Calais, il ghetto dove il governo francese ha rinchiuso i migranti

Calais, il ghetto dove il governo francese ha rinchiuso i migranti

«Ma lo sai che qui è pieno di ita­liani?» La domanda di She­rif, un afghano sulla ses­san­tina che parla un ottimo spa­gnolo, mi sor­prende. Siamo a Calais, la città por­tuale a 30 km dall’Inghilterra che ormai la stampa ita­liana defi­ni­sce come la Lam­pe­dusa fran­cese. In che senso, She­rif? Dove sono gli ita­liani? La mag­gior parte degli afghani e dei paki­stani che si tro­vano a Calais per pro­vare a rag­giun­gere l’Inghilterra par­lano per­fet­ta­mente l’italiano, hanno vis­suto nel nostro paese anche per tre-quattro anni e pos­seg­gono il per­messo di sog­giorno per pro­te­zione sus­si­dia­ria, da rin­no­vare ogni cin­que anni. Ma allora che ci fate a Calais se avete già i docu­menti in Ita­lia? Abdul e Mah­mud, tren­tenni che non desi­de­rano altro se non lavo­rare dopo anni di sof­fe­renze discu­tono con noi a lungo. Sono sicuri che se gli ita­liani fos­sero a cono­scenza dei loro pro­blemi fareb­bero qual­cosa per aiu­tarli. L’Italia gli piace. Vor­reb­bero viverci e lavo­rarci. Ma non c’è più lavoro. Sono stati tra i primi a per­dere il posto e dal 2012 si regi­stra un vero e pro­prio esodo di afghani ita­liani verso Inghil­terra, Fran­cia e nord Europa. Ma il loro per­messo di sog­giorno non per­mette di lavo­rare al di fuori dell’Italia.

La situa­zione a Calais è stata molto tesa negli ultimi giorni. Men­tre si avvi­ci­nava la Pasqua oltre 2000 dispe­rati che fug­gono da guerre, ingiu­sti­zia e povertà sono stati vit­time di una bru­tale offen­siva della poli­zia e dello Stato fran­cese che li ha con­cen­trati in un campo in un set­tore peri­fe­rico e palu­doso della zona indu­striale presso il cen­tro d’accoglienza diurno Jules Ferry. I campi dove vive­vano fino a poco fa suda­nesi, etiopi, eri­trei, afghani, paki­stani, ira­niani ed egi­ziani (Tio­xide, Lea­der­price e Gallo), sono diven­tati una distesa di rifiuti. Quello che resta è deso­lante. L’atmosfera è spet­trale. Oggetti di vita quo­ti­diana sparsi si mesco­lano ai nume­rosi falò ed al silen­zio. La poli­zia li ha infor­mati dell’espulsione il giorno prima, anche se le auto­rità ne par­la­vano già da feb­braio. In Fran­cia un’ordinanza d’espulsione dev’essere noti­fi­cata da un usciere giu­di­zia­rio pre­via denun­cia del pro­prie­ta­rio. Ma evi­den­te­mente quando si tratta di migranti la legge non è uguale per tutti. È bastato inviare qual­che poli­ziotto ad inti­mi­dirli e cac­ciarli. Da que­sto fine set­ti­mana tutti coloro che desi­de­rano rag­giun­gere l’Inghilterra da Calais vivono in quest’area enorme e lon­tana dall’abitato dove man­cano ser­vizi igie­nici ed acqua. Dalle 14 alle 17 pos­sono recarsi al cen­tro Jules Ferry per sor­seg­giare un tè o un caffè, ci spiega Dina, una gio­vane ragazza del posto che lavora qui. Oppure pos­sono essere accom­pa­gnati da un medico, usare i ser­vizi igie­nici e rica­ri­care i tele­foni cel­lu­lari. Dalle 17 alle 19 è il momento della distri­bu­zione dell’unico pasto a cui hanno diritto. Pre­sto saranno attive anche 70 docce. Inol­tre un pic­colo pre­fab­bri­cato dalla capa­cità di cento posti acco­glie le donne ed i bam­bini in situa­zione di dif­fi­coltà che lo desi­de­rano. Qua­ranta dipen­denti dell’associazione «La vie active» si alter­nano nel cen­tro durante gli orari di aper­tura. Otto di loro sono edu­ca­tori sociali, gli altri non hanno una for­ma­zione spe­ci­fica legata all’accoglienza o alla media­zione. Rica­pi­to­lando, per il momento un migrante a Calais, con­fi­nato nei pressi del cen­tro Jules Ferry, ha diritto ad un pasto al giorno, accesso ai ser­vizi igie­nici per tre ore e fra qual­che giorno anche ad una doccia.

Intanto è enco­mia­bile il lavoro delle nume­ro­sis­sime asso­cia­zioni e dei pri­vati cit­ta­dini che sono al fianco dei migranti per soste­nerli in que­sto enne­simo momento dif­fi­cile. Natha­lie, una donna qua­ran­tenne di Calais, ha por­tato il figlio di 7 anni a pas­sare la dome­nica di Pasqua tra i suda­nesi per aiu­tarli a costruire la loro nuova casa. Emmaus, Secours Catho­li­que Cari­tas e Calais, Ouver­ture et Huma­nité sono solo alcune delle prin­ci­pali realtà che in que­sti giorni stanno aiu­tando i migranti a tra­slo­care e a costruire nuovi ripari in un ter­reno sab­bioso dav­vero inde­gno. Pierre ed una decina di volon­tari di Emmaus sono venuti da Reims per pas­sare la gior­nata di Pasqua a costruire almeno quat­tro barac­che con inte­la­ia­tura in legno e coperte di sem­plici teloni di pla­stica per pro­teg­gersi dal freddo e dalla pioggia.

Mafioso, mafioso! Safir, egi­ziano sulla cin­quan­tina, mi rac­conta che è stato vit­tima di un impren­di­tore ita­liano con forti legami con la mafia e che sfrutta soprat­tutto gli egi­ziani sot­to­pa­gan­doli nel set­tore della logi­stica. In que­sto momento l’imprenditore è sotto inda­gine a Parigi.
Sayes, tren­tenne etiope, mi viene incon­tro gio­ioso. Dopo i riti dei saluti gli chiedo se pos­siamo fare qual­cosa per lui. Mi chiede una Bib­bia in inglese. Nient’altro. Mal­grado le dif­fi­coltà e la fatica, la fede resta l’unica forza e l’unica cer­tezza di que­sti uomini e di que­ste donne. Nono­stante molte capanne siano ancora in costru­zione, tre moschee con una capienza di una tren­tina di fedeli ed una chiesa orto­dossa sono già state ulti­mate. È stato il loro primo pensiero.

I bam­bini di Asmara

Bam­bino, bam­bino! Elia e David hanno 12 e 15 anni. Gli altri eri­trei con cui vivono li pren­dono in giro chia­man­doli bam­bini. Ven­gono quasi tutti dalla capi­tale Asmara. Per loro l’ottenimento dell’asilo è quasi auto­ma­tico in qua­lun­que paese euro­peo. Il regime dit­ta­to­riale di Afewerki, al potere dal 1993, obbliga uomini e donne ad un ser­vi­zio mili­tare semi­per­ma­nente, non accetta par­titi d’opposizione né la stampa libera e indi­pen­dente. Elia, David, Daniel e gli altri hanno scelto di andare in Inghil­terra per­ché par­lano benis­simo l’inglese e gli è stato detto che lì la vita è migliore. Salu­tiamo Daniel, qua­ran­tenne eri­treo spo­sato con tre figli che non sente da un anno per­ché nel suo vil­lag­gio non è ancora arri­vata la linea tele­fo­nica e non sa come comu­ni­care con la fami­glia. Mi dice che la pros­sima volta che ci incon­tre­remo sarà al ter­mine del regime in un bar ad Asmara.
Dopo anni di pro­te­ste, pro­vo­ca­zioni e popu­li­smo il sin­daco ed il mini­stro Caza­neuve hanno otte­nuto quello che vole­vano. Gli oltre 2000 migranti che da Calais pro­vano a rag­giun­gere l’Inghilterra vivono ghet­tiz­zati oltre la zona indu­striale. Qui non daranno più fasti­dio a nes­suno. Final­mente i turi­sti inglesi in vacanza potranno godersi tran­quilli la città e le spiagge. Con grande lun­gi­mi­ranza si è deciso di tor­nare alla situa­zione del 2002, quando le cen­ti­naia di migranti di allora erano con­fi­nati in un pae­sino ad ovest di Calais, a Sangatte.

Lasciando Calais ci ven­gono in mente le parole di papa Fran­ce­sco per la scorsa gior­nata della pace: «La glo­ba­liz­za­zione dell’indifferenza, che oggi pesa sulle vite di tante sorelle e di tanti fra­telli, chiede a tutti noi di farci arte­fici di una glo­ba­liz­za­zione della soli­da­rietà e della fra­ter­nità. Le pos­si­bi­lità di soli­da­rietà verso que­sti migranti sono nume­rose: andare sul posto ed aiu­tare a costruire le barac­che, inviare doni e denaro alle asso­cia­zioni che ope­rano sul posto, fare pres­sione sui nostri gover­nanti per arri­vare a leggi sulle migra­zioni più eque. Insomma, non dimen­ti­care di restare umani.



Related Articles

La festa Ferrari, oggi il debutto di Fiat-Chrysler

A Beverly Hills il sessantesimo anniversario del Cavallino in America. Prima quotazione di Fca a Wall Street Los Angeles

Khader, il «Bobby Sands» dei palestinesi: da 63 giorni in cella senza cibo

Indignazione cresce in Cisgiordania. Abu Mazen e Catherine Ashton (Ue) chiedono: rivedete il caso. Senza processo come migliaia di prigionieri nelle carceri israeliane da ieri in sciopero della fame. Da oltre due mesi ha intrapreso uno sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione amministrativa. Sta morendo. Il suo nome è Adnan Khader e nei Territori è diventato il «Bobby Sands» palestinese.

Ma Bruxelles avvisa il governo “Difenderemo la libertà  di stampa”

La commissaria Ue Reding: “Verificherò la compatibilità  del testo con le norme comunitarie”

Berlusconi, stop alle correnti nel Pdl “Smettiamola di farci del male da soli”

Il divieto di censura, il libero accesso alle fonti e la libertà  di trovare e pubblicare le notizie sono valori fondamentali per l’Unione
È importante bilanciare la lotta alla criminalità  e al terrorismo e il diritto dei cittadini alla privacy e alla protezione dei dati personali
Bocchino: “Bene, si apre una stagione di ascolto”. Il premier frena sulla tregua coi finiani

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment