Morti di Cie – Storie di Ordinaria Detenzione Amministrativa

Morti di Cie – Storie di Ordinaria Detenzione Amministrativa

“Morti di CIE – Storie di ordinaria detenzione amministrativa” è un progetto d’inchiesta autonomo e indipendente il quale, attraverso il lavoro di studiosi ed esperti delle tematiche del diritto dell’immigrazione, antropologi, sociologi, fotografi, videomakers, giornalisti e grafici, tutti impegnati nell’attivismo per la tutela dei diritti umani, vuole raccontare e analizzare ogni singolo caso di decesso all’interno delle strutture di detenzione per migranti irregolari dal 1998 ad oggi.

L’inchiesta vuole capire come la Magistratura italiana ha valutato e giudicato ogni singolo caso, e se per questa ci sono dei colpevoli o meno. Il progetto non ha finalità giustizialiste, non si pone l’obiettivo di trovare una “giustizia legale”, giuridica, o peggio, una giustizia meramente tribunalesca.

no human is illegal - @silviaminguzzi

Abbiamo scelto la data del 20 giugno, Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato per lanciare il nostro Sito internet www.mortidicie.org.

Resta connesso con la nostra inchiesta #mortidicie con notizie, informazioni, news dal mondo e dall’Italia per parlare e far rimanere accesa l’attenzione sulla detenzione amministrativa dei migranti irregolari, nella sempre più profonda convinzione che “no human is illegal”.

Da Mercoledi 1 Luglio potrete sostenere l’Inchiesta MORTI di CIE donando alla nostra Campagna di Crowdfunding sul sito di Indiegogo. Diventa attore protagonista di questa inchiesta insieme a noi donando presso i nostri canali Paypal e Indiegogo.

Per maggiori info mortidicie@gmail.com.

 



Related Articles

Roma: inaugurati i nuovi spazi per famiglie rifugiate del Centro Astalli

I locali si trovano al centro Pedro Arrupe. Attualmente vivono lì 45 ospiti provenienti soprattutto da Kossovo, Turchia ed Ecuador. I bambini sono il 35% dei rifugiati e richiedenti asilo. Padre La Manna: “Manca solo San Saba da ristrutturare”

Uccisa in Russia Elena Grigoreva, attivista Lgbtqi e militante pacifista

Russia. San Pietroburgo, la russa Grigoreva minacciata di morte da ex volontari secessionisti in Donbass. Ed era nella «lista nera» omofoba. La polizia non ha ancora sospetti, gli amici: omicidio politico. E i media oscurano la notizia

Libia, naufragio almeno 90 migranti dispersi

Migranti. Il naufragio al largo di Zuara. 30 persone tratte in salvo dalla Guardia costiera libica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment