si può, che riprende il motto del 15-M “sí se puede”).

Gli orga­niz­za­tori ambi­scono almeno al secondo posto, ma senza una Ada Colau sarà loro dif­fi­cile. Il capo­li­sta sarà un espo­nente di bat­ta­glie cit­ta­dine molto poco noto ai più: Lluís Rabell. Pur difen­dendo il “diritto a sce­gliere” (cioè il diritto all’autodeterminazione dei cata­lani sul pro­prio futuro) ha scelto di non farne l’asse prin­ci­pale della sua bat­ta­glia poli­tica per con­cen­trarsi sulle emer­genze sociali.

Due i par­titi già pre­senti nel 2012 ma desti­nati a cre­scere. Una è la Cup, gli indi­pen­den­ti­sti di estrema sini­stra che pur appog­giando le mosse di Mas in favore dell’indipendenza cata­lana si sono rifiu­tati di entrare nella can­di­da­tura “ple­bi­sci­ta­ria” di Junts per il Sí e che sono gli unici che chie­dono che ci sia almeno il 55% dei voti a favore dell’indipendenza per poterla dichia­rare (la posi­zione di Junts per il Sí è invece che basterà la mag­gio­ranza dei seggi). La seconda, sull’asse oppo­sto sia per quanto riguarda l’indipendenza, sia le poli­ti­che sociali, è il par­tito di Ciu­ta­dans, astro nascente della destra spa­gnola che com­pete con il Pp sul cen­tra­li­smo e sulle poli­ti­che di una destra “moderna” e “pre­sen­ta­bile”. Anche se il suo lea­der lascerà il Par­la­ment per can­di­darsi alle Cor­tes di Madrid, la meno cono­sciuta Inés Arri­ma­das godrà comun­que della ren­dita di posi­zione gua­da­gnata nelle ele­zioni del 24 maggio.

Gli ultimi tre posti se li con­ten­dono tre par­titi con­trari a ogni pos­si­bile sce­na­rio di sepa­ra­zione. Un con­su­ma­tis­simo par­tito socia­li­sta che dopo aver perso la bus­sola sociale (era stato ege­mo­nico per anni in Cata­lo­gna) ha anche perso l’anima cata­la­ni­sta e rischia di rima­nere al mar­gine; un par­tito popo­lare ormai ridotto al lumi­cino in una comu­nità dove ha con­tato sem­pre poco e che si è affi­dato al raz­zi­sta ex sin­daco di Bada­lona (per­dente il 24 mag­gio) Xavier Gar­cía Albiol per raci­mo­lare qual­che voto residuale.

E infine i cata­la­ni­sti demo­cri­stiani di Unió che si misu­re­ranno per la prima volta con le urne da soli. Insomma, sette par­titi, uno sce­na­rio poli­tico com­ple­ta­mente diverso e nes­suno dei capi­li­sta del 2012. Il nuovo par­la­mento cata­lano riser­verà sor­prese. E dovrà con­fron­tarsi pre­sto con un nuovo par­la­mento anche a Madrid.



Related Articles

Lo sconfitto detta la linea nel PD

Nessun dibattito in direzione, solo applausi per Renzi e urla contro l’unico (Tocci) che si alza a chiedere di discutere la posizione con la quale andare da Mattarella

Qualcosa è già  cambiato

TERRITORI OCCUPATI. Saranno più di 150 gli stati a votare per il riconoscimento, come Stato osservatore non membro della Palestina dei territori occupati nel 1967, compresa  Gerusalemme Est? Lo sapremo, ed anche se non sarà  ancora il 194 stato dell’ Onu, si tratta di un passo avanti, non solo simbolico. Certo i palestinesi si sveglieranno oggi ancora con i soldati israeliani sul loro territorio, i coloni aggrediranno i contadini e spianeranno terra e sradicheranno alberi per farsi «un posto al sole». Ma il sentiero è stato aperto.

Usa, Obama ruba la scena a Romney

Anche il superfavorito dei repubblicani “stracciato” dal presidente in volata nei sondaggi  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment