Grecia, duello con Bruxelles su Iva e pensioni L’attesa per l’ultima tranche di prestiti I tagli sulle previsioni per l’economia

Grecia, duello con Bruxelles su Iva e pensioni L’attesa per l’ultima tranche di prestiti I tagli sulle previsioni per l’economia
BRUXELLES La lista di riforme, che il governo greco di estrema sinistra ha fatto sapere di aver inviato venerdì scorso, non ha sbloccato la situazione. Dal negoziato in corso tra tecnici, a Bruxelles, è trapelato che si continuerà a trattare in questo weekend per trovare un compromesso — su quella che è stata ridimensionata come la “bozza” di Atene — in linea con l’accordo imposto alla Grecia (soprattutto su pressione della Germania) nell’Eurogruppo del 20 febbraio scorso.
Le distanze restano notevoli. Il premier ellenico Alexis Tsipras ha ribadito che punta a «una soluzione con l’Europa» purché gli consenta di fronteggiare l’impoverimento della popolazione e di rilanciare la crescita. La cancelliera tedesca Angela Merkel e i leader di altri Paesi creditori chiedono prioritariamente misure di austerità sufficienti a garantire il pagamento dei debiti. Da Atene hanno replicato non escludendo di accettare gli aiuti di Russia o Cina in caso di «rottura» con l’Ue.
Tsipras e il suo ministro delle Finanze Yanis Varoufakis hanno ottenuto l’eliminazione della troika, composta da Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale di Washington, che hanno accusato di aver provocato una emergenza umanitaria nel loro Paese pretendendo troppe misure di austerità. Ma il nuovo Gruppo di Bruxelles, che ha esteso la ex troika al Fondo salva Stati e alla stessa Grecia, pretende più o meno gli stessi impegni di prima per convocare un Eurogruppo dei 19 ministri finanziari, indispensabile per sbloccare i prestiti ed evitare l’insolvenza di Atene.
La lista di riforme di Tsipras aveva fatto ipotizzare il via libera già all’inizio della prossima settimana. Ma dai negoziati a Bruxelles sono trapelati dubbi su un esito così rapido. A Berlino non si accontentano di riforme contro l’evasione fiscale e la corruzione. Ad Atene non vogliono aumentare l’Iva e tagliare le pensioni. «Stiamo lavorando per un compromesso — ha dichiarato il ministro greco degli Affari economici internazionali Euclid Tsakalotos al quotidiano britannico Guardian —. Vogliamo una soluzione. Ma se le cose non dovessero andare per il verso giusto, bisogna sempre considerare lo scenario peggiore».
Tsipras tiene aperta l’alternativa di ottenere dalla Russia o dalla Cina gli aiuti eventualmente negati dall’Ue. Domani il ministro greco dell’Energia Panagiotis Lafazanis, considerato tra i più a sinistra nel partito Syriza, è atteso a Mosca dal collega russo Alexander Novak e dal numero uno del colosso energetico Gazprom Alexei Miller. Lo stesso premier greco ha in programma un viaggio dal presidente russo Vladimir Putin l’8 aprile prossimo. I rapporti tra Russia e Grecia sono tradizionalmente buoni anche grazie alla comune religione principale cristiano ortodossa. L’apertura della Cina verso Atene è legata soprattutto alla privatizzazione del porto del Pireo, che vede in corsa il China Cosco group. Fonti di stampa cinesi hanno annunciato la ripresa del programma di vendita inizialmente bloccato da Tsipras, riportando le dichiarazioni del vicepremier greco Yannis Dragasakis durante un incontro con autorità di Pechino.
Ivo Caizzi


Related Articles

Obama grazia l’Arabia saudita

Medio Oriente. Il capo della Cia, John Brennan, ha dichiarato che non ci sono prove di un coinvolgimento di Riyadh negli attentati dell’11 settembre 2011. Eppure le indiscrezioni su un documento ancora secretato direbbero l’esatto contrario

Tante buone micro-idee, senza macroeconomia. L’economia a Cinque stelle

Ora che il movimento 5 stelle è passato con successo attraverso le elezioni nazionali, è venuto il momento di guardare con attenzione a che cosa viene proposto in materia economica e di capire se quello che viene proposto è condivisibile o meno. Le prime battute post-elettorali di Grillo sono state inequivocabili: “Acqua pubblica, scuola pubblica, sanità  pubblica, reddito minimo di cittadinanza (…)”.

Pil Italia all’1,1% e deficit al 2,4% ecco i numeri Ue

Le previsioni di primavera di Bruxelles correggono dello 0,1% i dati del Def

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment