I paladini dell’antiterrorismo

I paladini dell’antiterrorismo

A Tunisi, come a Parigi in gen­naio, una mani­fe­sta­zione di popolo che, dicendo «basta odio e morte», rifiuta non solo il ter­ro­ri­smo ma la guerra di cui esso è il sot­to­pro­dotto. Al cor­teo di Tunisi, come a quello di Parigi, hanno par­te­ci­pato però alcuni dei prin­ci­pali respon­sa­bili delle poli­ti­che di guerra che ali­men­tano la spi­rale di odio e morte.
In prima fila Hol­lande, pre­si­dente di quella Fran­cia che ha fino all’ultimo soste­nuto la dit­ta­tura di Ben Ali, garante degli inte­ressi neo­co­lo­niali fran­cesi in Tuni­sia, che sotto la pre­si­denza di Sar­kozy (oggi tor­nato in auge) ha con­tri­buito con la guerra di Libia alla dif­fu­sione del ter­ro­ri­smo. Non a caso gli autori dell’attacco al museo del Bardo sono stati adde­strati in Libia. E, accanto a Hol­lande, c’era a Tunisi il pre­mier Renzi, in rap­pre­sen­tanza di quell’Italia che ha con­tri­buito a incen­diare il Nor­da­frica e Medio­riente par­te­ci­pando alla demo­li­zione dello Stato libico. Ope­ra­zione per la quale gruppi isla­mici, prima clas­si­fi­cati come ter­ro­ri­sti, sono stati armati e adde­strati da Usa e Nato, che oggi espri­mono a Tunisi il loro appog­gio nella lotta al terrorismo.

Pre­sente alla mar­cia di Tunisi con­tro il ter­ro­ri­smo anche il vice primo mini­stro Kur­tul­mus, in rap­pre­sen­tanza del governo turco che – oltre a for­nire anche all’Isis armi e vie di tran­sito per la guerra in Siria e Iraq – ha fir­mato il 19 feb­braio un accordo con gli Stati uniti per adde­strare ed equi­pag­giare ogni anno 5mila «ribelli» (ossia ter­ro­ri­sti) «mode­rati» da infil­trare in Siria, la cui pre­pa­ra­zione viene curata da 400 spe­cia­li­sti delle forze spe­ciali Usa.

A fianco della Tuni­sia con­tro il ter­ro­ri­smo anche la monar­chia sau­dita, noto­ria­mente primo finan­zia­tore di gruppi ter­ro­ri­stici: il suo mini­stero degli esteri ha inviato un mes­sag­gio in cui sot­to­li­nea che «i prin­cipi di tol­le­ranza della reli­gione isla­mica proi­bi­scono l’uccisione di inno­centi». Men­tre Human Rights Watch docu­menta nel 2015 che «i nuovi rego­la­menti anti­ter­ro­ri­smo, intro­dotti da Riyad, per­met­tono di cri­mi­na­liz­zare come atto ter­ro­ri­stico qual­siasi forma di cri­tica paci­fica alle auto­rità sau­dite», in un paese dove – riporta «The Tele­graph» (16 marzo 2015) – ven­gono ese­guite ogni anno circa 80 con­danne a morte per deca­pi­ta­zione e molti altri sono puniti con la fusti­ga­zione, come il blog­ger Raif Badawi con­dan­nato a 1000 fru­state (50 ogni venerdì). Quanto l’Arabia Sau­dita eviti l’uccisione di inno­centi lo con­ferma nello Yemen, dove sta facendo strage di civili con i suoi cac­cia­bom­bar­dieri for­niti dagli Usa: in base a un con­tratto da 30 miliardi di dol­lari, con­cluso nel 2011 nel qua­dro di uno più ampio da 60 miliardi, Washing­ton sta for­nendo a Riyad 84 nuovi F-15, con rela­tivo arma­mento di bombe e mis­sili, men­tre pro­cede all’upgrade di altri 70. Con que­sti e altri cac­cia­bom­bar­dieri made in Usa, l’Arabia Sau­dita e i mem­bri della sua coa­li­zione con­du­cono, in nome del «comune impe­gno con­tro il ter­ro­ri­smo», una guerra sotto regia e comando Usa per il con­trollo dello Yemen, paese di pri­ma­ria impor­tanza stra­te­gica sullo stretto di Bab al-Mandab (27 km) tra Ara­bia e Africa, da cui pas­sano le rotte petro­li­fere e com­mer­ciali tra l’Oceano Indiano e il Mediterraneo.

E Washing­ton, men­tre cerca con tutti i mezzi di bloc­care il pro­gramma nucleare ira­niano, ignora che l’Arabia Sau­dita ha uffi­cial­mente dichia­rato («The Inde­pen­dent», 30 marzo 2015), per bocca del suo amba­scia­tore negli Usa, che non esclude di costruire o acqui­stare armi nucleari, con l’aiuto del Paki­stan di cui finan­zia il 60% del pro­gramma nucleare mili­tare. In nome, ovvia­mente, della lotta al terrorismo.



Related Articles

Kurdistan iracheno. Arrestato un curdo di Diyarbakir per l’attacco a Erbil

L’antiterrorismo del Krg ha arrestato due dei tre presunti responsabili dell’uccisione di un diplomatico turco, lo scorso mercoledì. Uno di loro è il fratello di una deputata dell’Hdp. Che avverte: nessuna ritorsione contro di lei

La Danimarca alza il suo Muro “Così teniamo lontani gli immigrati”

Sorgerà  alla frontiera con la Germania. La rabbia di Berlin.o    La recinzione voluta dai partiti di ultradestra sarà  completata entro l’anno 

Apertura del Cremlino: «I ragazzi di Greenpeace potranno tornare a casa»

Gli attivisti sotto processo e il nodo dei visti

«Nessuno li fermerà», gli Arctic 30 possono tornare a casa. Non è la fine dell’odissea degli attivisti di Greenpeace arrestati in Russia con l’accusa di teppismo dopo il blitz artico dello scorso settembre, ma le parole del capo dell’amministrazione presidenziale Sergei Ivanov segnano una svolta nella vicenda che coinvolge anche l’italiano Cristian D’Alessandro.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment