Spagna: il fantasma del 15M, 4 anni dopo

Spagna: il fantasma del 15M, 4 anni dopo

Quat­tro anni dopo, il fan­ta­sma del 15M è tor­nato pro­ta­go­ni­sta, inner­vo­sen­do la poli­tica spa­gnola. Il 15 mag­gio di quat­tro anni fa, ini­ziava un movi­mento poli­tico dal basso che sor­prese tutti gli osser­va­tori per la sua forza, cre­di­bi­lità e spon­ta­neità. Poche set­ti­mane dopo, allora come oggi, si votava in Spa­gna per ele­zioni ammi­ni­stra­tive molto impor­tanti per­ché il par­tito al governo (allora erano i socia­li­sti) era desti­nato a per­dere strepitosamente.

Ma oggi, al con­tra­rio di allora, i semi pian­tati da quel movi­mento potreb­bero ini­ziare a dare qual­che timido frutto anche nella poli­tica isti­tu­zio­nale. Innan­zi­tutto a Bar­cel­lona, dove la can­di­data Ada Colau, diretta espres­sione di un modo di fare e vivere la poli­tica nato dalle ceneri del 15M, potrebbe diven­tare sin­daco. Bar­cel­lona è anche la città dove la Cup, espres­sione diretta di un movi­men­ti­smo di stampo indi­pen­den­ti­sta, e i cui mec­ca­ni­smi di fun­zio­na­mento poli­tico rical­cano quelli del 15M, siede nel par­la­mento e rice­verà molti voti anche in que­ste ele­zioni (per quanto in città abbiano deciso di cor­rere sepa­ra­ta­mente da Colau con un’altra can­di­data, María José Lecha).

A Bar­cel­lona pro­prio ieri si è tenuto un atto della cam­pa­gna elet­to­rale di Colau in cui sono inter­ve­nuti anche Alberto Gar­zón, della nuova Izquierda Unida, che crede nelle con­ver­genze stra­te­gi­che e pro­gram­ma­ti­che per bat­tere il dise­gno poli­tico neo­li­be­rale e le poli­ti­che di auste­rità, l’eurodeputata tede­sca Ska Kel­ler, dei verdi euro­pei, in cui milita anche Ernest Urta­sun, del par­tito Ini­cia­tiva Cata­lu­nya Verds, Marisa Matias, del Bloco de Esquerra por­to­ghese e Sta­vros Kara­g­kou­nis della greca Syriza.

L’unione delle sini­stre medi­ter­ra­nee, insomma, per cele­brare l’anniversario del 15M con il nome di «Vin­ciamo Bar­cel­lona, vin­ciamo l’Europa». L’ambizione infatti è che la vit­to­ria di Colau a Bar­cel­lona mandi un segnale molto forte sia in Spa­gna, sia in Europa sulle poten­zia­lità di una unione fra le forze delle sini­stre alter­na­tive. Gar­zón si gioca buona parte della cre­di­bi­lità del suo pro­getto poli­tico a Bar­cel­lona. Se Colau vince e a Madrid l’Iu che si è messa con­tro la Iu fede­rale non con­ver­gendo sulla can­di­da­tura uni­ta­ria, non ottiene un buon risul­tato, la can­di­da­tura di Gar­zón verrà signi­fi­ca­ti­va­mente rafforzata.



Related Articles

«Siamo tornati». Ucciso il secondo reporter Usa, Steven Sotloff

Steven Sotloff è stato decapitato dall’Isis. Il video diffuso ieri sera ripete le modalità dell’assassinio di James Foley. Il carnefice ha lo stesso accento inglese

Le Borse credono al nuovo piano Tsipras, posizioni vicine sul debito

Atene presenta un programma di riforme da 12 miliardi in due anni, che riprende con alcune modifiche l’ultima offerta di Juncker prima del referendum

“Anche noi rischiamo il contagio ora la cancelliera agisca in fretta”

L’economista Wolfgang Franz: “Col default greco in pericolo tutti”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment